Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for aprile 2011

Un ricordo dedicato a Piero Guccini

di Matteo Radogna

…Piero Guccini, bibliotecario della Facoltà di Lettere Antiche, dell’Università di Bologna,   fu eletto consigliere per due mandati, a Minerbio, dove viveva con la famiglia  prima dal 1999 al 2009, prima con il centrosinistra poi con la lista civica.

Era molto attento ai temi ambientali e fu anche fra i fondatori, nel 2001, del comitato contro la centrale termoelettrica che avrebbe dovuto sorgere a Minerbio, ma che grazie alla battaglia dei cittadini non venne realizzata.

Pietro era stato un grande chitarrista e autore di canzoni raffinate, come Mondo Nuovo dell’album Amerigo del fratello Francesco.

Claudio Lolli lo ricorda: «L’ho conosciuto tantissimi anni fa in uno scantinato di piazza Minghetti.  Lì si erano ritrovati alcuni giovani per mettere in scena uno spettacolo teatrale.  Diventammo subito amici.  Era bravissimo con la chitarra, appassionato dalla musica d’autore brasiliana, con il suo accompagnamento incisi un disco.  Musicalmente, era molto più avanti dei tempi in cui componeva»…

Arte sociale

Da Otello Ciavatti

Il 30 Aprile alle ore 18.30 presso il tendone- Antoniano del parco della Montagnola si terrà, a cura di Piazza Verdi lavoro, un concerto di musica  classica cui sono invitati a partecipare le persone senza tetto e i
migranti.
Il concerto si svolge con il sostegno dell’Antoniano, Piazza Grande, Coordinamento migranti e singole persone come Roberto Morgantini.
Si tratta di un esperimento inedito teso a considerare la musica colta come
occasione per tutti di conoscere bellezza ed emozione.
Il brano  si intitola Minimax , una parodia delle marce militari scritta da
P.Hindemith.

L’esecuzione è affidata a un quartetto d’archi dell’associazione “Concordanze”, un gruppo di giovani musicisti che ha scelto di portare la musica colta nelle carceri, scuole, centri sociali.
Data l’importanza dell’evento che si svolge grazie ai finanziamenti della
Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e della Regione Emilia Romagna
Otello Ciavatti

Read Full Post »

 

 

Paolo Ferrari : un reporter e la sua città

Fotografia

dalla Casa della Fotografia

8 aprile alle 18

Paolo Ferrari in mostra dal’ 1 al 17 aprile : Aperitivo e incontro con l’ autore l’ 8 aprile alle 18 in via San Donato, 68 a Bologna.

da Roberta Rondelli

martedì 5 aprile · 18.30 – 21.30

Mostra fotografica

Camera a sud :  piccolo formato in Via Valdonica 5  / Via Marsala 20 a Bologna, Fotografie di Gabriele Chiapparini.

Il programma  ROUNDABOUT http://www.facebook.com/event.php?eid=199976426703874

Ritratto allo specchio foto di Roberta Ricci

Artisti che manifestano con la loro ricerca  contro  i disastri ambientali urlandolo ai satelliti


Dario Gambarin : Landart


L’ultima opera di Landart di Dario Gambarin,  pittore veronese trapiantato a Bologna, rappresenta l’artistica fusione  di due simboli: quello della pace e quello della radioattività.

“- Sono molto legato alla terra ”  spiega Gambarin, che prima di dedicarsi  all’arte faceva l’avvocato, “-   e credo che il futuro del mondo, un futuro  compatibile con la libertà e la dignità umana non possa prescindere da  un buon rapporto con la Terra, con la Natura.  Il simbolo del disarmo  nucleare, che è poi diventato simbolo della pace, fu ideato e disegnato  da Gerald Holtom nel 1958, l’anno della mia nascita e mi piace pensare  che ciò rappresenti un legame ideale. La mente umana è capace di grandi  cose positive e, purtroppo, anche di grandi nefandezze. Interessi e  fanatismi economici, l’insano desiderio di prevalere gli uni sugli altri  portano l’uomo a correre enormi rischi, come dimostrano i recenti  disastri avvenuti in Giappone.

Le nubi radioattive provenienti dalla  centrale di Fukushima sono già arrivate in molte parti del mondo, Italia  compresa. Che futuro vogliamo? Che mondo vogliamo lasciare ai nostri  figli? Un mondo inquinato e radioattivo o un mondo pulito?

Con la mia  opera di Landart non ho voluto lanciare un mio messaggio, ho voluto dare  voce alla terra, un urlo di allarme ma anche una voce di speranza?

L‘opera di Dario Gambarin si trova a Castagnaro , nella campagna  veronese ed è realizzato su un terreno di 35.000 metri quadri il  diametro è di 160 metri .

Per informazioni Dario Gambarin 333-8909901


Performance Antinucleare vista dall'alto di Dario Gambarin 1

Performance Antinucleare vista dall'alto di Dario Gambarin 2

Performance Antinucleare vista dall'alto di Dario Gambarin 3

Performance Antinucleare vista dall'alto di Dario Gambarin 4

Performance Antinucleare vista dall'alto di Dario Gambarin 5

Antonio Condemi

Sabato 9 Aprile 2011 ore 15.00-17.30Sala Cubo in Via Zanardi 245, Bologna
La qualita’ ambientale…se non qui, dove?

http://www.facebook.com/event.php?eid=161593330563138

Palombaro foto di Roberta Ricci

Nucleare a chi conviene?

mercoledì 6 aprile · 20.30 – 23.30

Alle Scuderie Bologna, piazza Verdi 2

Presentazione del libro di Gianni Mattioli e Massimo Scalia http://www.facebook.com/event.php?eid=195233497181706

Su FB

Cose in Comune Green a Sasso Marconi

http://www.facebook.com/profile.php?id=100000401682978

La mia strada di Roberta Ricci

A proposito di libri

I Bibliotecari necessari in mobilitazione

Illuminiamo la città

Mercoledi  6 aprile dalle 18

tra Piazza verdi e il Foyer del Comunale

Presentazione dell’ iniziativa “Illuminiamo la città” . Numerosi gli interventi :

Lezione-spettacolo Maurizio Matteuzzi . Letture tratte da testi di Simon Weil (Bologna al Bivio) Spettacolo di danza (Compagnia Fattoria Vittadini)  Spettacolo del  Gruppo Zoè –  Teatro Informativo Intervento di Giorgio Diritti.

Proiezione di “Old Cinema-Brustulein” – Freim, Elenfant Film, Maxman coop.Intermezzo musicale  col Quartetto di Saxofoni ‘900

Spettacolo di Ivano Marescotti.

Ore 21.30Live concert:

Piccola Banda Brigante (folk)Laradura (indie)Tubax (indie)

http://www.facebook.com/event.php?eid=122287967847147

Aidan Chamber alla Fiera del libro 2011


Una rilettura da Italo Svevo : La coscienza di Zeno (ed.Mondadori,1985)

…Forse traverso una catastrofe inaudita prodotta dagli ordigni ritorneremo alla salute. Quando i gas velenosi non basteranno più , un uomo fatto come tutti gli altri, nel segreto di una stanza di questo mondo

inventerà un esplosivo incomparabile, in confronto al quale gli esplosivi attualmente esistenti saranno considerati quasi innocenti giocattoli . Ed un altro uomo fatto anche lui come tutti gli altri , ma degli altri un pò più ammalato, ruberà tale esplosivo e si arrampicherà al centro della terra per porlo nel punto ove il suo effetto potrà essere massimo.

Ci sarà un’esplosione enorme che nessuno udrà e la terra ritornata alla forma di nebulosa errerà nei cieli priva di parassiti e di malattie…

Dal Centro Poggeschi
Cinema d’autore

Ingmar Bergman: un uomo alla ricerca di Dio
Martedì 5 aprile alle 20,45

presso la sala audiovisivi dell’Oratorio don Bosco, via Bartolomeo Maria dalMonte 12

Il settimo sigillo  di Ingmar Bergman,con Max von Sydow, Bengt Ekerot, Gunnar Björnstrand, Bibi Andersson.

Martedì 12 aprile alle 20,45

sala audiovisivi dell’Oratorio don Bosco, via Bartolomeo Maria dal Monte, 12: “Il posto delle fragole “, di Ingmar Bergman, con Victor Sjöström, Bibi Andersson, Ingrid Thulin, Max von Sydow.

Ingresso Gratuito.

Il Museo allo specchio

Ciclo di incontri promossi dalla scuola di specializzazione in Beni storici e Artistici dell’Università di Bologna . Gli incontri si terranno presso l’Aula Magna del complesso di santa Cristina in Piazzetta Morandi, 2 a Bologna

Martedì 5 aprile alle 18

Daniele Jalla parlerà dei servizi Museali di Torino

Lunedì 11 aprile alle 18

Bianca Tosatti  : Storica dell’arte

I mercoledì di Santa Cristina

stanno proseguendo gli incontri della programmazione 2011 Oncontri con l’arte al Dipartimento di Arti Visive Aula Magna di Santa Cristina in Piazzetta Morandi 2 a Bologna

6 aprile alle 17,30

Monica Centanni : tre signore tre medaglie

13 aprile alle 17,30

Lauro Magnani : strategie artistiche in una Repubblica aristocratica, Genova tra il 16mo e il 18 secolo

Da Spazio Labo’

Dal  Centro di Fotografia Frassinago 43/2c Bologna

sabato 9 aprile · 18.30 – 21.30

Quanto vale una fotografia?  Incontro con Mario Dondero e Nino Migliori, modera Maurizio Garofalo.

Maestri della fotografia : Nino Migliori e Mario Rebeschini

Nino Migliori e Gabriele Basilico

Convegni

Dall’ Associazione Fantomas


Sabato 9 Aprile 2011a partire dalle ore 15,

presso il Teatrino di Fantomas, in via Vinazzetti 1/3, a Bologna (zona universitaria), il C.S.P : Centro studi parapsicologici, Bologna  presenterà un convegno sul tema del Poltergeist.

Per interviste: prof. Giorgio Celli: 338/8424901Addetto stampa: Claudio Beghelli: 329/3231640

Da Umberto Faedi “Il Moschetto”

Vi aspetto sabato 9 aprile alle ore 17,00 a Porretta Terme
per festeggiare l’inizio delle nostre attività. Umberto Faedi Moschetto

Inaugurazione di un a galleria d’Arte a Porretta : Gomma Bicromata (Associazione senza scopo di lucro) …Quando l’arte va in montagna …

La rassegna stampa :

Sabato 9 Aprile  dalle 17

verrà inaugurata a Berzantina, proprio dietro alla Stazione FS di Porretta Terme (BO), l’attività culturale della Associazione Gomma Bicromata – Galleria delle Arti, con una mostra di artisti conosciuti a livello internazionale.
“Quando l’arte va alla montagna…” è il titolo dell’evento al quale parteciperanno Adriano Avanzolini, Maurizio Bottarelli, Cesare Cesarini, Alberto Colliva, Pirro Cuniberti, Franco Filippi, Maurizio Osti, Concetto Pozzati, Bruno Raspanti e Carlo Reina.


La mia strada di Roberta Ricci

Da Schiavetti Arte di Forlì
Canoni Inversi a Forlì

sabato 9 aprile dalle 17 e 30 alle 20,30

Palazzo Morattini Monsignani Pievequinta Forlì

30opere di Jacopo Dalmastri Giugni, Francesco Ferranti, Mauro  Moscatelli,Guerrino Siroli e Giovanna Zaghini. La mostra è  curata  da Schiavetti Arte.

da Sandra Senni pittrice, un post

Ciao, mi sono piaciute molto le tue foto.Ma qual’é la tua strada?

Grazie Sandra per il tuo interesse  alla mia ricerca, la mia strada è un reportage urbano , appunti visivi che trasformo in immagini amplificando dei particolari della realtà. La mia strada è fatta di tante strade, mi piace che le immagini siano riconoscibili perchè parlino il linguaggio di tutti

Grazie Roberta Ricci

La mia strada di Roberta Ricci

Politica internazionale Da Anna Rolli una mail

davvero impressionante, bisognerebbe farlo vedere qui in Italia.Il consiglio di vedere un video in  streaming

 http://vimeo.com/1677915


Read Full Post »