Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2012

Il brano Zemer Atik è suonato da Marco Dalpane

 

 

 

Aperitivo con l’autore è il titolo di una rassegna che ha avuto luogo alla  Biblioteca Comunale Casa Bondi di Castenaso.

In occasione del 67 mo anniversario della Liberazione , ha avuto luogo la presentazione del libro “La notte sul mondo : Auschwitz dopo Auschwitz ” di Roberto Dall’Olio , reading del  Walter Vitali, accompagnamento con la fisarmonica di Marco Dalpane, ha presentato la rassegna Giorgio Tonelli giornalista di Rai 3 e ora Assessore alla Cultura del Comune di Castenaso

 

 

Un passaggio importante del sen. Walter Vitali : i conti con la storia …

 

 

 

 

 

 

 

Read Full Post »

Iperbole 2020

Primo incontro dell’Agenda digitale per Bologna

Giovedì 26 gennaio, dalle 17.30 alle 19.30, all’Urban Center di Salaborsa, Piazza Nettuno 3, l’Assessore Matteo Lepore presenta alla cittadinanza le tappe di un percorso partecipato per definire le proposte dell’Amministrazione comunale in materia e-democracy e sviluppo sostenibile della città grazie all’uso delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

L’Agenda Digitale per Bologna, come stabilito dall’atto di indirizzo assunto dalla Giunta comunale e facendo propri gli indirizzi dell’Agenda digitale presentata dalla Commissione europea per il 2020, si pone l’obiettivo di affrontare  a livello locale e in modo coordinato lo sviluppo delle applicazione e delle potenzialità di internet e delle tecnologie ad essa associate.

Con i giovedì dell’Agenda Digitale, il Comune organizza a cadenza mensile dei meeting tematici informali e aperti a tutti gli interessati che approfondiscono alcuni punti dell’Agenda Digitale per Bologna.
Ogni evento prevede una presentazione del Comune e degli interventi di protagonisti del settore.
Gli incontri si tengono sempre all’Urban Center di Salaborsa verso il tardo pomeriggio ( 17.30-19.30) del giovedì, per favorire l’incontro tra professionisti e appassionati.
Parallelamente in città ci saranno altri eventi, con temi molto vicini all’Agenda Digitale, che saranno inseriti nel programma.
Per ulteriori informazioni e per essere costantemente aggiornati sui progressi dell’Agenda, si può consultare il blog appositamente creato.

Programma:

  • giovedì 26 gennaio, Presentazione del percorso dell’Agenda Digitale
  • giovedì 23 febbraio, Esiste una strategia territoriale per inclusione digitale?
  • giovedì 8 marzo, Come aumentare il coinvolgimento dei cittadini attraverso l’ uso dei media sociali
  • giovedì 15 marzo, Opendata: cosa sono, a cosa servono e presentazione dei dati resi disponibili, dal Comune di Bologna
  • giovedì 19 aprile, Bologna tra wireless pubblico e banda larga
  • giovedì 3 maggio, La gestione delle informazione in tempi di crisi

Read Full Post »

Dalla Presidentessa di Bononia Civitas Docta Antonella Miriello

M.oL.D. – DeLOcalizzareMateriali
promosso dal Quartiere San Vitale – Comune di Bologna e da Serendipità
a cura di Barbara Catterina, Etta Polico, Antonella Tandi M.oL.D. – DeLOcalizzareMateriali, è un progetto che nasce dall’idea di dar vita a un
insediamento artistico all’aperto collocato all’interno della zona universitaria di Bologna con il consenso e il contributo fondamentale di chi la vive  e la abita; è un contenitore reticolare che riunisce un gruppo di artisti con l’obiettivo di creare un rapporto capillare tra
arte contemporanea e città, coinvolgendo spazi pubblici e privati in un’area intorno a Piazza Verdi.

Seguendo un percorso, iniziato con la precedente edizione sul rapporto tra il corpo del cittadino ed il corpo dell’architettura, mold ritorna sulle
mappature urbane attraverso il tema dei segni e della scrittura. non si cancellamai: le scritte restano incise dentro e fuori.

Milena Naldi
Presidente Quartiere San Vitale

Muri di Nino Migliori

I muri di Nino Migliori

I muri di Nino Migliori

Le illustrazioni del Maestro Nino Migliori sono state tratte dalla sua Opera “Muri”.

Il calendario della manifestazione :

MOLD

MOLD : il programma

MOLD

MOLD

Read Full Post »

Museo Ebraico di Bologna
Via Valdonica, 1/5
40126 Bologna
tel. 051 2911280
fax 051 235430
info@museoebraicobo.it
Il 27 gennaio ricorre il Giorno della Memoria, fissato dalla legge n.
211 del 20 luglio 2000, data in cui, nel 1945, fu liberato il campo di
sterminio di Auschwitz e giudicata più adatta di altre a simboleggiare
la Shoah e la sua fine.

Il Museo Ebraico e la Comunità Ebraica di Bologna, in linea con la
legge che ha istituito questa giornata per la quale il Giorno della
Memoria non deve essere solo un evento commemorativo, che vuole
ricordare, spiegare e raccontare, ma anche un’occasione di profonda
riflessione, domenica 22 gennaio propongono, presso la sede del Museo
Ebraico di Bologna in Via Valdonica, 1/5, un ricco programma di
iniziative.

JACK SAL

DE/PORTEES

Videoproiezione in memoria dei deportati italiani

RUDY CREMONINI

LA VITA LA VEDIAMO A MEMORIA

installazione a cura di Luigi Meneghelli

Museo Ebraico di Bologna

dal 22 gennaio al 26 febbraio 2012

Le due mostre sono inserite nel programma di ArteFieraOFF (27 – 30
gennaio 2012) e Art White Night (sabato 28 gennaio 2012).

In occasione di Art White Night, sabato 28 gennaio, apertura
straordinaria dalle ore 21.00 alle 24.00.

ore 16.30 – presentazione del volume

di EMILIO DRUDI

UN CAMMINO LUNGO UN ANNO. GLI EBREI SALVATI DAL PRIMO
ITALIANO “GIUSTO
TRA LE NAZIONI”

(Ed. Giuntina, 2011)

Interverranno Massimo Mezzetti, Assessore alla Cultura Regione
Emilia-Romagna, Vittorio Emiliani, giornalista, Fabio Levi, Università
di Torino.

Conduce Franco Bonilauri, direttore MEB.

Sarà presente l’autore.

http://www.museoebraicobo.it/

Approfondisci le notizie <http://www.museoebraicobo.it/&gt; …

Altre attività collegate a Bologna
<http://www.museoebraicobo.it/Allegati/invitoGiornoMemoria2012_Comune.
pdf> …

ingresso libero per tutte le attività

prossimamente

altri appuntamenti in occasione del Giorno della Memoria 2012

Lunedì 30 e martedì 31 gennaio, ore 9.00

incontri per le scuole in cineteca

in collaborazione con Cineteca di Bologna, la proiezione riservata
alle scuole presso il Cinema Lumière dei film:

u 30 gennaio 2012 | ore 9.00

WUNDERKINDER di Marcus O. Rosenmüller

(consigliato a scuole secondarie di primo grado)

u 31 gennaio 2012 | ore 9.00

THIS MUST BE THE PLACE di Paolo Sorrentino

(consigliato a scuole secondarie di secondo grado)

Approfondisci la notizia
<http://www.museoebraicobo.it/Allegati/GdMemoria_cineteca_2012.pdf&gt; …

Mario Finzi

  Mario Finzi (Bologna 1913-Auschwitz 1945)

Assieme a Lucio Pardo, già presidente della Comunità ebraica di Bologna e ora presidente di Mistic Media si è tentato di ricostruire il percorso biografico di Mario Finzi, avvocato, musicista, militante di Giustizia e Libertà, perchè con la sua attività di militante, antifascista, resistente condensa  l’attività dei bolognesi antifascista e offre la meditazione per una vita vera ed intensa.

Quando la Sinagoga di Bologna venne abbattuta dalle bombe , per i ragazzini ebrei continuò a funzionare la scuola, tenuta in vita dalla mamma di Lucio Pardo, la signora Iris Volli e da Mario Finzi.

Ne abbiamo costruito uno scritto e speriamo di poterlo riuscire a tradurre in cinema. Chi salva una vita salva molte vite.

Mario Finzi salvò molte vite ma non si preoccupò di salvare la sua e morì di stenti ad Auschwitz poco prima che venisse liberata.

http://www.persinsala.it/web/racconti/mario-finzi-progetto-per-una-sceneggiatura-di-storia.html

La vita di mario Finzi si intreccia a quella dei ragazzi di Villa Emma per l’attività svolta dalla DELASEM (Delegazione Assistenza Emigrati Ebraici) e dall’Associazione Alijat Anoor che permetteva ai profughi di avere documenti per la fuga.

Le testimonianze relative a questi episodi vengono narrate da Renato Peri nel libro : “Mario Finzi, Bologna 1913-Auschwitz 1945 o del buon impiego della propria vita. Bologna : Barghigiani, stampa 1995.

Alfredo Peri ha raccolto le memoria di Ebe Castelfranchi Finzi, la mamma di Mario Finzi.

Mario Finzi con un'amica

Mario Finzi con un gruppo

Read Full Post »

Nonantola (Modena) 50 anni fa, visse un’esperienza estremamente bella e importante : il salvataggio della deportazione di circa 150 ragazzi ebrei, giunti profughi dalla Jugoslavia, furono ospitati, prima a Villa Emma e successivamente nascosti nel seminario e presso diverse famiglie di Nonantola.

Una parte dei ragazzi era già arrivata a Nonantola del luglio 1942 e un’altra parte arrivò nell’aprile del 1943, giungendo, questi ultimi da Spalato, in fuga dagli ustascia croati che collaboravano con i nazisti nella feroce persecuzione degli ebrei…

Dopo pochi mesi, nel settembre del 1943, in coincidenza con l’occupazione tedesca, il rischio di morte e deportazione si fece imminente anche in Italia e i nonantolani dimostrarono allora di sapere trasformare l’ospitalità in vera amicizia , solidarietà e fratellanza poichè, di fronte al pericolo, nel giro di 24 ore tutti i ragazzi e i loro accompagnatori, vennero nascosti e protetti all’interno del Seminario e ad opera di diverse famiglie di Nonantola, mettendo a repentaglio anche la vita delle famiglie stesse …

(Tratto da “Villa Emma : i luoghi e le persone : un episodio della resistenza che cinquant’anni dopo va alle radici della solidarietà. Pubblicazione a cura del Comune di Nonantola, 1993.)

I luoghi

Villa Emma

Villa Emma

Villa Emma

Villa Emma

I testimoni

in questi fotogrammi “Juss l’ebreo” come veniva propogandato nei media l’antisemitismo

La fuga dei ragazzi ebrei per l’Europa

Un testimone presente ai fatti

una ragazza di Villa Emma, sarà sempre una ragazza nel cuore dei nonantolani

lo storico che ha ricostruito l’episodio di salvezza agli occhi del mondo intero : Klaus Voight.

I fotogrammi sono stati gentilmente concessi da Aldo Zappalà, la proiezione del film è avvenuta al Vox di Nonantola : “I ragazzi di Villa Emma” un episodio di resistenza civile durante la guerra, il film è stato presentato da Gianni Minoli in “La storia siamo noi”.

Read Full Post »

Older Posts »