Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2013

Tarocchi

 

Storia di giocatori e giochi di carte dal Rinascimento di Girolamo Zorli
è stato presentato mercoledì 29 maggio alle 18.00 nella Galleria Acquaderni sotto l’egida della Libreria Feltrinelli di Piazza Ravegnana “Tarocchi e giochi di carte nel Rinascimento” pubblicato dalla Arnaldo Forni Editrice.

L’opera è originale di impianto e di argomento. L’autore nel suo nuovo libro descrive in nove brevi racconti personaggi rinascimentali intenti a giocare a carte sullo sfondo degli avvenimenti epocali e delle loro vicende personali. Libro godibile anche per i non addetti, illustra i giochi capostipiti di quelli odierni: i Tarocchi, il Flusso, la Primiera, il Gioco della Pariglia e degli Imperatori, della Cricca e della Bassetta.
Zorli racconta la passione di Ugo e Parisina, la sguaiatezza di Lorenzo de’ Medici, la miopia politica di Lodovico il Moro, i veleni dei papi medicei, il periodo veneziano di Pietro Aretino, la maledizione di Girolamo Cardano, la depressione di Torquato Tasso. Dall’Aretino Pietro apprendiamo che i giochi sono maledetti ma frequentati da tutti o quasi e che le carte erano e sono lo specchio di chi le ha in mano.

Momi Zorli

Momi Zorli in compagnia di un amico

Raffaele Pisunel pubblico Raffaele Pisu e signora

Read Full Post »

Coltivare il giardino 4giugno 2013doc _3_ copiaGiovedi’ 4 giugno alle 18 (se è bello in giardino) in Via Del Piombo 5

Maria Gabriella Buccioli ospite alla Biblioteca delle donne per presentare il suo libro ” I giardini venuti dal vento” , presentata da Elisabetta Landi.

Read Full Post »

Franca Rame...Quel Nobel era metà tuo

Ciao Franca !

Read Full Post »

Francesco franz Del Duca

Oggi abbiamo salutato per l’ultima volta Francesco “Franz ” Lo Duca

la foto è stata scattata in occasione della commemorazione annuale alla lapide di Francesco Lorusso.

Ha combattuto con coraggio la sua battaglia contro una inguaribile malattia , onore a Franz.

Ha scritto per ricordarlo ” Una sfida con me stesso e ad un mondo sconosciuto, il confronto con le forze della natura si trasforma in fusione di spirito e corpo, tra uomo e infinito, non sempre la realtà è fatta di cose…”

Intervista di Roberta Ricci

Read Full Post »

Sembra che il giovane Bobby Kennedy III abbia studiato a Bologna (nessuno lo sapeva) ed ha lasciato, cinematograficamente, a Bologna, una parte di sè, il film si chiama “Ameriqua”.

Il film parla di uno studente squattrinato a cui i genitori , per farlo crescere, negano il denaro , così in questa necessità lui è costretto formativamente a pedalare…un’ottima passeggiata sul come gli americani vivono gli italiani ed una visione di Bologna da un punto di vista particolare, da sottolineare la freschezza dei titoli di testa , che come ben sapete solo quelli sono oggetto di studio e concorsi per ogni film americano che si rispetti. Cheap è (o può essere) bello!

e per gli indecisi un’occasione in più per includere nei loro viaggi, Bologna…

 

Read Full Post »

Visto che i cineforum non sono più come quelli di una volta su Facebook si trovano autentici estimatori di cinema e di letteratura è il caso del regalo che ho avuto e che giro per amore della grande arte cinematografica : Kaos dei Fratelli  Taviani, un grazie di cuore ad Angelica Gagliardi .

Eccezzionale  e spiazzante l’interpretazione di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia.

Per par condicio non si può tacere il cinema indipendente ,  in particolare il cinema di Willy Masetti

In particolare, questo film, “Un incontro nell’oblio” parla degli incontri letterari che avvengono anche se non ci sono mai effettivamente stati , un incontro fra la poetica di Dino Campana e Antonio Delfini

Un incontro nell’oblio : un video di Willy Masetti from misticmedia on Vimeo.

Read Full Post »

bambini e la fotografia

La scuola dell’infanzia di Bologna è sempre stata al centro di studi, ricerche, sperimentazioni interessanti .

E’ il caso di una sperimentazione fatta dai bambini in età prescolare con le Polaroid in un asilo nido di Bologna . La ricerca, condivisa dalla  Polaroid  che fornì sia le macchine fotografiche che i supporti ha permesso di indagare su ciò che i bambini vedevano e rappresentavano, i risultati sono raccolti in un e-book : i bambini e la fotografia , le immagini ottenute erano difficili a pubblicarsi perchè la carta avrebbe generato  dispendio , così oggi con i social network siamo in grado di pubblicare i risultati .

polaroid021 polaroid001 polaroid002 polaroid003 polaroid004 polaroid005 polaroid006 polaroid007 polaroid008 polaroid009 polaroid010 polaroid011 polaroid012 polaroid013 polaroid014 polaroid015 polaroid016 polaroid017 polaroid018 polaroid019 polaroid020

Read Full Post »

Older Posts »