Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for novembre 2018

Rivoluzione positiva in arrivo nel mondo del pane confezionato. Il 19 Dicembre entra in vigore il Decreto N° 131 emanato l’1 Ottobre che regola la disciplina della denominazione a tutela del consumatore dei termini panificio, pane fresco e pane conservato. Le grandi catene di distribuzione mettono in vendita baguettes ed altre tipologie di pane fragranti che, seppur appena sfornate dai forni interni, spessissimo sono congelate e finite di cuocere presso le sedi dei super ed iper.

Dal prossimo 19 Dicembre quindi tutto il pane confezionato che ha subito un processo di congelamento, surgelazione o contiene additivi conservanti dovrà obbligatoriamente recare in etichetta la dicitura “conservato” oppure “a durabilità prolungata”. Nell’ambito del pane voglio citare quello di Matera, città che sarà nel 2019 Capitale Europea della Cultura.

Meno famoso del pane di Altamura ma non per questo inferiore, ha le sue origini nel Regno di Napoli e anche in tempi più antichi. Impastato esclusivamente secondo disciplinare con semola di grano duro derivata da grani di vetuste origini, deve avere un peso medio che oscilla da 1 a 2 chilogrammi ed un aspetto caratterizzato dall’altezza, dalla forma a cornetto e da tre tagli che simboleggiano la trinità. Ha ottenuto dalla Comunità Europea la IGP nel 1992. Una notizia curiosa arriva da Arona in provincia di Novara. Allo stabilimento dolciario Laica che in questo periodo lavora a pieno regime in vista delle feste natalizie, un’ operaia ha colpito una collega alla testa con una barra di cioccolato del peso di un chilogrammo a causa di un diverbio. La donna è stata ricoverata per trauma cranico all’Ospedale di Stresa. Non sappiamo se c’erano anche le nocciole, ma non sempre il cioccolato fa bene alla salute.

Umberto Faedi

Read Full Post »

Interessante e particolare degustazione alla Enoteca La Cantina in Via Toscana 105/D a Bologna. La Birreria Artigianale Baladin di Piozzo in provincia di Cuneo ha presentato quattro birre: Metodo Classico, Noel, 2014 e Beermouth. Metodo Classico Riserva 2016 è  preparata come un Metodo Classico, questa birra ha una gradazione alcolica di 10°. Fa 18 mesi sui lieviti poi viene sboccata e tappata. Alla vista si presenta con un deciso colore ambrato. Profumi di erbe con sentori di liquirizia. Al palato risulta con un retrogusto amarognolo e note di liquirizia. La abbiniamo con panettone di Filippi all’albicocca, caramello salato e classico con canditi e uvetta. La seconda birra si chiama Noel. Riso nero e piccole percentuali di liquirizia. Stesso metodo classico. Colore ambrato più accentuato e profumi più decisi. Dichiara 9°. La abbino con cioccolata e cantuccini classici e al cioccolato di Quarrata. La terza birra da divano si chiama 2014. Base di birra poi processo di macro ossidazione in barriques scolme. Non ha scadenza. Denuncia 14°. Ha un colore molto deciso che ricorda un rhum o un cognac. Note di liquirizia, legno dolce, spezie come pepe nero. Nessuna delle birre è pastorizzata e filtrata, essendo macroossidate possono stare senza tappo alcune ore senza essere danneggiate. L’ultima birra si chiama Beermouth, 19°, e deriva da un procedimento uguale a quello per ottenere il classico Vermouth Piemontese. Colore ancora più ambrato ma contemporaneanente chiaro, sentori di rabarbaro, bitter, spezie dolci, mandorla. Tutte le birre della Birreria Artigianale Baladin, oltre a quelle presentate nella degustazione, possono essere acquistate alla Enoteca La Cantina in Via Toscana 105/D e in punti vendita e locali in Italia e all’estero oltre che presso il Birrificio e Casa Baladin a Piozzo in provincia di Cuneo. Concludiamo la degustazione con un assaggio di liquori della Bottega di Amerigo confezionati a Monteveglio nel liquorificio che è in attività dal 1996. Nocino, Nocino Riserva che fa cinque anni in barriques con millesimo sulla bottiglia, Zabaione e Liquore di Limone sono elaborati con prodotti locali, il Maraschino con i frutti del Vignolese e dintorni, Caffè Moka con caffè fatti con le moke da 12 tazze, zucchero e acqua in riduzione alcolica mentre per gli altri liquori quali China China, Fernet e Rosolio trasparente senza coloranti vengono acquisiti per realizzarli prodotti erboristici naturali. Un’altra ottima ed interessante degustazione completamente gratuita ben organizzata alla Enoteca La Cantina in Via Toscana 105/D.

Umberto Faedi

 

Read Full Post »

Ha avuto luogo, nei giorni scorsi , nei locali della Biblioteca Borges a Bologna, la mostra, di Cristian Cizmar .

Scrive la curatrice della sua mostra, Arianna Fornasari, nella prefazione :

“Non sempre una mostra nasce dall’intenzione del fotografo di presenziare come artista dinnanzi al pubblico. E’ questo il caso di Cristian , italo-europeo, generazione anni Settanta, amante dei viaggi e dell’arte, proprio grazie ai primi, la stampa di alcuni scatti ha portato il turista Cristian ad esporre come fotografo. La sua macchina fotografica cattura dettagli o panoramiche di edifici e monumenti tramite un punto di vista soggettivo – oltre a quanto lo fa ovviamente l’occhio di chiunque scatti una foto – rendendo la composizione finale  un insieme visto attraverso un dettaglio , possa essere questo un oculo, una breccia nel muro, una finestra rotta, un’arcata.

Un filtro , inteso nel linguaggio fotografico, che diventa filtro architettonico. Non invalida la panoramica di chi visita la mostra, gli dà altresì uno sguardo altro  con cui approcciarsi al soggetto della foto, sia che lo si conosca che nel caso contrario. Non sempre l’artista è consapevole di esserlo, vuoi per modestia, vuoi perchè non sia, è proprio il caso di dire , scattato il lampo della piccola scintilla che alimenta il fuoco che a sua volta accende ed amplia la sua visione di sè come Artista, qui con la maiuscola  in quanto espositore.

Si potrebbe e si dovrebbe dire esponente, non solo nel senso di chi espone , ma anche di un futuro, ce lo auguriamo, in cui possa collocarsi in una qualsivoglia corrente stilistica o, ancora meglio, capostipite di una nuova.

Percorso difficile, senza dubbio, ma spesso il seme fertile del Genio si cela proprio laddove mai ci si sarebbe aspettati di trovarlo, o nei percorsi paralleli a quelli canonici. Occorre coltivare i nuovi talenti sono il terreno su cui edificare i prossimi corridoi espositivi.”

Arianna Fornasari

Dice Cristian che come nelle “Città invisibili” Italo Calvino invita il lettore a decifrare un linguaggio che è sotteso alla descrizione di città immaginarie , così io invito lo spettatore ad indagare il visibile di città reali europee descritte attraverso il mio obiettivo. 

Read Full Post »

 

Il 12 dicembre alle 18,30 in Piazza san Martino 3 a Bologna al Golem : “Worldcrash” di Willy Masetti  con la critica Azzurra Immediato e la fotografa Anna Rosati

I

 

L’eclettismo unico e straordinario di Willy Masetti traghetteranno gli ospiti ed i lettori in un brindisi natalizio sotto il segno della letteratura, della fantapolitica e dell’arte.
In occasione della pubblicazione dell’ultimo romanzo di Masetti, “Worldcrash” edito da Albatros, il 12 dicembre, alle 18.30, la critica d’arte Azzurra Immediato insieme con la fotografa e grafica Anna Rosati, creatrice della copertina del libro, approfondiranno gli aspetti artistici ed estetici di ‘Worldcrash’, in un interessante dialogo con Willy Masetti Fulvio De Nigris e Franchino Falsetti .
Sarà bello vedersi, brindare assieme, chissà che non arrivi anche Babbo Natale… Per ora non possiamo svelare altro…
Non mancate! Vi aspettiamo al Golem, in P.zza San Martino 3, a Bologna.

Read Full Post »

Zu.Art giardino delle Arti, Vicolo Malgrado ,3/2 a Bologna

Invito

Da venerdì 30 novembre fino al 10 dicembre la mostra sarà visibile su appuntamento (340 9817558)

Grazie di cuore per la calorosa partecipazione all’evento

Sandra Senni

Read Full Post »

Il Teatro Alemanni riapre i battenti e lo fa domenica 25 novembre alle ore 16. Il Teatro Alemanni era rimasto chiuso dal mese di maggio e solo a inizio ottobre è stato dato in gestione alla UILT (Unione Italiana Libero Teatro) Emilia Romagna, nello specifico al Presidente Pardo Mariani, e a due componenti del consiglio, Graziano Ferrari e Francesca Fuiano. La nuova gestione sarà dunque affidata alla neonata associazione Amici dell’Alemanni ETS con Mariani come direttore del TeatroFerrari in qualità di direttore Artistico e Francesca Fuiano come responsabile dell’Organizzazione e dell’Area Formazione.

Dal blog Bologna Informa

https://bolognainforma.wordpress.com/2018/11/22/inaugurazione-nuova-stagione-teatro-alemanni-domenica-25-novembre/#more-19715 

Colette interpretata e diretta da Silvana Strocchi al Teatro degli Alemanni a Bologna, l’1 dicembre alle 21

 

Read Full Post »

Un’occasione per rivedere la storia dei luoghi emiliano romagnoli con la figura leggendaria del Passatore , così chimato perchè traghettava uomini e merci da una sponda all’altra del Lamone, Giulio Pizzirani, attore, regista interpreterà la leggenda al Teatro Consorziale di Budrio l’1 e il 2 dicembre.

 

 

Read Full Post »

Older Posts »