Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Arte al cinema’ Category

August 3 – September 7
Paintings by Matthew Giuffrida

The Italian Cultural Institute presents an exhibition of paintings by Bay Area artist Matthew Giuffrida. Born in the New York City area and raised in Washington, DC, Mr Giuffrida lives and works in Vallejo, California. He attended the San Francisco Art Institute (SFAI) and the Academy of Art College taking classes from Joan Brown, Julius Hatofsky and William Scharf. Later he became a visiting artist and Instructor at the SFAI.

He has had many exhibitions including Paule Anglim Gallery (SF), Southern Exposure Gallery (SF), Galleria Della Pace (Rome), Fong Galleries (San Jose), Stephen Rosenberg Gallery (NYC), Ruth Bachofner Gallery (Santa Monica) and the San Francisco MOMA Artists Gallery. His work is represented in many public and private collections in both the United States and Europe.

On August 18, San Francisco-based photographer Dennis Letbetter will join Matthew Giuffrida for the Artist Reception and Talk at the Italian Cultural Institute.

On view: August 3 – September 7, 2017

Artist Reception & Talk: Friday, August 18, 6:30pm | RSVP
Italian Cultural Institute of San Francisco
601 Van Ness Avenue, Opera Plaza, Suite F

 

August 17
Spaghetti & Movie Night

The Italian Cultural Institute of San Francisco and
the San Francisco Italian Athletic Club proudly present

SPAGHETTI & MOVIE NIGHT
The first of a series of entertaining evenings combining one of Italy’s most iconic dishes with a film screening, in the style of the great American tradition.

Thursday, August 17 – 7:00pm
SF Italian Athletic Club, 1630 Stockton Street, San Francisco
Film: “When Italy Ate in Black and White”
(Quando l’italia mangiava in bianco e nero, documentary, 2016). A journey between the traditional recipes of Italian regional cuisine and the black and white images from the Istituto Luce’s Archive, exploring the eating habits and customs of the Italians in the past century.

Menu: Appetizers – Salad – Spaghetti with meatballs
Tickets: $35 per person – RSVP Club Office 415-781-0166, and online @ www.sfiac.org

In anticipation of the Festa Coloniale Italiana of August 19 and in conjunction with the Italian Government’s “Extraordinary Italian Taste” campaign.

 

September 8-9
Ars Minerva presents “La Circe”

Opera composed in 1665 by Pietro-Andrea Ziani with a libretto by Cristoforo Ivanovich. Sung in Italian with English supertitles.

 

September 8 & 9 | 7:30pm
ODC Theater, 3153 17th Street, San Francisco

Italian Cultural Institute Members and followers are entitled to a 15% discount on Silver and Gold seats. Use the code OPERA.

La Circe’s plot is based on the adventures of Circe, the goddess and magician of Greek mythology made famous by Homer’s Odysseyand Ovid’s Metamorphoses. After Ulysses escapes Circe’s clutches, the outraged enchantress remains on her island with a number of unlucky captives who will fall victim to her resentment and manipulations.

La Circe’s manuscript is attributed to Pietro Andrea Ziani (1616-1684) with a libretto by Cristoforo Ivanovich (1620-1689) and was created in Vienna in 1665 for the birthday of Emperor Leopold I. Despite the beauty of the music, La Circe fell into oblivion and has never been performed since. Ars Minerva’s production will feature eight singers, aerial dancer Katherine Hutchinson, and a small orchestra of five instrumentalists led by Derek Tam.

Ars Minerva is a performing arts organization created in 2013 by Céline Ricci. Its mission is to engage new and younger audiences for classical music through innovative productions. Ars Minerva is very proud to bring back to life forgotten music with the collaboration of local artists in the San Francisco Bay Area.

September 23

An Homage to Lina Wertmüller

Cinema Italia SF, in collaboration with the Italian Cultural Institute and the Italian Consulate General in San Francisco, is proud to announce its 6th Classic Italian Film program, celebrating the pioneering woman director and visionary whose fearless, polemical and provocative films have left indelible marks and influence on the international entertainment field.

See on the big screen the best films of the first woman ever nominated for the Academy Award in the Best Director category–all starring Giancarlo Giannini–along with the new documentary profile film by Valerio Ruiz.

PROGRAM
11:00 | Love & Anarchy (1973, 129 min.)
1:30pm | Behind the White Glasses (2017, 104 min.)
4:00pm | Swept Away (1974, 115 min.)
6:30pm | Seven Beauties (1975, 116 min.)
8:30pm | ‘White Glasses Party’ in the Theater’s Mezzanine
10:00om | The Seduction of Mimi (1972, 112 min.)

 

Saturday, September 23 | 11:00am (first screening) – 10:00pm (last screening)
The Castro Theatre, 429 Castro Street, San Francisco

Click here for more information and tickets

We also recommend:

August 19
Festa Coloniale 2017

This year’s celebration will be held on Stockton Street between Union and Filbert, in the heart of North Beach across from Washington Square Park and Saints Peter and Paul Church. This wonderful community-based cultural event will be celebrating the San Francisco Italian Athletic Club’s (SFIAC) 99th year as an official Italian social, cultural, and sports club.

In front of SFIAC’s facilities, you’ll find additional Italian-themed vendors, classic Italian cars, a variety of Italian food, wine tasting and live entertainment. For more information, please visit www.sfiacfesta.com.

Saturday, August 19 – 11am to 5pm
Stockton Street @ Washington Square
San Francisco

August 26 & 27
San Jose Italian Family Festa

The San Jose Italian American Heritage Foundation is honored to present the 37th Annual Italian Family Festa at History Park, August 26 & 27. Join us for a weekend of fun, music, food, cultural activities and more.
For more information, visit www.italianfamilyfestasj.org.

Saturday, August 26, 11:00am – 8:00pm
Sunday, August 27, 11:00am – 6:00pm
History Park San Jose
1650 Senter Road, San Jose, CA

LEARN ITALIAN
with Istituto Italiano Scuola

The Istituto Italiano Scuola (IIS) is an outpost of Italian language and culture in downtown San Francisco. As the only school affiliated with the Italian Cultural Institute, their mission is to provide the highest quality language instruction in the Bay Area, with over 30 Italian language classes and workshops each term. 

Find the best class for you and Register now
 

Italian Cultural Institute
601 Van Ness Avenue, Suite F
San Francisco, CA 94102

Tel. 415 788 7142
Email: media@sfiic.org

 

Read Full Post »

Ha avuto luogo, nei giorni scorsi, alla “Casa dei Risvegli Luca De Nigris ” , all’Ospedale Bellaria, che aiuta le persone ad uscire dal coma e intitolata al piccolo Luca, la proiezione del film di Teo De Luigi : “Wolfango una lunga fedeltà” che ricostruisce la vita del grande pittore bolognese e della sua Arte con dirette testimonianze e contributi sul campo. La proiezione è stata fatta nel giardino in cui si affacciano le camere dei pazienti. La partecipazione è stata al massimo dei posti a sedere consentiti .

La prima del film di Teo De Luigi al Lumiere.

 

Quando Fulvio De Nigris chiese a Wolfango di affrescare una parete della “Casa dei Risvegli” , una prima richiesta fu fatta a Magnus che non ebbe tempo di iniziare l’Opera, vi era la richiesta di interpretare dei segni in assenza, nelle loro evocazioni , dove Luca ci fosse pur non vedendosi.

Wolfango affrontò l’iconografia del coma con l’aiuto degli antichi testi, mitologia, vecchio e nuovo testamento. L’evento coma, per Wolfango è una coincidenza degli opposti, la vita sussiste e la morte non si è ancora conclusa …Così, dice Wolfango nel catalogo “Allegoria del coma” ed. Gli amici di Luca onlus, 2009. E prosegue : “- il mio pannello o icona che ho chiamato “l’allegoria del coma” è basato su figure dell’universo mitologico e da riferimenti di culture attinenti alle religioni di tutto il mondo. Dalla figura mitologica ho ricavato le figure del Sonno “Ipnos” e della Morte “Tanathos”. Sono fanciulli gemelli, il primo è rappresentato dormiente con una fiamma accesa, la vita e i fiori di papavero (il sonno), l’altro nell’atto di spegnere la fiamma di una fiaccola . Ho desuntod alle pitture vascolari lo stile e i passo ai cosiddetti cocci (ostrakoi da cui ostracismo)della Vita…

Nelle foto : Vittorio Riguzzi parla dell’Allegoria del coma, Alighiera Peretti poggi accanto all’Opera di suo padre, Fulvio De Nigris, con Wolfango e Maria (mamma di Luca) e Luca a destra dipinto da Wolfango , Wolfango al lavoro nella struttura

Read Full Post »

Per una serie di coincidenze il giovane John Maloof , nativo digitale, viene in possesso di scatoloni appartenenti ad una fotografa, Vivian Maier (1926-2009) ma non si tratta solo di materiale fotografico, rullini, girato o negativi , viene ad avere una sterminata collezione di tutto, ricevute, appunti , scontrini, stivati in cartoni che a loro volta contengono altre collezioni, secondo il principio delle scatole cinesi . Aiutandosi con lo scanner John Maloof comincia a digitalizzare una ricca parte della raccolta, la stampa con il procedimento in camera oscura e ottiene le stampe di Vivian Maier che facendo il lavoro di bambinaia spesso non aveva spazio per disporre di un luogo per stampare. Così inizia la storia di Maloof che parla degli scatti di Maier citando con fondamento Hellen  Lewitt, Robert Frank , Diane Arbus , che in sostanza sono presenti nelle foto di Vivian ,morta sola e dimenticata in un ospizio . Così John Maloof inizia il suo percorso di svelamento della personalità della Maier incontrando le persone accudite da lei per lavoro , scrive e realizza un video per Feltrinelli visibile nella mostra di Este. La macchina fotografica una Rollei 6×6 è stata la vera compagna della vita di Vivian Maier , sola e senza famiglia, portata sempre al collo per catturare ogni cosa. Le mostre di Vivian ora sono dovunque, un successo internazionale e ci fanno pensare a lei , una delle prime fotografe di strada , che inizia nel 1951, pioniera di uno stile che oggi ammiriamo. È davvero un prodigio la digitalizzazione e la rete una grande scoperta senza la quale non sarebbe possibile vedere oggi questa ricerca. Il responsabile è proprio John Maloof che, quando ha potuto disporre del materiale ha iniziato a proporre la visione ai suoi followers, sul web, riscuotendone successo e ciò lo ha stimolato ad andare avanti . Naturalmente, per stampare 50 mila rullini, ha chiesto un aiuto alle varie fondazioni e ha trovato degli alleati nel suo progetto, critici d’arte che lo hanno orientato e consigliato su quello che ora è il suo patrimonio. Ancora non è stato tutto stampato ma le mostre aiutano Maloof a non fermarsi. C’è un video che si intitola “Alla ricerca di Vivian Maier”  cui il giovane e volenteroso mecenate ha scritto la sceneggiatura che ha vinto il premio Toronto ai film biografici, nel 2016. E la ricerca e le attribuzioni delle foto sono ancora aperte.

 Vivian Maier (Finding Vivian Maier) è un film del 2013 diretto da John Maloof e Charlie Siskel. È un documentario sulla fotografa Vivian Maier. Le opere della Maier erano quasi completamente sconosciute durante la sua vita, e il film documenta come Maloof scoprì i suoi lavori e la sua vita come bambinaia a Chicago attraverso interviste a persone che la conobbero. Il film è stato presentato in anteprima il 9 settembre 2013 al Toronto International Film Festival. In seguito è stato proiettato a numerosi festival, ed è stato distribuito negli Stati Uniti il 28 marzo 2014 dalla Sundance Selects. In Italia è stato distribuito il 17 aprile dalla Giangiacomo Feltrinelli Editore. Il film ha vinto diversi premi, e ha ricevuto una nomination per l’Oscar al miglior documentario ai premi Oscar 2015. Alcuni frames del suo video .

Read Full Post »

A sei anni, mentre è in vacanza con lo zio il piccolo Bill sarebbe annegato, se non fosse stato per la presenza di spirito dello zio, la leggenda dice che nasce così il timore/amore di Bill Viola per l’acqua. In effetti, gli ingredienti della sua arte ci sono tutti , la manipolazione del tempo, il rapporto dell’uomo con il mondo, la riflessione, i simboli, l’inizio e lo svolgimento di un percorso iniziatico. Certo, in epoca pre-digitale la vita di un artista come Bill Viola era più complessa dal punto di vista effettistico.

Nel 1974 Bill Viola agli inizi della sua sperimentazione , si trasferisce a Firenze, invitato da un movimento che stava crescendo e diffondendosi nell’arte elettronica, in Via Ricasoli, 22 , dove artisti di tutto il mondo usavano a loro modo il video. Se Stendhal inizia il suo percorso a Santa Maria Novella, Bill Viola lo inizia alla Chiesa di Santa Croce con gli affreschi di Giotto, i rilievi di Donatello, le tombe di Michelangelo e Galileo. Anche se in precedenza non ne era attratto è così che Bill Viola entra in contatto con l’antichità rielaborandola con artisti di carattere internazionale, Sandro Chia, Gino De Dominicis, Jannis Kounellis, anche loro a Firenze per i loro video.

Bill Viola rielabora una visione di camera oscura, utilizzando il criterio della grande pittura, Vermeer in testa, che crea la sua luce in piccole camere che dipingerà nel formato più consono. In effetti una dichiarazione a questa realizzazione la troviamo in una visione delle ore di Santa Caterina , installazione presente nella mostra, le ore del giorno nella stanza monacale , ora et labora : Catherine’s Room (2001). In cui la visione del passare delle ore fluisce col senso di passare la vita. Non si sa se la prescelta santa sia perchè ha dimostrato fin dal passato una sua spiccata personalità, sono famose le sue lettere al Papa per farlo tornare da Avignone , la vita scorre nelle ore fatte a loro volta di momenti. La Storia delle vite delle Beate domenicane è un capitolo che aveva aperto Viola alle Galleria dell’Accademia di Venezia. Significativa è una “Visitazione” della Vergine che incontra la zia e la cugina Elisabetta per strada, un set cinematografico che nello sfondo mostra una porticina dove due persone smanettano col cellulare.

L’opera è dedicata al Manierismo a Pontormo, la tecnica usata è la slow motion, un saluto fra le tre donne (nell’opera di Pontormo sono quattro Viola ne sacrifica una) il rallentamento del movimento e la moltiplicazione dell’analisi dei gesti .

http://www.palazzostrozzi.org/mostre/bill-viola/

(Tratto da : Bill Viola  di Arturo Galansino , Art eDossier, Giunti, 2017)

mde

 

 

Read Full Post »

E’ sicuramente nota l’attrazione che Federico Fellini aveva per il mondo circense. Fin da piccolo lo attraeva tutto quello che lo poteva portare fuori dalla realtà, in mondi fantastici, popolati da personaggi straordinari e fuori dall’ordinario. Una passione radicale, oseremmo dire un’ossessione; una lente con la quale guardare il mondo. La sua visione della realtà era profondamente intrisa di amore per il circo e per i clown in particolare, e proprio per questo gli venne congeniale rappresentare nei suoi film persone appartenenti a questo mondo. Fellini costruì i suoi personaggi in base alla dialettica tra il clown Bianco e il clown Augusto: il primo costituisce la figura dominante, colui che ordina e impone le sue regole; il secondo, invece, è colui che si ribella alle regole e allo stile di vita del clown bianco (in generale con i caratteri del ʻclochardʼ). il mondo circense esplorato da fellini2Fellini, oltre a costruire identità clownesche nelle sue opere, si circondò nella sua vita di personaggi dalle chiare caratteristiche circensi, molto spesso spiccatamente involontarie. Due su tutti, Nino Rota e Giulietta Masina. Rota è il co

Rota è il compositore delle maggior parte delle colonne sonore dei film felliniani, ed è definito proprio un “clown inconsapevole, ignaro di tutto ciò che lo circonda”. L’altra è la moglie di Fellini, Giulietta Masina, il suo “clown asessuato”. La Masina è stata la perfetta interprete dei personaggi più circensi dell’intera filmografia felliniana: Gelsomina in La strada e Cabiria ne Le notti di Cabiria.

Per il regista riminese, infatti, la moglie Giulietta “ha gli stupori, gli sgomenti, le improvvise esplosioni di allegria ma anche gli altrettanto improvvisi rattristamenti di un clown”.  In generale, si può facilmente affermare che le atmosfere del circo influenzano tutta la filmografia di Fellini, dall’esordio Luci del varietà (1950), scritto a quattro mani con Alberto Lattuada, a La voce della Luna (1990). La sua filmografia rappresenta un’evoluzione  stilistica della “maniera felliniana” e il mondo del circo è uno dei suoi aspetti principali che il regista utilizza per la caratterizzazione del proprio mondo immaginario.

Tratto da :

http://www.recencinema.it/parliamo-di/84-cinema-e-cultura/4701-il-mondo-circense-esplorato-da-fellini

https://it.wikipedia.org/wiki/Federico_Fellini

 

 

Read Full Post »

 comunicato stampa del Centro San Domenico

La parola e la politica Ivano Dionigi Università di Bologna

Già nel V sc. a.C. il sofista Gorgia aveva teorizzato che “la parola è un potente sovrano che compie i più grandi miracoli: spegnere la paura, eliminare la sofferenza, alimentare la gioia, accrescere la compassione”.
Alla parola tutto è possibile, vincere tutte le cause, anche quelle manifestamente deboli, grazie alla sua triplice funzione: insegnare (docere), “affascinare” (delectare), “convincere” (movere).
La parola, il logos, come afferma Aristotele, è la marca distintiva dell’uomo che lo differenzia dagli animali che ne sono privi (a-loga). Pertanto non solo alcuni studiosi, ma tutti dobbiamo essere “filo-logi”, vale a dire “amici e curatori della parola”.
Essa, ci insegna Cicerone, può costruire o distruggere la Respubblica, a seconda che sia praticata dai demagoghi o dai saggi, perché può edificare o distruggere le città, cancellare o redigere costituzioni, far scoppiare o far cessare le guerre. Essa ha un duplice taglio, un duplice segno: positivo o negativo, a seconda che sia sim-bolica, nel segno dell’unità, o dia-bolica, nel segno della divisione. Fondamentale che il logos coinvolga e attraversi l’altro facendosi dia-logos, dialogo appunto.
Una domanda si impone: che ne è oggi della parola? Come mai nell’era del web planetario e del maximum di mezzi di comunicazione, minima è la comprensione? Costruttori di una quotidiana Babele linguistica, viviamo nel bisogno e nell’attesa di una pentecoste laica che ci consenta di leggere il mondo e di capirci ognuno nella propria lingua.

Salone Bolognini
Convento San Domenico
piazza San Domenico 13
Bologna ingresso libero

I MERCOLEDI’ ALL’UNIVERSITA’
14° anno – 3° incontro

8 febbraio 2016
Ore 21

Cercare Dio nella palude Le persecuzioni dei missionari in Giappone da Shusaku Endò a Martin Scorsese Tiziano Tosolini ( missionario saveriano) Centro studi asiatico dei missionari saveriani – Osaka Nanzan Institute for Religion and Culture – Nagoya. Introduce e modera Marco Bernardoni dehoniano

Shusaku Endò (1923-1996), definito il “Graham Green giapponese”, è stato tra gli scrittori del Novecento più letti e tradotti in Occidente. Nelle sue opere, che per oltre trent ‘anni hanno occupato posizioni di rilievo nelle classifiche dei best sellers, ha affrontato tematiche inconsuete per la mentalità del Giappone, in particolare il rapporto con il cristianesimo.
Nel romanzo storico Silenzio (1996), considerato una delle sue opere più riuscite e ora portato sullo schermo da Martin Scorsese (il film esce nelle sale italiane il 12 gennaio), Endò ambienta la vicenda nel “secolo cristiano” dal (1549 al 1638), il doloroso periodo di persecuzione inaugurato dallo shogunato Tokugawa, che mise al bando l’attività dei missionari occidentali.
Tiziano Tosolini dirige il Centro studi asiatico dei missionari saveriani a Osaka, in Giappone ed è ricercatore al Nanzan Institute for Religion and Culture di Nagoya. Ha studiato Teologia alla Pontificia Università Urbaniana, Pedagogia all’Università di Parma e Filosofia all’Università di Glasgow. In questi mesi tiene corsi alla Pontificia Università Gregoriana di Roma.

Sede dell’incontro
Aula Magna di San Sigismondo
Via San Sigismondo 7/A
Bologna

RINNOVO QUOTE
Cari Soci e Amici, all’inizio del nuovo anno 2017, ricordarvi l’importanza di rinnovare, qualora non l’abbiate già fatto, la quota associativa, assume un valore fondamentale per la continuità del cammino già iniziato.
Le iniziative e i progetti per questo nuovo anno sono già partiti e come sempre troverete argomenti e presenze che saranno capaci di alimentare il piacere della riflessione e la curiosità culturale.
La segreteria

notizie
Ricordiamo a tutti i nostri soci che il Centro San Domenico ha stipulato le seguenti convenzioni:
con il Laboratorio di Diagnostica:
i nostri soci potranno usufruire di uno sconto pari al 10% su ogni prestazione.

commento su Silence di Martin Scorsese

spero vivamente che Silence di Martin Scorsese sia candidato all’Oscar. Tratto dal libro di Shusaku Endo parla delle memorie di viaggio di un mercante olandese che si trova due gesuiti nel cuore del Giappone, correva l’anno 1640 c.a.e loro erano stranamente sopravvissuti all’Inquisizione, il film, molto intenso parla di questo caso. Non faccio spoiler. E’ un film intenso, forte, di emozioni, di scavo. Andrew Garfield e Adam Driver i protagonisti che svoltano con questo potente film dalla loro carriera di film blockbuster (sia pure di livello) Liam Neeson, impeccabile , I costumi sono dei nostri Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo (pluri premi Oscar) il montaggio, come al solito, ma lavorare assiduamente per Scorsese è come arrivare ad un irraggiungibile mostro sacro, è affidato a Thelma Schoonmaker (e si vede) gli esterni sono girati nel Sud est asiatico. L’Inquisitore è una maschera in cui è dipinto un sadico sorriso benevolo. Prendetevi una boccata d’ossigeno di grande arte. Ne vale la pena. Erano trent’anni che Martin Scorsese voleva fare questo film.

Roberta Ricci 

 

Read Full Post »

004_inverno-1993-pastelli-su-tavola

Inverno di Wolfango

001_primavera-1993-pastelli-su-tavola

Primavera di Wolfango

002_estate-1993-pastelli-su-tavola

Estate di Wolfango

003_autunno-1993-pastelli-su-tavola

Autunno di Wolfango

Le opere riprodotte nascono dalla richiesta di un committente che voleva fare affrescare i soffitti della sua casa da Wolfango, lui propose questa soluzione, più articolata, delle quattro stagioni dipinte, poi collocate in alto. Le opere sono state appena esposte a Palazzo D’Accursio e denominate dalla curatrice, Alighiera Peretti Poggi, figlia di Wolfango : Le quattro stagioni : concerto per frutta e verdura, un richiamo alla pittura che confluisce con la sua ritmicità nella musicalità. A pochi giorni dalla scomparsa del grande pittore Wolfango Peretti Poggi, ha avuto luogo la proiezione del film del regista Teo De Luigi “Wolfango : una lunga fedeltà” un film sulla sua biografia, le sue Opere e come le trame della città di Bologna si sono venute ad accostare nella vita dei cittadini alla pittura di Wolfango. Fautore di un’Arte allo stato puro, nemmeno iperrealista perchè avvicinandosi alle Opere se ne coglie la trama uno scavo nel profondo  della materia pittorica .

teo_01 teo_02 teo_03

Read Full Post »

Older Posts »