Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Bologna’ Category

Il Suygenta Photography Award è un concorso fotografico internazionale che si propone di attirare l’attenzione e di attirare il dibattito sulle più importanti sfide globali . L’edizione 2017 è dedicata a “Grow Conserve” la contrapposizione fra crescita e conservazione delle risorse…
I lavori della mostra hanno accompagnato i lavori del G7 Ambiente a Bologna, le immagini sono esposte a Casa Saraceni in V. Farini 14 a Bologna fino al 14 settembre. Ingresso libero. Aria condizionata , e così, come dice lo scrittore Danilo Masotti , ci si può andare spostandosi un momento dal refrigerato banco delle mozzarelle del supermercato

La mostra è a Casa Saraceni / Genus Bononiae in Via Farini, 15 è ad ingresso libero e dura fino al 14 settembre.

 

I fotografi in finale e successivamente premiati

Premio a Claudia Jguarribe

 

Syngenta Photography Award: Open Competition
Caption: Gaewern Slate Mine, abandoned in 1970
Category: General Category
Photographer: Robin Friend
Taken on: 19/8/2013
Email: robin.friend@network.rca.ac.uk
Address: 34 Kyverdale road, Flat 1, London, N16 7AH, United Kingdom
Telephone: +44 7737485169
Image caption: The picture is a warning and hopefully a deterrent. We must act to change societies ‘throw away’ attitude and recycle the minerals we have removed from the earth rather than discarding and dumping them in landfills never to be used again. Ironically all of the objects in this picture have been made from natural resources that have come from a mine. By recycling these objects we can minimize the negative environmental impacts of mining, save energy and ensure our mineral resources are sustained and secure for future generations to come.
The challenge of creating a photograph in complete darkness in a mine is a testing experience. Ropes, harnesses and inflatable dinghies are needed and very long exposures with the help of a hand held torch are used to make the final image
Location: Near Corris, Snowdonia.
Year taken: 2015

la foto è di Jan Mc Naught Davis (un selfie accanto ad una cava dove viene ripulito l’oro con bagni di mercurio)

 

“Filippine” fotografo Gulhelm Landry , un campo coltivato alle prime luci dell’alba altrimenti un  parassita  distruggerebbe le colture Gulhem Landry Filippine (da notare come può somigliare questa immagine ad un pittore come Telemaco Signorini) questa immagine parla di una aratura che sollevando zolle di terra in prima mattina attiva una particolare difesa naturale dei parassiti che infestano la coltivazione

 

 

Read Full Post »

foto di Patrizio Patrizi

Sono visi. Ci passiamo ogni giorno davanti. Ci chiedono:”ricordatevi, abbiate memoria, avete ancora bisogno di noi. Siamo i morti:i deportati, ammazzati,impiccati,lapidati. Siamo i partigiani, gli antifascisti. Date retta a noi: dateci la vita. Vi serve”

Il percorso di uno dei più grandi artisti del nostro tempo, Christian Boltanski,sulle anime, sulla memoria. Si farà una passeggiata in bici non agostinica. Da una idea di Roberta Ricci (Mistic mMedia) in collaborazione con FIAB BOLOGNA MONTESOLE

il programma del 27 agosto dalle 9 alle 13 (ritrovo alle 9 in Piazza Maggiore)

Il 27 agosto dalle 9 alle 12 ci sarà un giro ciclistico, non agonistico ,sui luoghi toccati dall’installazione di uno dei più grandi artisti viventi, Christian Boltanski, a Bologna. L’appuntamento è in Piazza Maggiore davanti al sacrario dei caduti partigiani.
Riflessioni sull’opera : il 21 aprile 1945, le madri, le mogli, le famiglie dei partigiani portano le fotografie dei loro congiunti fucilati e danno luogo a quello che diventerà un Sacrario. Oggi Boltanski nei suoi Bilboard/Tabelloni ingrandisce gli sguardi dei partigiani e li rivolge a noi, perchè ne facciamo memoria e tesoro. Il giro ciclistico, organizzato dall’Associazione Mistic Media e dalla FIAB (Bologna Montesole) si concluderà al Mambo per la visita alla mostra alle 12 .

Anime di luogo in luogo alla ricerca di Christian Boltanski, verranno fatte delle letture di Italo Calvino, Nuto Revelli.

Piazza Maggiore, Bologna, 21 aprile 1945. “il posto di ristoro”, delle fucilazioni dei partigiani. Nasce una epica spontanea, un racconto. E l’intervento di Christian  Boltanski oggi riflette su questo.

Una installazione  i Billboards/Tabelloni che lasciano un pò interdetti infatti ci sono sguardi penetranti che – simili ad un cartellone pubblicitario – troneggiano in vari punti della città, anche periferici. Sono gli occhi dei caduti partigiani in Piazza Maggiore, posti accanto a sala Borsa, ingranditi e posti di fronte a noi. Per non dimenticare, per ripassare ciò che è stato in un linguaggio fotografico aggiornato così come deve essere aggiornata la nostra coscienza storica. E grazie per avere trasformato Be (Bologna Estate) in Best , fa la sua differenza …

Le vie di Bologna in cui ci sono le installazioni

Via Agucchi / Via Arcoveggio / Via Battindarno / Via Colombo / Via di Corticella – fronte via Primaticcio / Via di Corticella / Via Due Madonne / Via Industria / Via Lenin / Via Lipparini – angolo via Stendhal / Via Marco Emilio Lepido / Via Mattei / Via Pertini / Via Zanardi / Viale Saragat / Via Shakespeare / Via Stalingrado / Viale Felsina / Viale Nenni / Viale Togliatti / Viale Vighi

Christian Boltanski l’autore

http://www.artribune.com/arti-visive/arte-contemporanea/2017/07/intervista-christian-boltanski-mostra-bologna/

La mostra al Mambo il curatore Danilo Eccher

 

Mambo mostra permanente

Read Full Post »

“There are more young people than ever before, over 40 percent of the world’s population in Under 25.
Their future depends on the choices we make”
Il dato Sygenta (https://www.syngenta.it/)
Dice Ban Ki Moon (ex segretario delle Nazioni Unite)
“Il cambiamento climatico è intrinsecamente legato alla salute pubblica, alla sicurezza alimentare , all’acqua, alle migrazioni,alla pace e alla sicurezza…
Noi abbiamo la responsabilità di proteggere la fragile rete della vita su questa terra per questa generazione e per quelle che seguiranno”
La mostra che era stata concepita per i lavori del G/ è ancora visibile a Bologna, casa Saraceni, Via Farini, 15 ingresso libero. Fino al 14 settembre.

La foto che ha vinto uno dei premi Sygenta è di Mark Neville : http://www.markneville.com/

 

 

 

 

Read Full Post »

Accanto alle manifestazioni la lettura, in 85 punti diversi e di 85 diversi lettori e lettrici, alcune memorie sul passaggio delle 85 persone che sono state straziate dalla bomba nella Stazione di Bologna. In questa location, dietro al Convento di San Domenico, alcune letture rievocative

Read Full Post »

Ha avuto luogo, nei giorni scorsi, la conferenza stampa “Burattini a Bologna : estate 2017 tributo a Wolfango”. A qualche mese dalla sua scomparsa Riccardo Pazzaglia realizza i desideri di Wolfango di portare in piazza non solo l’arte dei burattini ma farli recitare  commedie antiche come l’Amleto di Shakespeare (l’alla bolognese), il 2 settembre , che vedrà come burattinai, il prof. Eugenio Riccomini, il prof. Antonio Faeti e il prof. Vittorio Franceschi. Regia di Riccardo (o come lo chiamava Wolfango Riccardino) Pazzaglia .

Padrino della manifestazione è Vito Stefano Bicocchi che aveva già dato la sua voce a Topo Gigio, la curatrice e figlia di Wolfango, Alighiera Peretti Poggi con Riccardo e Milena Pazzaglia. Al cortile d’onore di Palazzo D’Accursio. Dal 15 luglio .

La conferenza stampa , in sala anche Davide il figlio di Wolfango

 

Read Full Post »

Dal 15 luglio al 2 settembre tornano a Bologna i burattini d’estate, dal 15 luglio al 2 settembre spettacoli, incontri, performances e piccoli laboratori per i più piccini a cura di Riccardo Pazzaglia.

Il grande pittore Wolfango Peretti Poggi, nella sua immensa poliedricità artistica, si legge nel comunicato stampa, è stato anche un profondo conoscitore della’arte burattinaia della sua città ed integliatore di burattini. A lui è dedicata tutta la manifestazione, che terminerà il 2 settembre con “L’Amleto” di Wolfango (detto alla bolognese, con l’articolo) versione burattinesca del grande  classico di Shakespeare di cui Riccardo Pazzaglia curerà la regia e gli allestimenti, seguendo scrupolocamente le indicazioni lasciategli da Wolfango.

Per il gran finale di rassegna saranno presenti gli amici di Wolfango, il critico d’arte prof. Eugenio Riccomini , che curerà la presentazione dello spettacolo, il prof. Antonio Faeti e  l’attore Vittorio Franceschi  che prenderanno parte alla manifestazione come burattinai.

Read Full Post »

venerdì 7 luglio 2017, ore 17

Sala dello Stabat Mater dell’Archiginnasio 

Inaugurazione della mostra

Bellezza e ornamento del libro
Premiato Stabilimento Luigi Degli Esposti 

Bologna. Legature d’arte novecentesche dalle collezioni Calò, Cendron e Massa.

Interventi dei curatori e visita guidata alla mostra.

di più:

http://www.bibliotechebologna.it/eventi/51430/date/2017-07-08/date_from/2017-07-08/id/91660

Read Full Post »

Older Posts »