Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘cinema Fulgor di Rimini’ Category

‘Se non è vero – mi disse – è come se lo fosse’. Allora, da quel momento, io non volli verificare più nulla di ciò che Fellini andava raccontando, del resto i suoi racconti erano tutta la sua verità”.
RenzoRenzi

Figura esemplare di critico cinematografico, scrittore, cineasta, divulgatore e organizzatore culturale, Renzo Renzi è stato tra i fondatori della Cineteca di Bologna.
Lo ricordiamo nel centenario della nascita (13 dicembre 1919-17 ottobre 2004) con un programma di proiezioni e con una mostra, allestita nell’atrio del Lumière e nella biblioteca a lui intitolata, che testimonia la sua amicizia con  Federico Fellini.
Introducono la figlia di Renzo, Lisetta Renzi, Gian Luca Farinelli, Vittorio Boarini e Giacomo Manzoli (Università di Bologna).

Nella gallery, un assaggio della mostra ‘Federico Fellini per Renzo Renzi’, allestita nell’Atrio del Cinema Lumière fino al 31 gennaio 2020 (ingresso libero), con oltre ottanta disegni di Fellini appartenenti alla collezione privata di Renzi.

http://www.cinefiliaritrovata.it/la-lezione-immortale-di-renzo-renzi/?fbclid=IwAR14QYs4ZinvBtKAI7eKpHydUlZ2Pf6lwH8xS-Xn0igVSgj7vVlntlfFg2s

due disegni di Federico Fellini il primo per lo Sceicco Bianco, il secondo un disegno di Renzo Renzi le due foto sono dell’inaugurazione del cinema Fulgor, 2017 dove i personaggi di Fellini sono stati portati in vita da attori

 

 

 

 

 

Read Full Post »

ANTEPRIMA IN CINETECA

Giovedì 24 maggio, giovedì 31 maggio e giovedì 7 giugno

Cinema al Lonely Planet UlisseFest: il viaggio inizia in poltrona.

Varda, Ai Weiwei, Wenders, Salvatores, Ammaniti e tanti altri.

 

Che cosa ci spinge a viaggiare se non i racconti e le immagini dei luoghi che vorremmo scoprire di persona?

A Rimini, la festa della Lonely Planet (www.ulissefest.it) gioca d’anticipo e, in attesa del fitto week- end (8-10 giugno 2018), che travolgerà la città di eventi e ospiti nel segno del viaggio, propone in Cineteca, nei giovedì dal 24 maggio al 7 giugno (ore 21, ingresso libero), 3 film che ci invitano a partire ma soprattutto a riflettere sul mondo in cui viviamo.

Si parte, giovedì 24 maggio appunto, con Visages, villages della regista belga Agnés Varda, premiata quest’anno con l’Oscar alla carriera, che reinventa il road movie, portandoci dalle spiagge ‘storiche’ della Normandia ai dock di Le Havre, ai villaggi della Provenza, alla scoperta di quello che resta, di quello che cambia e di quello che scompare del mondo operaio e contadino. Ad accompagnarla e condividere questo progetto, lo street artist JR, famoso per le sue gigantesche fotografie in b/n esposte negli spazi pubblici di tutto il mondo.

Si prosegue giovedì 31 maggio con Human flow, il “flusso umano” raccontato attraverso la testimonianza diretta di Ai Weiwei, l’artista cinese attivista per i diritti umani e ambasciatore di Amnesty International, che applica la propria sensibilità pittorica ai grandi scenari del presente.

Chiude questa anteprima in Cineteca, proprio alla vigilia del festival, giovedì 7 giugno, uno dei film che più hanno segnato l’immaginario dello spettatore italiano negli ultimi due decenni del secolo scorso: Marrakech Express di Gabriele Salvatores, il primo della cosiddetta trilogia della fuga che porterà il regista milanese a vincere l’oscar con Mediterraneo: uno scanzonato viaggio alla ricerca di se stessi di un gruppo di amici interpretati da Diego Abatantuono, Fabrizio Bentivoglio, Gigio Alberti e Giuseppe Cederna, protagonista anche di un altro appuntamento durante le giornate del festival.

Venerdi 8 giugno si alza il sipario sulla seconda edizione, la prima riminese, dell’UlisseFest e la sezione “cinema” cambia location: dalla Cineteca al Fulgor, il mitico cinema di Fellini, da poco restituito alla città con l’allestimento scenografico di Dante Ferretti.

Alle ore 22,00, la prima giornata di programmazione del Festival si chiude con il sale della terra, un viaggio tra lo splendore del mondo e l’irragionevolezza umana, ispirato dalla fotografia di Sebastião Salgado, co-diretto da Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado, figlio dell’artista.

Più fitto il palinsesto cinematografico della seconda giornata dell’UlisseFest, sabato 9 giugno: alle ore 17, saranno presenti Niccolò Ammaniti (nel suo debutto alla regia) e Erica Balbiani (produttrice) con il giornalista Paolo Di Paolo per la proiezione di the Good Life, il racconto della vita di tre italiani, tre hippies partiti per l’India dove hanno trovato il senso della loro esistenza. Alle ore 19, l’artista Roberto Paci Dalò presenta Ye Shanghai, una performance audiovisiva sulla vita prima del 1949.

Al centro del lavoro la storia incredibile del ghetto, una zona di un miglio quadrato dove convivono le culture ebraica, cinese e giapponese. Infine, alle ore 22,00, il regista Diego Pascal Panarello dialoga con lo scrittore Gianluca Favetto in occasione della proiezione di the Strange sound of happiness, viaggio surreale dalla Sicilia alla Siberia seguendo come unico filo rosso l’ipnotico suono del marranzano.

In coda alla proiezione una piccola sorpresa.

Tutti gli spettacoli sono a ingresso libero.

Contatti Patrizia Renzi | +39 339 8261077 | p.renzi@edt.it

 

Read Full Post »

Ha riaperto, a Rimini, il 20 gennaio, il cinema Fulgor, primo luogo di attrazione di Federico Fellini al cinema, al compimento di quello che sarebbe stato il novantotttetisimo compleanno del celebre regista romagnolo.

Il Fulgor nasce nel 1914, ma è solo nel 1920 che trova sede nell’attuale palazzo Valloni dopo una prima ristrutturazione ad opera dell’architetto Addo Cupi. Poco più di 97 anni dopo, il cinema, ristrutturato dall’architetto Anni Maria Matteini, riapre e nell’inusuale allestimento del premio Oscar  Dante Ferretti che ha lavorato con Fellini in 6 film.

L’accoglienza è stata data dalle anime   dell’immaginario felliniano, La Gradisca, La Tabaccaia, le soubrettes che rappresentavano gli amori trascorsi di “8 e mezzo”, Don Balosa, “Lo sceicco bianco”.

Gli interventi delle autorità :

Il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi che ha creduto fermamente nel progetto , il Presidente della Regione Emiia-Romagna Stefano Bonaccini che l’ha supportato, il Ministro Dario Franceschini, che ha finanziato il progetto ministeriale, l’attore Sergio Rubini, il premio Oscar Dante Ferretti, ha introdotto Francesca Fellini, nipote di Federico e ha presentato Andrea Purgatori .

 

 

Prima parte

 

Seconda parte

 

Read Full Post »

E’ stato inaugurato, a Rimini,  dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni assieme al Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini (nella foto il primo a sinistra)  e al Sindaco di Rimini Andrea Gnassi (a destra nella foto)  il cinema Fulgor che, per l’arredo ha avuto la prestigiosa consulenza del premio Oscar e amico personale di Federico Fellini Dante Ferretti

https://tinyurl.com/y7tseru8

 

 

Read Full Post »

Cinema Fulgor: in pubblicazione il bando europeo per la gestione

E’ in pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale europea, sulla Gazzetta ufficiale italiana, su due quotidiani locali e due nazionali, oltre che sul sito del Comune di Rimini (sezione “Bandi e gare”), la documentazione per partecipare alla procedura per la concessione della gestione del cinema Fulgor.

Il bando

Il bando rimarrà aperto sino a lunedì 26 giugno: 39 giorni, dunque, per presentare un’offerta sia tecnico-gestionale che economica, formulata sulla base di alcuni requisiti ritenuti obbligatori.

Tra questi: il vincolo di riservare ai film d’essai il 70% della programmazione, di osservare almeno 250 giornate di apertura all’anno, di sviluppare proposte a favore degli istituti scolastici e del pubblico più giovane, di realizzare progetti di valorizzazione della struttura e di attuare programmi dedicati alla diffusione della storia del cinema.

Al Comune saranno riservate almeno 10 giornate di utilizzo gratuito del cinema, mentre a cura e a spese del Concessionario saranno i lavori di finitura e la fornitura di arredi e attrezzature che a fine concessione entreranno a far parte del patrimonio pubblico.

Non sono previsti contributi da parte del Comune né un canone fisso a carico del Concessionario, ma un canone variabile che il Concessionario dovrà corrispondere solo sulla parte di ricavi annuali eccedenti la soglia di 350.000 euro. 18 anni è la durata massima della concessione, una durata ritenuta idonea per rendere sostenibili e adeguatamente redditizi i costi di investimento, quantificati in circa 400.000 mila euro, e di gestione, di cui il piano economico-finanziario fornisce una descrizione dettagliata.

Un ulteriore obbligo in capo al futuro concessionario è costituito dal termine ultimo di avvio della gestione: entro 90 giorni dalla consegna della struttura.

 

Il Fulgor

Dopo quasi dieci anni di chiusura, tra novembre e dicembre prossimi tornerà dunque a illuminarsi lo schermo del Fulgor. O, più precisamente, gli schermi del Fulgor, dal momento che il cinema più antico della città, il cinema che deve la sua fama mondiale a Federico Fellini che lo ha rappresentato in Roma e reso immortale in Amarcord, riaprirà con due sale di proiezione.

E’ questo infatti uno degli elementi strutturali di maggior rilievo introdotti dall’architetto Annio Matteini che ha progettato, per conto dell’Asp Valloni, ora Asp Valloni Marecchia, l’intervento di ristrutturazione del settecentesco Palazzo Valloni, dove, dalla fine degli anni Dieci del secolo scorso ha appunto sede, a piano terra, il Fulgor, dopo essere stato inaugurato nel novembre del 1914 nel vicino Palazzo Romagnoli.

Accanto alla sala storica, ricostruita esattamente dov’era, è stata infatti aggiunta una seconda sala, più piccola, ricavata nell’area prima occupata dal retro della farmacia, che affacciava sul Corso. Se la sala storica ha una capienza massima di 190 posti (158 in platea e 32 in galleria) e una superficie di circa 250 mq, la seconda sala ha una capienza massima di 52 posti e una superficie di 70 mq. A unirle un atrio centrale, di circa 90 mq, che ospita le funzioni di servizio: sala, bar e scala di accesso alla galleria.

Entro metà luglio saranno terminati anche i lavori di posa in opera e montaggio dell’allestimento scenografico progettato dal Maestro Dante Ferretti: pannellature policrome e balaustre decorative, cornici e lampadari a soffitto, decori e corpi illuminanti a parete, che ricreeranno un’atmosfera anni trenta di gusto, definito dallo stesso scenografo, tre volte premio Oscar, “romagnol-hollywoodiano”.

Il museo Fellini

A questo bando ne seguirà, a distanza di qualche settimana, un secondo anch’esso internazionale, che riguarderà la progettazione definitiva del Museo Fellini, un museo diffuso, che sarà articolato in 3 assi: Castel Sismondo; i tre piani superiori di Palazzo Valloni, a cui si accederà da piazzetta San Martino e dunque con ingresso separato rispetto a quello del Fulgor; e un’area urbana di circa 15.000 mq, un grande parco dell’immaginario fellinesco, chiamato “CircAmarcord”, che attraverserà e collegherà, in un percorso interattivo e multimediale, il Centro storico della città.

Info: http://www.comune.rimini.it/comune-e-citta/comune/gare-appalti-e-bandi/procedura-aperta-201734

L’Ufficio Stampa

Read Full Post »

Older Posts »