Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Cinema’ Category

In   Emilia Romagna  Pupi Avati  ha girato  “Il signor Diavolo” un noir della Bassa Padana sta raggiungendo ottimi risultati al botteghino  . Il biografo di Pupi Avati Andrea Maioli ha scritto un libro su Pupi Avati : “Sogni, incubi, visioni” ed ha  scritto una biografia del regista  .

La Cineteca di Bologna ha organizzato tre serate,  in omaggio a Pupi Avati  proiettando tre film del regista durante la rassegna “Sotto le stelle del Cinema ” .

 

Read Full Post »

Per Francis Ford Coppola e la visione di “Apocalypse Now”  Piazza Maggiore non è bastata, per contenere il pubblico sono state aperte altre due grandissime sale , in contemporanea, così l’intervista di presentazione di Coppola andava in onda in contemporanea  nelle sale deputate a “Il cinema ritrovato” che quest’anno è arrivato a oltre quattromila persone, appassionati provenienti da tutto il mondo.

Il regista ha parlato del suo film, dei tagli di oltre mezz’ora che ha dovuto apportare e della sua attuale e riscoperta , restaurata, integrità. Nella standing ovation che lo ha preceduto Coppola ha ricordato il suo fotografo, Vittorio Storaro a cui ha dedicato la proiezione del film.

https://festival.ilcinemaritrovato.it/conversazione-con-francis-ford-coppola/

Scrive Alessandro Criscitello : “Se Coppola riesce in meno di due ore a rivoluzionare il concetto stesso di masterclass,  è in conferenza stampa che si lascerà maggiormente andare a dissertazioni circa il proprio lavoro e all’esclusiva presentazione del famigerato final cut di Apocalypse Now. “Quando Harvey Weinstein – che non dovremmo nemmeno considerare vivo ma, di fatto, esiste – fece uscire Apocalypse Now, il film ebbe un grande successo e ne rimasi particolarmente sorpreso. Apocalypse Now Redux del 2001 non deve essere considerata come la versione definitiva, ma soltanto la versione lunga, con tutto il materiale di scarto incluso. Quando hanno espresso interesse nel proiettarlo al Tribeca Film Festival, ho pensato che la versione corta fosse troppo corta e che la versione lunga fosse davvero troppo lunga, così ho provato a prendere una decisione che rispettasse il tema del film. Come si può servire al meglio il filo conduttore del film? È un esercizio che pratico per ogni lavoro: cerco sempre di tenere a mente una o due parole chiave che descrivano bene di cosa parli il film. Nel caso de Il padrino il tema era la successione, La conversazione è incentrato sulla privacy, il tema di Apocalypse Now è la moralità. Quando ho realizzato questa versione per il Tribeca hanno detto che avevano bisogno di un nome, così ho deciso di chiamarla Final Cut, perché credo sia la versione migliore che potessi realizzare.”

 

Il giorno prima, Francis Ford Coppola ha tenuto una lezione al Teatro Comunale, presentato  di Marco Bellocchio

 

Nella foto di Lorenzo Burlando il pubblico in Piazza Maggiore per la proiezione di Apocalypse Now Final Cut

 

Read Full Post »

 

Ha avuto luogo a Bologna, nei giorni scorsi un raduno dei Cinematti su Fb uno dei gruppi più attivi sul cinema sui  social, l’amministratore  Nicola Di Monte al centro della  foto ha presieduto il raduno , con lui due cameramen per filmare l’incontro, il suo commento  : “Grande serata cinematta ieri a Bologna  🙂 grazie alle ragazze che hanno organizzato e a tutti i partecipanti. La nostra bella storia continua ormai da dieci anni.. e non finisce qui…  ;)”

Read Full Post »

 

Il programma :

https://festival.ilcinemaritrovato.it/programma/?qlayout=calendar&qprj=1&qev=1&qcat=0&qsec=0&qday=0&qplace=0&qtime=0   

 

http://www.cinetecadibologna.it/files/lumiere/giugno2019/Sotto%20le%20Stelle%20del%20Cinema%202019%20programma.pdf

 

Be Here! “Sotto le stelle del cinema”, dal 17 giugno al 14 agosto il grande cinema in Piazza MaggioreCinema: Martin Scorsese racconta Bob Dylan – locandina

 

Da Iperbole

http://www.comune.bologna.it/news/sotto-le-stelle-del-cinema-2019

“Rolling Thunder Revue: Martin Scorsese racconta Bob Dylan”, è questo il titolo che inaugura lunedì 17 giugno la nuova stagione di Sotto le stelle del cinema, la rassegna che Cineteca di Bologna, nell’ambito di Bologna Estate 2019, offre alla città e che anche quest’anno riempirà le serate dei migliori restauri e delle migliori copie dei classici che hanno fatto la storia del cinema, ma anche dei film più visti e amati di questi ultimi anni.

“Bologna è città di cinema e questo ci viene ormai riconosciuto da registi e attori internazionali che scelgono di venire in Piazza Maggiore in occasione del Sotto le stelle del cinema e di collaborare con Fondazione Cineteca – afferma l’assessore alla cultura e promozione della città Matteo Lepore. E’ una realtà di cui dobbiamo essere orgogliosi come cittadini e per questo ringraziamo lo staff di Cineteca che porta avanti, grazie alle sue altissime competenze e professionalità, un lavoro prezioso che valorizzeremo ancora di più nei prossimi anni”.

Sotto le stelle del cinema offrirà fino al 14 agosto un cartellone incredibile, composto da 56 serate di grande spettacolo e cultura completamente gratuite, in una delle piazze più belle d’Italia. In programma le retrospettive dedicate a alle donne che hanno fatto grande il cinema italiano, ai classici di tutti i tempi come “Via col vento” a quelli degli anni ’90, al mito di Jean Gabin, al regista Oliver Stone e al genio tutto bolognese fratelli Antonio e Pupi Avati, senza dimenticare alcuni dei grandi restauri presentati in piazza come anteprima del festival “Il Cinema Ritrovato”, tra i quali Rocky diretto nel 1976 da John G. Avildsen e lo straordinario “Hanno rubato un tram” diretto nel 1954 da Aldo Fabrizi e ambientato a Bologna.

Anche quest’anno arriveranno in Piazza Maggiore grandi ospiti internazionali come Nicolas Winding Refn che il 21 giugno introdurrà la proiezione di “Drive”; Francis Ford Coppola che il 28 giugno parlerà di “Apocalypse Now – Final Cut”; Jane Campion che introdurrà “Lezioni di piano” il 30 giugno; Oliver Stone che racconterà “The Doors” e poi ancora Lina Wertmüller, Matteo Garrone, Claude Leoluche, gli attori Riccardo Scamarcio e Paola Cortellesi e molti altri altri ancora, per concludere poi con la Notte della Filuzzi, lo spettacolo musicale di Bologna Estate 2019 che trasformerà il crescentone in una grande pista da ballo, dove festeggiare insieme il ferragosto. Be Here!

Read Full Post »

“…Di fronte al rogo di Notre Dame, anche la Cineteca di Bologna scende in campo. Quest’estate, nel programma del tradizionale cinema in piazza Maggiore ci sarà spazio anche per la proiezione del cortometraggio «Notre Dame – cathèdrale de Paris», girato nel 1957 da Georges Franju. Inoltre, la Cineteca è pronta a mettere a disposizione il materiale custodito nei propri archivi per aiutare i restauratori a ricostruire fedelmente la cattedrale. Commenta il direttore della Fondazione Cineteca, Gian Luca Farinelli: «Siamo tutti sconvolti, le immagini di Notre Dame che brucia ci hanno fatto male, riuscivo a vederle solo per alcuni secondi. Notre Dame fa parte della mia cultura di cittadino dell’Europa, che è diversa dalla cultura di un cittadino di Shanghai o di Buenos Aires»…

Dal Corriere di Bologna del 17 aprile

https://corrieredibologna.corriere.it/bologna/cronaca/19_aprile_17/omaggio-cineteca-bologna-piazza-maggiore-corto-notre-dame-franju-c519f748-610d-11e9-a069-e8b9fdda85e7.shtml

 

Read Full Post »

 

Un parcheggio abbandonato verrà trasformato in laboratorio della Cineteca di Bologna formando un distretto che attrarra’ il mondo internazionale del cinema.
La cineteca al momento paga l’affitto a privati e così questa spesa verrà risparmiata.

Dal post su Facebook del Sindaco di Bologna Virginio Merola

Renato Zangheri ci ha lasciato la più bella definizione di Bologna: città dell’incontro e del dialogo. Ed è proprio così: questo siamo e questo è il nostro destino. A lui verrà intitolato il nuovo polo della Cineteca di Bologna -laboratorio di restauro, archivio e aule didattiche – che sorgerà nell’ex parcheggio Giuriolo.
Questo è uno dei progetti del #PianoPeriferie da 18 milioni di euro. I bandi per le gare sono in corso di pubblicazione e questo ci permette di mettere in moto la macchina per aprire i cantieri.

Riqualificazione dell’ex parcheggio Giuriolo: l’ex parcheggio Giuriolo – comandante partigiano ucciso dai nazisti a Lizzano nel 1944 – diventerà un nuovo polo, dedicato al patrimonio cinematografico e alla memoria cittadina, che non ha precedenti nel mondo, grazie alla trasformazione degli spazi nella nuova sede, da un lato, dell’Archivio film della Cineteca di Bologna (con un patrimonio di 80 mila titoli filmici, e fondi di immenso valore storico per il cinema italiano e mondiale e per la fotografia), e, dall’altro lato, del laboratorio di restauro L’Immagine Ritrovata, considerato oggi un punto di riferimento assoluto a livello internazionale. Nuovi spazi che si apriranno anche al pubblico, che potrà così conoscere il patrimonio e il lavoro che la Cineteca di Bologna svolge nella conservazione, nel restauro e nella diffusione dei capolavori della storia del cinema, con la presenza di una sala cinematografica, un’area per proiezioni all’aperto nella stagione estiva, aule studio dedicate alla formazione, ricordando la vicinanza dell’ex parcheggio Giuriolo alle Aldini Valeriani. Un prospettiva di riqualificazione che non riguardi solo l’edificio – il cui abbattimento risulterebbe peraltro molto oneroso – ma venga intesa anche in termini di socialità della zona, nel Quartiere Navile: un luogo che porterà circa cento lavoratori al giorno, oltre ai visitatori, professionali e non, uno spazio aperto al quartiere, dove il lavoro sui film sarà messo in mostra con percorsi guidati; senza dimenticare tutto l’indotto che si creerà di conseguenza nell’area circostante, con una superficie verde progettata attorno al nuovo polo, pensata per aprirsi e connettersi al tessuto urbano circostante.

Nelle foto, tratte da internet com’è l’area oggi e come diventerà

Tutti i dettagli qui: http://www.comune.bologna.it/…/piano-periferie-bandi-cantie…

 


Le 

Read Full Post »

Il 21 marzo è stata la giornata delle persone con la Sindrome di Down , a tal proposito una dedica affettuosa nel film tratto dal libro :”Mio fratello rincorre i dinosauri” di Giacomo Mazzariol che vede come protagonisti Alessandro Gassman e Isabella Ragonese è finito e a breve lo si potrà vedere . La produzione che non conosceva Bologna e dintorni si è detta entusiasta della città e dei cittadini.
A sinistra Giacomo Mazzariol, l’autore dell’omonimo libro, Stefano Cipani il regista che ha studiato a Bologna poi si è trasferito a Los Angeles e Alessandro Gassman il protagonista.

Le foto sono di Roberta Ricci, in alto Giacomo Mazzariol, il regista Stefano Cipani, Alessandro Gassman

Read Full Post »

Older Posts »