Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Cultura e Culture’ Category

Il Suygenta Photography Award è un concorso fotografico internazionale che si propone di attirare l’attenzione e di attirare il dibattito sulle più importanti sfide globali . L’edizione 2017 è dedicata a “Grow Conserve” la contrapposizione fra crescita e conservazione delle risorse…
I lavori della mostra hanno accompagnato i lavori del G7 Ambiente a Bologna, le immagini sono esposte a Casa Saraceni in V. Farini 14 a Bologna fino al 14 settembre. Ingresso libero. Aria condizionata , e così, come dice lo scrittore Danilo Masotti , ci si può andare spostandosi un momento dal refrigerato banco delle mozzarelle del supermercato

La mostra è a Casa Saraceni / Genus Bononiae in Via Farini, 15 è ad ingresso libero e dura fino al 14 settembre.

 

I fotografi in finale e successivamente premiati

Premio a Claudia Jguarribe

 

Syngenta Photography Award: Open Competition
Caption: Gaewern Slate Mine, abandoned in 1970
Category: General Category
Photographer: Robin Friend
Taken on: 19/8/2013
Email: robin.friend@network.rca.ac.uk
Address: 34 Kyverdale road, Flat 1, London, N16 7AH, United Kingdom
Telephone: +44 7737485169
Image caption: The picture is a warning and hopefully a deterrent. We must act to change societies ‘throw away’ attitude and recycle the minerals we have removed from the earth rather than discarding and dumping them in landfills never to be used again. Ironically all of the objects in this picture have been made from natural resources that have come from a mine. By recycling these objects we can minimize the negative environmental impacts of mining, save energy and ensure our mineral resources are sustained and secure for future generations to come.
The challenge of creating a photograph in complete darkness in a mine is a testing experience. Ropes, harnesses and inflatable dinghies are needed and very long exposures with the help of a hand held torch are used to make the final image
Location: Near Corris, Snowdonia.
Year taken: 2015

la foto è di Jan Mc Naught Davis (un selfie accanto ad una cava dove viene ripulito l’oro con bagni di mercurio)

 

“Filippine” fotografo Gulhelm Landry , un campo coltivato alle prime luci dell’alba altrimenti un  parassita  distruggerebbe le colture Gulhem Landry Filippine (da notare come può somigliare questa immagine ad un pittore come Telemaco Signorini) questa immagine parla di una aratura che sollevando zolle di terra in prima mattina attiva una particolare difesa naturale dei parassiti che infestano la coltivazione

 

 

Read Full Post »

August 3 – September 7
Paintings by Matthew Giuffrida

The Italian Cultural Institute presents an exhibition of paintings by Bay Area artist Matthew Giuffrida. Born in the New York City area and raised in Washington, DC, Mr Giuffrida lives and works in Vallejo, California. He attended the San Francisco Art Institute (SFAI) and the Academy of Art College taking classes from Joan Brown, Julius Hatofsky and William Scharf. Later he became a visiting artist and Instructor at the SFAI.

He has had many exhibitions including Paule Anglim Gallery (SF), Southern Exposure Gallery (SF), Galleria Della Pace (Rome), Fong Galleries (San Jose), Stephen Rosenberg Gallery (NYC), Ruth Bachofner Gallery (Santa Monica) and the San Francisco MOMA Artists Gallery. His work is represented in many public and private collections in both the United States and Europe.

On August 18, San Francisco-based photographer Dennis Letbetter will join Matthew Giuffrida for the Artist Reception and Talk at the Italian Cultural Institute.

On view: August 3 – September 7, 2017

Artist Reception & Talk: Friday, August 18, 6:30pm | RSVP
Italian Cultural Institute of San Francisco
601 Van Ness Avenue, Opera Plaza, Suite F

 

August 17
Spaghetti & Movie Night

The Italian Cultural Institute of San Francisco and
the San Francisco Italian Athletic Club proudly present

SPAGHETTI & MOVIE NIGHT
The first of a series of entertaining evenings combining one of Italy’s most iconic dishes with a film screening, in the style of the great American tradition.

Thursday, August 17 – 7:00pm
SF Italian Athletic Club, 1630 Stockton Street, San Francisco
Film: “When Italy Ate in Black and White”
(Quando l’italia mangiava in bianco e nero, documentary, 2016). A journey between the traditional recipes of Italian regional cuisine and the black and white images from the Istituto Luce’s Archive, exploring the eating habits and customs of the Italians in the past century.

Menu: Appetizers – Salad – Spaghetti with meatballs
Tickets: $35 per person – RSVP Club Office 415-781-0166, and online @ www.sfiac.org

In anticipation of the Festa Coloniale Italiana of August 19 and in conjunction with the Italian Government’s “Extraordinary Italian Taste” campaign.

 

September 8-9
Ars Minerva presents “La Circe”

Opera composed in 1665 by Pietro-Andrea Ziani with a libretto by Cristoforo Ivanovich. Sung in Italian with English supertitles.

 

September 8 & 9 | 7:30pm
ODC Theater, 3153 17th Street, San Francisco

Italian Cultural Institute Members and followers are entitled to a 15% discount on Silver and Gold seats. Use the code OPERA.

La Circe’s plot is based on the adventures of Circe, the goddess and magician of Greek mythology made famous by Homer’s Odysseyand Ovid’s Metamorphoses. After Ulysses escapes Circe’s clutches, the outraged enchantress remains on her island with a number of unlucky captives who will fall victim to her resentment and manipulations.

La Circe’s manuscript is attributed to Pietro Andrea Ziani (1616-1684) with a libretto by Cristoforo Ivanovich (1620-1689) and was created in Vienna in 1665 for the birthday of Emperor Leopold I. Despite the beauty of the music, La Circe fell into oblivion and has never been performed since. Ars Minerva’s production will feature eight singers, aerial dancer Katherine Hutchinson, and a small orchestra of five instrumentalists led by Derek Tam.

Ars Minerva is a performing arts organization created in 2013 by Céline Ricci. Its mission is to engage new and younger audiences for classical music through innovative productions. Ars Minerva is very proud to bring back to life forgotten music with the collaboration of local artists in the San Francisco Bay Area.

September 23

An Homage to Lina Wertmüller

Cinema Italia SF, in collaboration with the Italian Cultural Institute and the Italian Consulate General in San Francisco, is proud to announce its 6th Classic Italian Film program, celebrating the pioneering woman director and visionary whose fearless, polemical and provocative films have left indelible marks and influence on the international entertainment field.

See on the big screen the best films of the first woman ever nominated for the Academy Award in the Best Director category–all starring Giancarlo Giannini–along with the new documentary profile film by Valerio Ruiz.

PROGRAM
11:00 | Love & Anarchy (1973, 129 min.)
1:30pm | Behind the White Glasses (2017, 104 min.)
4:00pm | Swept Away (1974, 115 min.)
6:30pm | Seven Beauties (1975, 116 min.)
8:30pm | ‘White Glasses Party’ in the Theater’s Mezzanine
10:00om | The Seduction of Mimi (1972, 112 min.)

 

Saturday, September 23 | 11:00am (first screening) – 10:00pm (last screening)
The Castro Theatre, 429 Castro Street, San Francisco

Click here for more information and tickets

We also recommend:

August 19
Festa Coloniale 2017

This year’s celebration will be held on Stockton Street between Union and Filbert, in the heart of North Beach across from Washington Square Park and Saints Peter and Paul Church. This wonderful community-based cultural event will be celebrating the San Francisco Italian Athletic Club’s (SFIAC) 99th year as an official Italian social, cultural, and sports club.

In front of SFIAC’s facilities, you’ll find additional Italian-themed vendors, classic Italian cars, a variety of Italian food, wine tasting and live entertainment. For more information, please visit www.sfiacfesta.com.

Saturday, August 19 – 11am to 5pm
Stockton Street @ Washington Square
San Francisco

August 26 & 27
San Jose Italian Family Festa

The San Jose Italian American Heritage Foundation is honored to present the 37th Annual Italian Family Festa at History Park, August 26 & 27. Join us for a weekend of fun, music, food, cultural activities and more.
For more information, visit www.italianfamilyfestasj.org.

Saturday, August 26, 11:00am – 8:00pm
Sunday, August 27, 11:00am – 6:00pm
History Park San Jose
1650 Senter Road, San Jose, CA

LEARN ITALIAN
with Istituto Italiano Scuola

The Istituto Italiano Scuola (IIS) is an outpost of Italian language and culture in downtown San Francisco. As the only school affiliated with the Italian Cultural Institute, their mission is to provide the highest quality language instruction in the Bay Area, with over 30 Italian language classes and workshops each term. 

Find the best class for you and Register now
 

Italian Cultural Institute
601 Van Ness Avenue, Suite F
San Francisco, CA 94102

Tel. 415 788 7142
Email: media@sfiic.org

 

Read Full Post »

La panchina di Lucio Dalla di Carmine Susinni nel patrimonio dei Beni Culturali Italiani

l’articolo del FAI di Marco Magnifico

http://www.fondoambiente.it/Visto-Dal-FAI/Index.aspx?q=marco-magnifico-il-fai-e-le-soprintendenze

Carmine Susinni incontrato a Bologna durante la permanenza della sua Panchina di Lucio Dalla

Read Full Post »

Il presente rivolge lo sguardo al futuro con l’orgoglio del proprio passato, ha esordito il presidente Pietro Grasso alle celebrazioni delle giornate dell’Osservanza, invitato dai frati cappuccini. Ha parlato del divario tra Nord e Sud, tra i sommersi e salvati nella crisi economica, occupazione e disoccupazione, fra flussi umani e terrorismi, promuovendo in ciò il senso della Storia e delle nostre origini. Le assemblee legislative sono strumento di tutela  delle minoranze, prevedendo che la tutela dei diritti siano rimesse alla tutela dei diritti delle maggioranze. L’Italia è immersa nel Mediterraneo e nell’Europa, , luogo fecondo della storia dell’umanità, Mare Nostrum , dove si trovano le nostre radici…L’Europa è la nostra seconda anima per costruire un futuro sostenibile per il futuro europeo. Il Presidente ha aggiunto che a dicembre uscirà il suo libro che elabora questi contenuti. Dobbiamo imparare a misurarci con la diversità il nostro Paese è bello per essere coeso con la nostra Costituzione che riconosce a tutti gli stessi diritti (art.10 della Costituzione).

 

 

Read Full Post »

Foto in bianco e nero di paesaggi e gli articoli di un viaggio, quello realizzato nel 1941 da Piacenza a Rimini da Giovannino Guareschi, ma anche la bicicletta con la quale lo scrittore e giornalista ha compiuto l’impresa e quella che il suo celebre personaggio Don Camillo (l’attore francese Fernandel) ha utilizzato durante le riprese del film.

Sono gli elementi semplici e allo stesso tempo straordinari della mostra “Il Piccolo Mondo di Guareschi, in bicicletta lungo la via Emilia”, un viaggio fotografico nei luoghi in cui hanno preso vita, 70 anni fa, i personaggi indimenticabili del sindaco di Brescello Peppone (interpretato da Gino Cervi nei film realizzati nel ‘52 dal regista Julien Duvivier) e del suo avversario politico e amico, il parroco Don Camillo (Fernandel). Il reportage del viaggio fu pubblicato in sei articoli sul Corriere della Sera, testata della quale Guareschi era giornalista, corredato da numerose fotografie delle località toccate e da lui stesso scattate.

L’esposizione, promossa dalla Regione Emilia-Romagna in collaborazione con il Comune di Bologna, sarà inaugurata venerdì 28 aprile, alle ore 16, nella Biblioteca Sala Borsa a Bologna dall’assessore regionale al Turismo e commercio, Andrea Corsini, e dall’assessore Economia e promozione della città del Comune di Bologna, Matteo Lepore.

“Abbiamo voluto valorizzare queste ricorrenze per celebrare lo scrittore che ha reso famosa l’Emilia-Romagna nel mondo- commenta l’assessore Corsini- e per ripercorrere attraverso i suoi ricordi il viaggio lungo la via Emilia, una strada storica che non è solo una via di comunicazione ma anche un simbolo della nostra regione: una terra ‘plurale’, fatta di gente industriosa, creativa e proiettata verso il futuro. Proprio per questi motivi ‘Via Emilia’ è stata scelta dalla Regione Emilia-Romagna quale marchio per identificare le eccellenze enogastronomiche, meccaniche e industriali conosciute a livello internazionale. Food Valley e Motor Valley sono diventate oggi un potente ed esclusivo progetto di marketing di destinazione e di prodotto. E lungo la via Emilia c’è l’essenza del made in Italy”.

La mostra sarà visitabile dal 28 aprile al 15 maggio, per poi trasferirsi in diverse località dell’Emilia-Romagna. E’ prevista anche la presentazione della storia di Guareschi da parte di Egidio Bandini, curatore dell’archivio Guareschi e della sua biografia, accompagnata dalla fisarmonica del maestro Medioli.

http://www.bibliotecasalaborsa.it/eventi/26911

Fernandel e Gino Cervi nei panni di Don Camillo e Peppone in una foto d’archivio. Il sanguigno parroco emiliano nei cinque film della serie e’ in perenne lotta con il bonario ma al contempo collerico sindaco comunista Peppone. ANSA

Read Full Post »

Jana Molza da tempo segue alcuni progetti , che le sono familiari, infatti,  ha ricevuto in eredità nelle carte d’archivio da lei recuperate novelle e storie di un antenato , favole che ha trascritto e messo in pagine ornate da lei stessa, facendo un lavoro certosino di grafica e scrittura. La vita di Jana Molza è una enciclopedia di racconti, di creatività, di bambole che cuce a mano con piccoli punti. La sua cucina è creativa tutto ciò che fa è impastato da mani piccole e sapienti. La sua pittura è stata premiata ripetutamente e lei novantenne, continua a raccontare quel tempo che scorre accanto a noi e di cui lei continua a racocntare il flusso.

Abbiamo visto come il percorso della Via Emilia sia ricco di contributi, di naivetè, di poesia , Pietro Ghizzardi vinse il premio Campiello nel 1977 “Mi richordo anchora ” un nuovo Folengo , in questo percorso a suo modo Jana Molza dà la sua impronta con i suoi quadri, l’operosità instancabile che mette in forma il tempo.

 

nella terzultima foto  la contessa Molza spiega che suo padre , ingegnere, aveva inventato un contenitore per i dischi, prima del 1930.

Read Full Post »


Read Full Post »