Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Fotografia e coronavirus’ Category

(Vita ai tempi del Corona Virus)

La fotografia “che cura” e aiuta le persone a razionalizzare cosa è accaduto con la pandemia. Ha un obiettivo molto ambizioso quest’anno il Festival della Fotografia Etica di Lodi che tornerà a ottobre con l’undicesima edizione (che quest’anno durerà per cinque settimane, una in più rispetto agli altri anni). Un evento internazionale che permetterà a un territorio come quello Lodigiano, epicentro dei contagi da coronavirus in Italia, di ripartire dopo mesi difficili e di paura. Per la prima volta il Festival si allargherà alla città di Codogno, luogo simbolo della pandemia, con una mostra speciale dedicata ai giorni difficili del lockdown. Lodi rimarrà comunque il centro della manifestazione organizzata da Alberto Prina insieme ai soci del Gruppo fotografico Progetto Immagine.

Fotografia etica : il programma

Un’opportunità incredibile per il Lodigiano che potrebbe approfittare del successo e la partecipazione sempre crescenti del Festival (oltre 17mila biglietti, 90mila le presenze, un vero e proprio boom) per risollevarsi e attirare turisti da tutta Italia e dall’estero. “Il Festival è un’occasione per tutti, una grande vetrina per la città e la provincia”, racconta il fondatore Alberto Prina. “La fotografia è stata determinante per mettere in comunicazione le persone durante le settimane difficili dell’emergenza. In questo momento storico è fondamentale il ruolo dei fotografi: ora più che mai devono raccontare questo periodo per mantenere viva la memoria e fornire uno spunto per rielaborare e razionalizzare quello che è successo. La pandemia ha fatto capire che i problemi di tutto il mondo sono anche i nostri. E niente può unire il mondo più della fotografia con uno sguardo e un abbraccio al mondo“. Una sezione particolare del Festival della Fotografia Etica di Lodi sarà dedicata alla pandemia con le foto del concorso LIFE in the time of Coronavirus. La open call internazionale, promossa dall’associazione Roma Fotografia in collaborazione con TWM Factory, la rivista IL FOTOGRAFO e The Walkman Magazine, si chiuderà il 30 luglio.

 

È il suo undicesimo anno di vita e il Festival della Fotografia Etica di Lodi cambia e si rinnova.E lo fa in un anno, il 2020, in cui molto è cambiato e sta cambiando a livello globale, come raramente è capitato nei tempi moderni.

Sguardi sul nuovo mondo è infatti, e non a caso, la lente attraverso la quale pensare a questa nuova edizione in cui saremo come esploratori appena giunti su terre sconosciute.

Il programma è ricchissimo: 80 fotografi da tutto il mondo per 22 mostre sparse tra Lodi, principalmente, e Codogno. Importante novità di quest’anno, infatti, è il coinvolgimento e il sostegno del Comune della prima città della zona rossa. Attraverso la collaborazione con Roma Fotografia e il magazine Il Fotografo, nel Cortile del Comune di Codogno sarà raccontato per immagini l’impatto del virus che ha cambiato il pianeta, attraverso storie che offriranno una visione planetaria e una locale del periodo storico che stiamo vivendo.

Grande attenzione alla sicurezza, con sedi all’aperto in parchi pubblici, chiostri e cortili, oltre all’introduzione del numero massimo di visitatori per giornata, estensione di un weekend a settembre e possibilità di visite infrasettimanali il giovedì.

di più su Artribune :

https://www.artribune.com/arti-visive/fotografia/2020/07/festival-fotografia-etica-lodi-2020/

Read Full Post »