Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Gustacinema di Maria Grazia Palmieri’ Category

aa

Alcuni momenti della premiazione alla tenuta Chiarli

Read Full Post »

nella foto Umberto Faedi e Giulio Biasion

Maria Grazia Palmieri ideatrice di Gustacinema

La Settima Edizione di GustaCinema si è chiusa con la disfida tra gli allievi dell’IPPSAR Bartolomeo Scappi della sede di Casalecchio ValSamoggia e due chef amateurs. La rassegna nasce dalla idea di Maria Grazia Palmieri e l’edizione di quest’anno era dedicata a Sofia Loren, icona del cinena italiana e simbolo di Napoli e della sua cultura gastronomica.  Teatro della contesa la bella sala della Tenuta Santa Croce a Monteveglio.  Giorgio Chiarli e la sua famiglia hanno gradevolmente ospitato per l’ennesima volta gli chefs, la giuria e un folto numero di persone che dal tardo pomeriggio si sono accomodati ai tavoli per assistere alle preparazioni in diretta e successivamente degustarle. L’evento finale è stato preceduto da due appuntamenti. Il primo si è tenuto alla Pizzeria Regina Sofia in Via Clavature a Bologna. Circondati da splendide immagini della Loren la giuria ha assaggiato e votato le pizze ispirate ai films della divina Sofia preparate in diretta dai pizzaioli del locale. La seconda tappa si è svolta alla sede della Associazione Panificatori in Via Gnudi a Bologna. I fornai prescelti hanno preparato tipi di pane e cornetti con riferimenti ai film della grande Sofia. Gli allievi del professor Francesco Spaniscia hanno realizzato due antipasti: il primo era un uovo in camicia assai originale ed il secondo un uovo al pomodoro molto delicato. A seguire il professor Spaniscia ha preparato Paccheri ripieni di pomodoro, ricotta di pecora, mozzarella e pecorino romano. Gli chef amateurs Giovanna Tabanelli e Stefano Fini si sono cimentati in una disfida sugli Spaghetti alla Bolognese per ricordare l’Amico Piero Valdiserra. Lo Spaghetto d’Oro 2018 istituito in suo ricordo è stato attribuito ai disegnatori umoristici Zap & Ida. Presenti la compagna Simonetta, Giulio Biasion amico ed editore del libro scritto da Piero “Spaghetti alla Bolognese: l’altra faccia del tipico”, il sottoscritto ed altri amici Piero è stato con tutti noi. I due piatti di Spaghetti alla Bolognese sono stati rispettivamente il primo di Giovanna Tabanelli ispirato a “Una giornata particolare” con un ragù fatto senza maiale e a base di carne rossa, aglio, alloro, molta passata di pomodoro e vino. Molto delicati e gradevoli. Lo Spaghetto alla Bolognese proposto da Stefano Fini era ispirato al film “Ieri, oggi, domani” ed è stato condito con un ragu’ preparato con coppone, odori, passata di pomodoro, pancetta stesa e latte aggiunto alla fine. È risultato vincitore della disfida mentre i due allievi hanno avuto lo stesso punteggio.

Giorgio Chiarli ha abbinato le portate con la Cuvee Nettuno Brut Nature molto apprezzata da tutti.

Umberto Faedi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Read Full Post »

Domenica di grande finale per il GustaCinema 2017. L’evento ideato da Maria Grazia Palmieri nell’ambito di MovieValley BazzaCinema giunto alla Sesta Edizione ha avuto il suo epilogo nell’Agriturismo della Tenuta Santa Croce della Famiglia Chiari ubicato a Monteveglio. Il tema di quest’anno era: La Donna attraverso i films di Julianne Moore. A partire dalle ore 18 si e’ riunita la Giuria composta da esperti del settore, giornalisti e Simonetta Nascetti compagna di Piero Valdiserra. La Giuria doveva decidete a chi assegnare Lo Spaghettino d’Oro intitolato alla sua cara memoria allo chef che conquistava il gradimento dei giurati con l’interpretazione dello Spaghetto alla Bolognese. E’ stato assegnato Invece lo Spaghetto d’oro all’attore Bolognese Vito grande appassionato di cucina come Piero che ha scritto il libro “Spaghetti alla Bolognese: l’altra faccia del tipico” suscitando un grandissimo interesse su questo piatto e sulla gastronomia felsinea. Alla tenzone finale degli Spaghetti alla Bolognese sono arrivati dopo le semifinali gli Chef Marco Scandellari gia’ al Borgo delle Vigne di Zola Predosa e Anna Maria Menzani della Antica Trattoria dai Mugnai di Monteveglio che aveva superato per un soffio Saverio Quadrelli Chef del Ristorante Petroniano nella semifinale. Alla fine ha vinto per una incollatura Marco Scandellari. Si sono pure cimentati ai fornelli gli allievi dell’Istituto Alberghiero Bartolomeo Scappi che hanno proposto due timballi: uno di riso con zucca e salame affumicato spagnolo Chorizo e l’altro da tagliolini alla carbonara e gamberi. La Giuria ha preferito il primo. L’allieva Soraya Ventura che ha vinto la tappa Bio per i venti anni di NaturaSi’ ha preparato un delizioso Cocktail Martini in gelatina come aperitivo per i fortunati presenti guarnito con un pancake impreziosito da erba cipollina, caviale di peperone rosso, marmellata di zucca, lime, alga Nori e nero di seppia. Il vincitore Marco Scandellari riceverà nella serata finale del 25 Marzo di MovieValley BazzaCinema lo Spaghettino d’oro. A disposizione per gli abbinamenti Giorgio Chiarli, squisito ospite, ha servito, coadiuvato dagli allievi dell’Alberghiero coordinati dal Professore e Chef Francesco Staniscia, Cuvee’ Nettuno Spumante Brut, Desimo Bianco Bologna 2015 ottenuto da Uve Chardonnay, Riesling e Sauvignon 12,5°, Camerlo’ Rosso Bologna 13° e con le celestiali torte di Simonetta Piccardo un Pignoletto concentrato sperimentale Gradita appunto la partecipazione di Simonetta Piccardo di Genova che ha trionfato nella gara delle torte bio in occasione dei venti anni di NaturaSi’ con il dolce dedicato a Monica Vitti. Ha portato le sue squisite torte al cioccolato porzionate che sono andate a ruba tra i convitati: l’Amor per Monica e Big Heart. Si e’ ispirata per la prima ai biondi capelli della attrice creando una torta che ha una bella nota marrone intensa guarnita da crema Chantilly e scorza d’arancia, elemento ricorrente per lei, che richiama il viso luminoso dell’attrice. Farina di mais, di mandorle e normale, la farina di mais con la quale si fa la polenta che si mangia quando è molto freddo e lascia un grande calore. Big Heart – Grande Cuore e’ composta da cioccolato fondente, zucchero, farina, lievito per dolci, zucchero a velo e fragola per guarnizioni per richiamare le lentiggini dell’attrice. La fantasia si intreccia al sociale difendendo le diversità che non devono essere di ostacolo nelle relazioni tra le persone. A proposito di grande cuore: Simonetta è volontaria all’Ospedale Gaslini di Genova.
Umberto Faedi

piero-valdiserra finalisti-gustacinema julienne-moore la-torta-big-heart-di-simonetta-piccardo spaghetti-alla-bolognese-vincitori torta-dedicata-a-monica-vitti-da-simonetta-piccardo vito-maria-grazia-palmieri-e-i-ragazzi-dellistituto-bartolomeo-scappi vito-riceve-lo-spaghetto-doro

Read Full Post »