Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Paolo Ferrari fotografo’ Category

paolo-ferrari

 

...Dal 2015 Genus Bononiae, Musei della citàà ha avviato il progetto di acquisizione , archiviazione, conservazione e valorizzazione in formato digitale del prezioso materiale fotografico del fotoreporter bolognese Paolo Ferrari. L’archivio Paolo Ferrari conta circa un milione di negativi 35 mm. b/n, circa 400 mila diapositive e negativi a colori e oltre 1 milione di immagini digitali. Questo patrimonio di grande valore storico, artistico e culturale comprende un lavoro di cinquant’anni di carriera, dall’inizio degli anni settanta al 2008 circa, durante i quali sono stati raccontasti gli eventi principali  della città di Bologna e provincia , ma anche reportage realizzati  su tutto il territorio nazionale ed estero. L’intervento di salvaguardia del materiale fotografico è fondamentale per scongiurare il progressivo deterioramento dei supporti materiali e per conservare un nucleo fotografico unico, fortemente significativo dell’identità del territorio emiliano...ecco come recita il testo del comunicato stampa per presentare l’archivio fotografico ad alta risoluzione di Paolo Ferrari, un archivio molto importante in cui sono raccolti i lutti e le manifestazioni di una città e, nel caso delle stragi di un Paese.

L’archivio di proporzioni immense ( 1 milione e 400 mila fotogrammi)  è stato digitalizzato ad opera di alcune studentesse dell’Accademia di Belle Arti, Livia Campanini, Irene Guerrini, Silvia Morelli, Chiara Zironi , che hanno svolto un lodevole lavoro di digitalizzazione,  coordinate dal prof. Marco Baldassari, docente dell’Accademia delle Belle Arti di Bologna e dell’Accademia di Brera e fotografo per la Treccani.

Accanto alle foto di cronaca gli eventi della Bologna di tutti i giorni, di un fotoreporter che ama la sua città e ne fotografa gli aspetti popolari e confidenziali, non campanilismo ma un atto d’amore verso gli ultimi ( si ricordino le foto dei barboni, la storia non solo dei vincenti) per un periodo di tempo Paolo Ferrari si era trasferito a lavorare e studiare a New York, alla Columbia University. E’ qui che conosce Luigi Nasalvi con cui fonderà lo studio di via Marsala, 44. Il contributo alla fotografia di Paolo Ferrari è trasversale, foto di scena, di cronaca, di società, di teatro, di stragi . Quando ho chiesto a Paolo Ferrari come avesse fatto a riprodurre l’orrore delle stragi mi ha detto,  ho preso la mia macchina fotografica e in quel momento la documentazione  è prevalsa sull’emozione , fra me e l’orrore c’era la mia macchina fotografica . Tra l’altro spesso e volentieri le foto di Paolo Ferrari sono state usate per le perizie del Tribunale. Il secolo breve, la svolta della Bolognina, il Sindaco di Bologna Virginio Merola allora giovanissimo , la foto del giuslavorista Enzo Biagi in un’icona che ha fatto il giro del mondo. Tutte immagini a disposizione .

http://www.genusbononiaearchiviofotografico.it/home

per informazioni : archivioferrari@gmail.com

http://www.genusbononiaearchiviofotografico.it/controller/news

La conferenza stampa in cui viene presentato l’archivio :

 

Read Full Post »