Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

 


Dal 24 al 26 gennaio 2020 si svolgerà la 44ma edizione di Arte Fiera, diretta per il secondo anno consecutivo da Simone Menegoi.

Continuando il suo percorso di rinnovamento, Arte Fiera introduce alcune importanti novità che caratterizzeranno l’offerta della prossima edizione: alla Main Section si affiancheranno tre sezioni su invito che vedranno protagonisti nuovi curatori.

Tornerà Fotografia e immagini in movimento, affidata alla curatela della piattaforma FANTOM (Selva Barni, Ilaria Speri, Massimo Torrigiani, Francesco Zanot), che si riproporrà come una riflessione sul presente e il futuro dei due media che definiscono il nostro orizzonte visivo quotidiano.

L’edizione 2020 vedrà poi il debutto di una sezione inedita dedicata all’arte della prima metà del XX secolo e ai post-war masters: Focus, una selezione di proposte il cui criterio varierà di anno in anno a seconda del curatore invitato. La prima edizione di Focus sarà affidata a Laura Cherubini, storica dell’arte, critica e curatrice, particolarmente nota per i suoi contributi allo studio dell’arte italiana degli anni Sessanta e Settanta.

Vera novità della fiera e format innovativo nelle manifestazioni del mercato dell’arte (non solo italiano) sarà Pittura XXI, una sezione interamente dedicata alla pittura del nuovo millennio. Per la prima volta Arte Fiera punterà la sua attenzione sul linguaggio più tradizionale – e al contempo più dibattuto – dell’arte contemporanea, con l’obiettivo di offrire un panorama delle sue figure emergenti e mid-career a livello nazionale e internazionale. La curatela sarà affidata a Davide Ferri, critico e curatore indipendente.

Hashtag ufficiale: #artefiera2020

DOVE:
Quartiere Fieristico di Bologna, Padiglioni 15 e 18
Ingresso Fiera: Nord (per chi arriva in piazza Costituzione, servizio gratuito di navette)

QUANDO:
24/26 gennaio 2020

ORARI:
da venerdì a domenica: dalle 11 alle 19

TITOLI DI INGRESSO
Acquista il tuo ticket online per l’ingresso in Fiera e approfitta della promozione:

– fino all’8 gennaio 2020: 18,00 euro biglietto intero
– dopo l’8 gennaio 2020: 24,00 euro biglietto intero

Il ticket Daily è valido per l’ingresso agevolato a tutte le sedi museali dell’Area Arte Moderna e Contemporanea dell’Istituzione Bologna Musei (MAMbo, Museo Morandi, Casa Morandi, Villa delle Rose, Museo per la Memoria di Ustica) e Genus Bononiae, nonché ai Main projects coinvolti nel programma ART CITY Bologna, dal 24 al 26 gennaio, secondo le loro modalità di apertura.

I visitatori potranno acquistare il titolo d’ingresso anche direttamente in fiera ai seguenti prezzi:

– 26,00 euro biglietto intero
– 35,00 euro abbonamento 3gg. (1 ingresso al giorno) / medesimo importo per ticket online
– 32,00 euro abbonamento 2gg. (1 ingresso al giorno) / medesimo importo per ticket online
– 15,00 euro ridotto (gruppi organizzati almeno di 15 persone con elenco) / medesimo importo per ticket online

ATTENZIONE: gratuito per i ragazzi fino 10 anni compresi, dagli 11 ingresso intero.

Si possono effettuare pagamenti con carta di credito e/o bancomat.

Ai disabili è consentito l’ingresso gratuito, previo ritiro del biglietto omaggio alle casse; l’eventuale accompagnatore pagherà il biglietto di ingresso. L’accompagnatore entra gratuitamente solo nel caso di disabilità che necessiti di tale figura.

IMPORTANTE:
E’ vietato accedere ai padiglioni con borse da viaggio, valigie o zaini, i quali dovranno essere depositati presso il guardaroba.

NB: L’ingresso dei cani è consentito solo se a guinzaglio e dotati di museruola o con apposito trasportino, eccezion fatta per i cani a servizio di persone disabili.

 

WHERE:
Bologna Fair District, Halls 15 and 18
Nord Entrance (free shuttle service from piazza Costituzione)

WHEN:
24/26 January 2020

HOURS:
Friday to Sunday: 11 AM to 7 PM

ENTRY TICKETS:
Buy your ticket online for entry to the Fair and take advantage of the promotion:

– until 8 January 2020: 18,00 euros full price
– after 8 January 2020: 24,00 euros full price

Read Full Post »

ASSOCIAZIONE OFFICINAMENTIS (IN)ATTUALITA’ DEL PENSIERO CRITICO Seminario Permanente

Ernesto De Martino, antropologo della contemporaneità

Programma febbraio-aprile 2020 

Lunedi 3 febbraio 2020, ore 20.45
Il ragno della follia

Viaggio nella Terra del Rimorso di Ernesto de Martino
Angela Peduto

Lunedi 9 marzo 2020, ore 20.45
Quando i simboli guariscono:
l’efficacia simbolica in antropologia, ieri e oggi
Nicola Martellozzo

aprile 2020 (data da definire), ore 20.45
Quando i simboli guariscono (seconda parte)
Daniela Iotti, Nicola Martellozzo
Gli incontri (ingresso a offerta libera) si svolgeranno al CostArena, in Via Azzo Gardino 48, Bologna. Il Seminario Permanente è coordinato da Daniela Iotti e Angela Peduto.
È organizzato da officinaMentis col sostegno di Einaudi Bologna e CostArena.

Comitato scientifico
Daniela Iotti (filosofa, psicologa, psicoanalista, psicoterapeuta), Francesco di Maio (filosofo), Nicola Martellozzo (antropologo), Angela Peduto (psichiatra, psicoanalista), Raffaele Riccio (storico)

Per informazioni: officinamentis.info@gmail.com
http://www.officinamentis.it

Il Seminario Permanente sull’(In)attualità del pensiero critico accoglie da quasi due anni il lavoro di Ernesto de Martino, uno dei maggiori intellettuali italiani del Novecento. Antropologo e storico delle religioni, la sua ricerca si è sempre mossa all’incrocio tra campi disciplinari diversi: filosofia, sociologia, medicina, storia, psichiatria, etnomusicologia.
Le analisi sviluppate in una vasta opera che, a partire da Il mondo magico (1948), si dispiega attraverso la celebre trilogia etnografica – Morte e pianto rituale (1958), Sud e magia

(1959), La terra del rimorso
(1961) – fino all’incompiuto lavoro sulle apocalissi pubblicato postumo, La fine del mondo (1977), si impongono per la loro forza e la loro impressionante attualità: oggi, dopo un periodo di relativo oblio, de Martino è riscoperto e riattualizzato, come testimoniano la riedizione di Sud e magia (Donzelli, 2016), la recente traduzione negli Stati Uniti di Sud e magia (HAU, 2015) e in Francia de La fine del mondo (Ehess, 2016; si tratta di una nuova edizione critica che uscirà alla fine di settembre
in Italia come terza edizione del libro), il fiorire di convegni, giornate di studio, pubblicazioni. La nozione di presenza – l’umana presenza con la sua fragilità, l’inconsistenza del suo essere al mondo, le sue rotture, i suoi tentativi di ritrovare senso e continuità – è uno dei temi più importanti dell’eredità demartiniana. Non è solo uno strumento epistemologico utile nell’indagine etnografica, ma un vero e proprio approccio esistenziale.

De Martino ne parla come di una “volontà di agire storicamente nel mondo”, che permette all’uomo di situarsi nella realtà e attribuirle un valore. La crisi della “presenza” non è segno di difetto o deficit evolutivo; è, al contrario, intrinseco rischio di ogni essere umano quando si ritrovi sperduto, “spaesato” e privo di quei riferimenti culturali e sociali nei quali de Martino vede la sola possibilità di reintegrazione e di “riscatto”.

Specie negli ultimi lavori, de Martino mostra come in quell’Europa che tenta di affrontare il pesante retaggio della Guerra e dei totalitarismi, riemergano continuamente aspetti inquietanti e violenti. Non sono affatto “fossili primitivi”, ma espressioni assolutamente contemporanee, che non trovano argini simbolici e spesso si mostrano legate a processi identitari.
Se a questi temi della sua ricerca aggiungiamo lo sforzo esigente di mantenere aperto il contatto tra i diversi campi del sapere (storia, antropologia, psichiatria, medicina) e le diverse forme dell’esperienza umana (religione, cultura, psiche, collettività) si comprenderanno le ragioni che ci spingono a rimettere in circolazione la sua opera in uno spazio allargato, plurale e non accademico.
De Martino fu un intellettuale nato dalla crisi di un Occidente che perdeva i suoi punti di riferimento e si avviava verso trasformazioni epocali. L’alterità di cui egli si faceva testimone e osservatore partecipe non era soltanto un mondo di cui ormai si vedeva la fine, ma era il nostro stesso fondamento, la nostra origine, quell’humus sotterraneo e potente cui già la psicoanalisi aveva riconosciuto un posto centrale nell’esistenza umana.

A differenza di questa de Martino cercava risposte non nella dimensione individuale ma in quella collettiva; per entrambe, tuttavia, si rivelava cruciale la dimensione culturale, energia simbolica produttrice di senso e di valori.

È sicuramente
uno dei suoi lasciti più importanti: la possibilità di guardare alla contemporaneità muovendo da quel dramma storico cui l’uomo deve far fronte ieri come oggi e in cui si rivela l’immenso peso del dispositivo simbolico nel tragitto di soluzione della crisi o, al contrario, nel suo fallimento.
In una congiuntura storica come quella attuale, in un Occidente segnato dalla paura dell’alterità – esterna e interna -, povero di dispositivi simbolici e perciò impotente davanti a una “crisi della presenza” sempre più pervasiva e destrutturante, la riflessione di de Martino ci pare ineludibile.

Per informazioni: officinamentis.info@gmail.com

Articolo tratto da Officina Mentis

 

Programma febbraio-aprile 2020 

Lunedi 3 febbraio 2020, ore 20.45

Il ragno della follia
Viaggio nella Terra del Rimorso di Ernesto de Martino

Angela Peduto

 

Lunedì 9 marzo 2020, ore 2020.45

Quando i simboli guariscono:
l’efficacia simbolica in antropologia, ieri e oggi

Nicola Martellozzo

 

 

Aprile 2020 (data da definire), ore 2020.45

Quando i simboli guariscono (seconda parte)

Daniela Iotti, Nicola Martellozzo

 
Gli incontri (ingresso a offerta libera) si svolgeranno al CostArena, in Via Azzo Gardino 48, Bologna.

 

Il Seminario Permanente è coordinato da Daniela Iotti e Angela Peduto.

È organizzato da officinaMentis col sostegno di Einaudi Bologna e CostArena.

Comitato scientifico

Daniela Iotti (filosofa, psicologa, psicoanalista, psicoterapeuta), Francesco di Maio (filosofo), Nicola Martellozzo (antropologo), Angela Peduto (psichiatra, psicoanalista), Raffaele Riccio (storico)

Read Full Post »

 

 

https://www.repubblica.it/dossier/la-repubblica-delle-idee-2019/2019/05/24/news/programma_repubblica_delle_idee_2019_bologna_7_9_giugno-227058890/?fbclid=IwAR38_v7IMughhaGPejagzn-HM-HGJEWcUplXK_0-V2DAyQjiGpJ8Ox9kRj0

Read Full Post »

Daniela Campogrande Scognamillo e la mostra curata da Federico Fiecconi :

Panini Comics presenta

70 ANNI DI TOPOLINO – Dietro le quinte dei fumetti Disney

Nell’aprile del 1949 arrivava in edicola la rivista a fumetti Disney in formato pocket, una testata storica che ha educato alla lettura milioni

di italiani, ha intrattenuto e continua a intrattenere i lettori di ogni età.

Per celebrare i 70 anni del giornale, FICO Eataly World, il parco agroalimentare più grande del mondo, ospita in esclusiva nell’area giostra di Piazza Eataly World la spettacolare mostra ufficiale dedicata

al settimanale TOPOLINO: un’esposizione che da venerdì 10 maggio immerge il visitatore nei più bei tesori della coloratissima avventura

di TOPOLINO rivelandone i segreti

di lavorazione, inclusi rari disegni e materiali originali inediti.

 

Read Full Post »

Legami intimità relazioni e nuovi mondi  in questo caso la religiosità sul territorio al festival della fotografia europea di Reggio Emilia

Festival della fotografia europea di Reggio Emilia l’accoglienza una mostra ad ingresso libero che sviluppa i Legami in questo caso con la musica

Read Full Post »

 

COMUNICATO STAMPA

Performance di Land Art

Dario Gambarin

“XI JINPING”

18.3.2019

Castagnaro – Verona

A pochi giorni dalla visita del Presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping in Italia, l’artista Dario Gambarin di origine veneta, ha dedicato una monumentale opera di Land Art, tracciata su un terreno di 20.000 mq nella Bassa Veronese. Gambarin non è nuovo a simili performances legati ad eventi internazionali con temi politici, economici ed ecologici. In passato ha disegnato con trattore e aratro i volti dei presidenti americani Obama, Kennedy, Trump, del Presidente Sudafricano Mandela, del Presidente russo Vladimir Putin, Papa Francesco, Martin Luther King, etc., tutti realizzati a “mano libera”, senza aver segnato in precedenza il terreno. L’opera sarà visibile per alcuni giorni, dice l’artista, sperando, che il Presidente cinese Xi Jinping dall’alto la possa vedere.

FOTO E VIDEO

per informazioni

dariogambarin@libero.it

cell.: 0039 333 8909901

PRESS RELEASE

Land Art Performance

Dario Gambarin

“XI JINPING”

03/18/2019

Castagnaro – Verona

A few days after the visit of the President of the People’s Republic of China Xi Jinping in Italy,
the Venetian artist Dario Gambarin dedicated a monumental work of Land Art, drawn on a land
of 20,000 square meters in the Bassa Veronese area. Gambarin is not new to similar performances
linked to international events with political, economic and ecological themes.
In the past he designed the faces of American presidents Obama, Kennedy, Trump,
South African President Mandela, Russian President Vladimir Putin, Pope Francis, Martin Luther King, etc.
with a tractor and a plow, all made “free hand”, without having previously marked the ground.
The work will be visible for a few days, the artist says, hoping that Chinese President Xi Jinping
can see it from above

PICTURES AND VIDEO
for informations
dariogambarin@libero.it
handy: 0039 333 8909901

Read Full Post »

Quest’estate “Sotto le stelle del cinema” , in piazza Maggiore, per una serata, è diventata “sotto le stelle della fotografia” , dove Fulvio Bugani (premio World Press 2015) e il direttore della Cineteca di Bologna , Gianluca Farinelli, hanno mostrato le foto premiate dell’agenzia. La giuria ha fatto un lavoro intenso, ha dovuto valutare oltre 70 mila foto , ognuna riconducibile ad un progetto : ambiente, territorio, tecnologia, politica, terrorismo e così via, argomenti di forte impatto sociale.
L’alto valore formativo di queste immagini, fortunatamente, è visibile al PAC a Ferrara , infatti la mostra è diventata itinerante ed è la prima tappa vicina .

La mostra si protrarrà fino all’11 novembre.

http://www.ferraraterraeacqua.it/it/ferrara/eventi/manifestazioni-e-iniziative/mostre/world-press-photo-2017

Read Full Post »

Older Posts »