Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Cineteca di Bologna’

Condivisione di un post del Sindaco di Bologna Virginio Merola (fonte Facebook)

Turrita d’Argento a tutte le lavoratrici e lavoratori della Fondazione Cineteca, del laboratorio L’immagine ritrovata e del Modernissimo per la passione e la competenza che contribuiscono a rendere #Bologna grande nel mondo! 👏👏👏
Al centro della foto c’è il direttore, Gianluca Farinelli, testa (e ❤) di questa straordinaria avventura. Grazie!

Read Full Post »

 

Auguri per  Marta Donzelli, che, grazie al direttore artistico di CasadeiPensieri Davide Ferrari , intervenne a Bologna, qualche anno fa , in una serata su Gino Agostini  e la sua attività di produttore .
Congratulazioni vivissime !

Read Full Post »

Per Francis Ford Coppola e la visione di “Apocalypse Now”  Piazza Maggiore non è bastata, per contenere il pubblico sono state aperte altre due grandissime sale , in contemporanea, così l’intervista di presentazione di Coppola andava in onda in contemporanea  nelle sale deputate a “Il cinema ritrovato” che quest’anno è arrivato a oltre quattromila persone, appassionati provenienti da tutto il mondo.

Il regista ha parlato del suo film, dei tagli di oltre mezz’ora che ha dovuto apportare e della sua attuale e riscoperta , restaurata, integrità. Nella standing ovation che lo ha preceduto Coppola ha ricordato il suo fotografo, Vittorio Storaro a cui ha dedicato la proiezione del film.

https://festival.ilcinemaritrovato.it/conversazione-con-francis-ford-coppola/

Scrive Alessandro Criscitello : “Se Coppola riesce in meno di due ore a rivoluzionare il concetto stesso di masterclass,  è in conferenza stampa che si lascerà maggiormente andare a dissertazioni circa il proprio lavoro e all’esclusiva presentazione del famigerato final cut di Apocalypse Now. “Quando Harvey Weinstein – che non dovremmo nemmeno considerare vivo ma, di fatto, esiste – fece uscire Apocalypse Now, il film ebbe un grande successo e ne rimasi particolarmente sorpreso. Apocalypse Now Redux del 2001 non deve essere considerata come la versione definitiva, ma soltanto la versione lunga, con tutto il materiale di scarto incluso. Quando hanno espresso interesse nel proiettarlo al Tribeca Film Festival, ho pensato che la versione corta fosse troppo corta e che la versione lunga fosse davvero troppo lunga, così ho provato a prendere una decisione che rispettasse il tema del film. Come si può servire al meglio il filo conduttore del film? È un esercizio che pratico per ogni lavoro: cerco sempre di tenere a mente una o due parole chiave che descrivano bene di cosa parli il film. Nel caso de Il padrino il tema era la successione, La conversazione è incentrato sulla privacy, il tema di Apocalypse Now è la moralità. Quando ho realizzato questa versione per il Tribeca hanno detto che avevano bisogno di un nome, così ho deciso di chiamarla Final Cut, perché credo sia la versione migliore che potessi realizzare.”

 

Il giorno prima, Francis Ford Coppola ha tenuto una lezione al Teatro Comunale, presentato  di Marco Bellocchio

 

Nella foto di Lorenzo Burlando il pubblico in Piazza Maggiore per la proiezione di Apocalypse Now Final Cut

 

Read Full Post »

“…Di fronte al rogo di Notre Dame, anche la Cineteca di Bologna scende in campo. Quest’estate, nel programma del tradizionale cinema in piazza Maggiore ci sarà spazio anche per la proiezione del cortometraggio «Notre Dame – cathèdrale de Paris», girato nel 1957 da Georges Franju. Inoltre, la Cineteca è pronta a mettere a disposizione il materiale custodito nei propri archivi per aiutare i restauratori a ricostruire fedelmente la cattedrale. Commenta il direttore della Fondazione Cineteca, Gian Luca Farinelli: «Siamo tutti sconvolti, le immagini di Notre Dame che brucia ci hanno fatto male, riuscivo a vederle solo per alcuni secondi. Notre Dame fa parte della mia cultura di cittadino dell’Europa, che è diversa dalla cultura di un cittadino di Shanghai o di Buenos Aires»…

Dal Corriere di Bologna del 17 aprile

https://corrieredibologna.corriere.it/bologna/cronaca/19_aprile_17/omaggio-cineteca-bologna-piazza-maggiore-corto-notre-dame-franju-c519f748-610d-11e9-a069-e8b9fdda85e7.shtml

 

Read Full Post »

Riprendono le ormai tradizionali matinée domenicali al cinema Lumière di Bologna (colazione del forno Brisa inclusa) in Via Azzo Gardino, 65 a Bologna  con la seconda edizione della rassegna dedicata alle migliori opere prime e seconde italiane dell’anno appena trascorso. Una selezione di film poco visti in sala o del tutto invisibili che, nella loro varietà di generi, storie e stili, ci dà il segno della vitalità dei nuovi autori del nostro cinema. La rassegna ci accompagnerà fino alla prossima edizione del festival Visioni Italiane, al via il 27 febbraio.

Ingresso con colazione: € 6,50 INTERO; € 5,50 RIDOTTO

DOMENICA 13 GENNAIO
Sulla mia pelle (Italia/2018) di Alessio Cremonini (100’)ù

DOMENICA 20 GENNAIO
EUFORIA (Italia/2018) di Valeria Golino (115’)

DOMENICA 27 GENNAIO
LA TERRA DELL’ABBASTANZA (Italia/2018) di Damiano e Fabio D’Innocenzo (95’)

DOMENICA 3 FEBBRAIO
UN GIORNO ALL’IMPROVVISO (Italia/2018) di Ciro D’Emilio (88’)

DOMENICA 10 FEBBRAIO
CI VUOLE UN FISICO (Italia/2018) di Alessandro Tamburini (80’)

DOMENICA 17 FEBBRAIO
OVUNQUE PROTEGGIMI (Italia/2018) di Bonifacio Angius (94’)

DOMENICA 24 FEBBRAIO
IL RAGAZZO PIÙ FELICE DEL MONDO (Italia/2018) di Gipi (90’)

DOMENICA 3 MARZO
Evento speciale durante Visioni Italiane
LAZZARO FELICE (Italia/2018) di Alice Rohrwacher (130’)

 

Read Full Post »

Older Posts »