Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Concetto Pozzati’

Il comunicato stampa del Mambo

In occasione dell’ottantesimo compleanno di Concetto Pozzati (Vò Vecchio, Padova, 1935) il MAMbo rende visibili, per la prima volta in un’unica esposizione, le opere dell’artista presenti nella Collezione Permanente, arricchita di recente con la donazione di Ortogonale pom del 1968.
I dipinti esposti illustrano diversi cicli salienti della carriera artistica di Pozzati: dagli esordi in ambiti contigui all’informale, alla ricerca di nuovi orientamenti nella figurazione sfociati in indagini vicine alla Pop Art e poi declinati, con molteplici varianti tematiche e stilistiche, fino agli studi più recenti.
Consacrato da numerose mostre personali in musei italiani e stranieri, e presente nelle più importanti manifestazioni espositive periodiche internazionali, Pozzati è conosciuto anche per la sua lunga attività di insegnamento nelle Accademie di Belle Arti di Urbino, Firenze, Venezia e Bologna e per il suo impegno culturale e civile in vari ambiti istituzionali.

Un ringraziamento speciale a Maura e Jacopo Pozzati.

Nel giorno del compleanno di Concetto Pozzati, viene inaugurata al Mambo una nuova sala dedicata interamente alla raccolta dei numerosi volumi tra cataloghi d’arte e saggi, scelti e collezionati dall’artista nell’arco della sua vita, donata al Museo dai figli Maura e Jacopo e resa, da qualche giorno, accessibile al pubblico.
Qualche anno fa la Casa dei Pensieri , nell’ambito della Festa dell’Unità dedicò un prestigioso premio a Concetto Pozzati “La targa Volponi” il video

https://misticmedia.wordpress.com/tag/concetto-pozzati/

Mostre in corso al Mambo

http://www.mambo-bologna.org/mostre/incorso/

Read Full Post »

Ci ha lasciato Concetto Pozzati, figura di spicco dell’arte contemporanea italiana. Nato nel 1935 a Vo’, Padova, scomparso il 1 agosto 2017, malato da diversi mesi, Pozzati, pittore, insegnante, educatore, ha studiato nella città che ha sempre amato e poi a Parigi. Il suo curriculum, ricco di mostre importanti, vanta cinque partecipazioni alla Biennale di Venezia, la prima nel 1964, anno in cui partecipa anche a documenta a Kassel. Tra il 1993 e il 1996 è assessore alla cultura del Comune di Bologna. Insegna alle Accademie di Belle Arti di Urbino e Venezia, cattedra che viene successivamente ereditata da Emilio Vedova.(Art Tribune) 

Di lui  dice il prof. Renato Barilli in occasione della mostra : Bologna dopo Morandi che ha aperto il 2017 a Palazzo Fava e che ha visto l’esposizione d alcune opere del Maestro :
“Tra altri aspetti degni di nota, il precoce New Dada messo in opera da un talento eclettico quale Vittorio Mascalchi, già in uscita da quel decennio, a saggiare nuovi orizzonti. Di questi l’esploratore più vigile è stato Concetto Pozzati, che ha guidato la nave felsinea passo dopo passo nelle acque agitate dell’oggettualità Anni Sessanta, nelle sue varie facce, avendo accanto Piero Manai e Carlo Gajani…”

Nel 2014 in occasione della Casadeipensieri alla festa dell’Unità parco Nord ricevette  il Premio Paolo Volponi, il video di Roberta Ricci

 

Read Full Post »

20160115_14380720160115_132728 20160115_133929 20160115_134023 20160115_134015 20160115_133957 20160115_133947 20160115_133929 20160115_133910

Le opere di Hermann Nitsch

Al piano nobile di Palazzo Montanari, già sede della Biblioteca centrale di pubblica lettura e della Cineteca, ti scontri subito con quel «sangue di animali di vario tipo, e anche di cadaveri», con cui Nitsch, protagonista di una storica performance a Bologna nel ’77, designa i propri materiali, mirati a provocare una violenta reazione per portare lo spettatore alla purificazione e all’estasi. Quel rosso, tra la Deposizione e l’Ultima Cena, ti si appiccica addosso come un che di inquietantemente primordiale, come una patina di visceri, dove si mescolano Freud, Jung e De Sade… Pozzati, nelle sue opere testimonia che  «Siamo in guerra e non possiamo farla» nel presentare le sue quattro De-posizioni e Torture. «Viviamo in una tortura perenne, forse già in una catastrofe. E abbiamo il dovere di far vedere tutto». Il grande acrilico e smalto su tela – un’intera parete – raffigurante le scene di tortura di Abu Ghraib, la prigione americana della guerra in Iraq, sono un colpo allo stomaco.

Poi, i Bacon appassionati e al centro dell’attenzione internazionale , tanti disegni della collezione Cristiano Lovatelli Ravarino. Una emozione imperdibile. Fino al 21 febbraio. 

Francis bacon

 

Le opere di Concetto Pozzati

20160115_142436 20160115_142511

 

Read Full Post »

20160115_132221Nei locali del Baglioni ha avuto luogo la presentazione della mostra “Crocifissioni Crucifixioni” dal 21 gennaio al 21 febbraio 2016 che vedrà opere di Francis Bacon, Hermann Nitsch, Concetto Pozzati. A Palazzo Montanari, lunedì-venerdì 15-20, sabato,domenica, festivi 10-20.

Al centro dell’attenzione la collezione di Cristiano Ravarino Lovatelli che possiede una corposa parte di disegni di Francis Bacon e che vede una sorte alterna di commenti sulla veridicità delle Opere del Maestro e al cui proposito l’avv. prof. Umberto Guerini  (docente di Diritto Penale dell’Università di Bologna) ne difende con passione l’autenticità.

In tutti i casi un pò di controversie fanno bene alla salute dell’Arte che spesso si trova a dovere essere oscurata se non surclassata da altre notizie, e mettere al centro dell’attenzione le opere di Francis Bacon farà bene anche all’incremento della valutazione di tutte le sue Opere .

In tutti i casi la visione di cui abbiamo assaporato un’anteprima è emozionante e la flessibilità degli orari e le aperture permetteranno a tutti di vederla ed esprimersi sulla genuinità della bellezza.

                                                                                                                                         Roberta Ricci

20160115_124945 20160115_125124 20160115_125216 20160115_125413 20160115_130839 20160115_132723

Read Full Post »

image image image imageLa Casa dei Pensieri Bologna, alla festa dell’Unita’ svolta a Bologna ha premiato il Maestro Concetto Pozzati con la Targa Paolo Volponi .la lezione sull’Informale   e’ stata tenuta da Renato Barilli, Davide Ferrari  direttore artistico Casa dei Pensieri Bologna ,  ha parlato,dell’attività artistica di  Concetto Pozzati,  ha partecipato  Cesare Sughi, ha presentato Piero Zanelli con Leonardo Barcelo.

 

 

Read Full Post »