Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘foto di Roberta Ricci’

La manifestazione medievale è ideata ed organizzata dall’Associazione di Cultura e Tadizione “Trapani: tradumari&venti”, presieduta dal M.° Claudio Maltese. L’intera manifestazione si articolerà durante le giornate vicine al 2 giugno.
L’evento si articola in vari momenti: l’Arrivo dei Reali al Borgo di Erice e la festa di benvenuto; il Convivio Regale con spettacolo medievale; il Villaggio Medievale con i vari antichi mestieri; l’Accampamento militare e le dimostrazioni d’armi; i suoni, le danze e i sapori medievali; le sfilate lungo il borgo ericino; Musici, Sbandieratori e Giocolieri; il Raduno Regionale “Cortei Storici di Sicilia” (il 2 Giugno); il Grande Corteo Regale con la solenne conclusione ed esibizione dei gruppi davanti il Real Duomo (il 2 giugno). Erice è un antico borgo medievale, e in questi giorni della Festa FedEricina si potrà udire, gustare e festeggiare il Medioevo.

Annunci

Read Full Post »

Festunità Casadeipensieri 2017

La quotidianità e straordinarietà del cibo da Bononia romana ai nostri giorni , è stata la conferenza  che ha presentato Massimo Meliconi,  nei giorni scorsi alla Festunità Estragon  con un intervento di  Rolando Dondarini  e tenuta dall’arch.Pietro Maria Alemagna .

Pietro Maria Alemagna partendo da due incisioni antiche al Museo Civico ha parlato della cucina bolognese,  con la mortadella etimologia come mortaio , il Medioevo non divide i pasti  come oggi, si mangia quando si può , il Rinascimento insegna le speziature e le marinature che spesso guastano i sapori coprendoli, ma si stabiliscono orari per pranzo e cena. E’ normale avere un maialino in famiglia che grufola per strada, tant’è che ci sono ordinanze che contengono il fenomeno, il maiale come un bambino “ninnein” dicono con riconoscenza i bolognesi.

I piatti prediletti dei bolognesi,  il pesce ,il biancomangiare i banchetti a sottolineare gli  eventi cittadini . Uno studio intrigante fra cibo e storia sociale della città.

A breve aprirà FICO a Bologna un parco agroalimentare e questa conferenza dell’arch. Pietro Maria Alemagna ha dato un contributo stimolante.

 

Read Full Post »

Ha avuto luogo, nei giorni scorsi la presentazione del libro di Maurizia Giusti, Siusy Blady alla libreria Casadeipensieri Festunità ha dialogato con maurizia Giusti Francesco Colombati

Il paese dei cento violini
di Syusy Blady, Giovanni Zucca
«Strumenti del diavolo». Il cancelliere del ducato di Modena e Reggio e il parroco di Santa Vittoria sono d’accordo: la musica e il ballo a cui si abbandonano braccianti e contadini a fine giornata sono pericolosi. Fomentano appetiti sconvenienti del corpo. E soprattutto eccitano gli animi e le teste del popolo. Che tra una polca e una mazurca magari si fa venire strane idee. Meglio vietare, limitare. E, se necessario, punire.
Quando Enrica si imbatte in Arturo, e ben presto si innamora di lui, il ragazzo sta appunto fuggendo per non farsi sequestrare il prezioso violino, che gli dà da mangiare. Se glielo prendono è finita. Siamo in un angolo d’Italia dove Dio ha lasciato terra e acqua troppo mischiate e un formicaio di braccianti, scariolanti, contadini sta lavorando alla bonifica, un’impresa immensa e dura. Sono tutti poveri e tutti sfruttati dai caporali. Ma trovarsi a ballare a tempo di musica allevia la stanchezza. Ed è vero che divertendosi vien da pensare che svagarsi è un diritto. È metà Ottocento e qualcosa si mette in movimento a Santa Vittoria, il paese dove quasi tutti hanno un violino e che ha fatto la rivoluzione a tempo di musica e di ballo liscio.
E lì che contadini e braccianti capiscono che l’unione fa la forza, che aiutandosi a vicenda si può trattare alla pari con il potere, che si può vivere meglio e dare un futuro ai figli, magari facendogli studiare musica e avere successo al di là dei confini. Ed è sempre lì che, nel 1911, i contadini si comprano la terra e fondano una delle prime e più grandi cooperative agricole d’Italia. Diventano padroni di loro stessi.
Un racconto corale, dall’Ottocento a oggi, dove la grande storia delle guerre, della rivoluzione russa, delle battaglie socialiste, si intreccia a quelle di Enrica e del suo Arturo, dei loro tre figli, della battagliera Favorita, dei Carpi e dei Bagnoli che hanno dato origine a famose stirpi musicali. Mani che lavorano, che faticano, che si stringono nel ballo e nell’amore e si tengono insieme per essere più forti, al suono di cento violini.
Syusy Blady

Le foto di Susy Blady sono di Roberta Ricci, quella in b/n di Pier Paolo Zani

Read Full Post »

 

Le foto di Roberta Ricci in occasione dell’Archiginnasio d’oro al prof. Luigi Pedrazzi

A qualche mese dalla sua scomparsa Bologna nella sala del consiglio comunale ricorda il prof. Luigi Pedrazzi. Una intervista del 2006 dell’Archivio di stato  lo fa rivedere in piena attività e racconta di quando Dossetti chiese ai giovani impegnati nella redazione del Mulino chi potesse aiutarlo in una attività di laboratorio o politico della DC e venne fatto il suo nome.

Pedrazzino rispose di si , ma quasi con sufficienza,  era impegnato nella politica internazionale l’ONU  e la realtà locale lo coinvolgeva fino ad un certo punto, anche se ,va detto,  la suddivisione della città in quartieri era interessante una novità e non solo politica, lui fu coinvolto nel ruolo di aggiunto del Sindaco . Molto sentito l’intervento di Walter Vitali già Sindaco di Bologna di cui Luigi Pedrazzi era il vice una figura paterna, si capisce tra le righe del suo appassionato intetrvento di ricostruzione storica, spesso i miei compagni erano severi lui non mi giudicava. L’attività dì Pedrazzi giornalista di un laboratorio politico che diventerà l’Ulivo  e, aggiunge Walter Vitali,  all’attivo 117 i numeri usciti del “Foglio”, poi Beniamino Andreatta gli proporrà di  insegnare mass media in una università della Calabria. Schlesinger con Kennedy diede il via libera a quella esperienza di cattolici e comunisti che permea la storia anni’60 .  Dopo l’intervento di  Walter Vitali, Giovanni Salizzoni suo amico e collega Mons. Matteo Maria Zuppi che ha indicato i due vettori del prof. Pedrazzi il cattolicesimo e la costituzione. Un particolare ringraziamento al Sindaco di Bologna Virginio Merola e alla sua coinvolgente apertura degli spazi istituzionali ai cittadini che dice di sentirsi al sicuro , l’importante è seminare. Sempre.

L’intervento per esteso di Walter Vitali

Oggi, a quasi tre mesi dalla sua scomparsa, Luigi Pedrazzi, vicesindaco dal 1995 al 1999, è stato ricordato dal Comune di Bologna nell’aula del Consiglio comunale di Palazzo d’Accursio. Di seguito l’intervento di Walter Vitali, già sindaco di Bologna dal 1993 al 1999.
“Sono grato al Sindaco Virginio Merola, alla Presidente del Consiglio comunale Luisa Guidone e all’Arcivescovo S. E. Mons. Matteo Maria Zuppi per aver voluto questo incontro, e a Giovanni Salizzoni per aver accettato di partecipare. Come abbiamo appena sentito, Luigi Pedrazzi, Gigi per tutti noi, aveva il dono della leggerezza e dell’autoironia. Dirò poi i veri motivi che mi indussero a sceglierlo come Vicesindaco nel 1996, ma prima vorrei far parlare soprattutto lui, con alcune frasi tratte dai suoi innumerevoli scritti.
Nel prepararmi a questa giornata ho imparato molto guardandomi intorno e parlando con persone che gli sono state vicine. Penso sia persino difficile dare un’idea complessiva della sua personalità poliedrica, dai tanti interessi e dalle tante sfaccettature. Non bisogna però farsi ingannare dal suo understatement, come direbbero gli anglosassoni, perché Luigi Pedrazzi è stato senza ombra di dubbio uno degli intellettuali, giornalisti e uomini politici che hanno avuto maggior influenza in Italia a cavallo del secolo breve. Per questo si merita che continui l’approfondimento su di lui e sui temi che erano al centro del suo interesse.
“La cultura e lo studio aiutano, ma non bastano mai. Come in parte fu nel nostro glorioso Risorgimento, è solo l’azione che completa il pensiero e lo porta a influire nella storia, sempre perfettibile nelle sue conseguenze. L’azione politica può e deve verificare i pensieri, la vis polemica contribuisce ad illuderli (Ancora a parlar di scuola, Rivista Il Mulino, n. 1/2009, p. 47)”.
Io lo ricordo così, come uomo di un pensiero costantemente rivolto all’azione, consapevole che “……anche i discorsi, però, sono un fare (L’Ulivocultore bolognese, Il Mulino/Alfa Tape, 1998, p. 41)”. Si spendeva sempre in prima persona, moltiplicava in continuazione imprese e iniziative, come l’ha ben descritto Edmondo Berselli nella presentazione di Sette giorni a Sovere (Il Mulino, 2002, 11).
Queste iniziative erano tutte caratterizzate da una preparazione accurata e meticolosa, preferibilmente di base e meglio ancora se di piccole comunità, che di norma avevano come recapito casa sua. Parto dalle ultime.
Il Vaticano II in rete che iniziò nel 2008, un’impresa gigantesca avviata con 51 amici sparsi in tutta Italia a cinquant’anni dall’elezione di Papa Giovanni XXIII e dall’annuncio della convocazione del Concilio. Ogni mese veniva diffusa una lettera contenente la rievocazione attualizzata di tutte le sue fasi, poi pubblicate in tre volumi fino al 2012.
Il Taxation day nel 2002, per fare dell’Onu un vero organismo di governo mondiale a partire dal pagamento delle tasse, con il versamento diretto di una quota da parte di chi aveva aderito al progetto.
Il Raglio nel 1999, un foglio periodico che dava conto delle discussioni in Consiglio comunale, frutto dell’iniziativa Cittadini in Consiglio presa dopo la sconfitta dell’Ulivo nel ‘99.
Questa Università popolare, corsi di autoformazione politica non partitica a partire dal 1984 che si intitolavano Pensare mondiale, conoscere nazionale, agire locale.
Sono tutti temi di grande attualità, normalmente proposti in anticipo sui tempi. I figli mi hanno detto che arrivava prima degli altri anche nella scelta dei luoghi dove passare le ferie, infatti li portò a Baia Sardinia prima che venisse scoperta dall’Aga Khan.
Tra queste iniziative vi sono anche quelle più famose e di successo, a partire dal Mulino, di cui fu tra i fondatori nel 1951, che salvò con risorse proprie nel 1964, per poi diventare direttore della rivista, presidente dell’Istituto Carlo Cattaneo e dell’Associazione.
Uno dei più bei riconoscimenti alla storia del Mulino e a Luigi Pedrazzi è venuto da Renato Zangheri nel 2001, in occasione del cinquantesimo anniversario della rivista. Egli si espresse così: “Il bilancio del Mulino è molto positivo….Mi chiedevo cosa facessimo noi, giovani intellettuali di sinistra e comunisti, in quel periodo….Seguivamo una linea diversa che in sostanza era sbagliata….Cosa trattenne noi comunisti dal prendere le distanze definitivamente dal regime sovietico a partire dal ’56, dai fatti d’Ungheria? La convinzione che quel regime fosse riformabile…..C’è un’attualità, una lezione di indipendenza nella storia del Mulino. La ricerca non pregiudicata da apriorismi ideologici, il pluralismo che non diventa ecclettismo, la possibilità di convivenza tra religiosità e laicismo, difficile nell’Italia del tempo. Vi sembra poco? A noi sembrò poco, e sbagliammo (Renato Zangheri, dibattito in occasione della presentazione de Gli inizi del Mulino, a cura di Luigi Pedrazzi, Assindustria Bologna, 30 maggio 2001).
Fu soprattutto grazie a Pedrazzi, insegnante di storia e filosofia nelle scuole superiori, se il Mulino prestò grande attenzione fin dai primi anni ai temi della scuola, della formazione professionale e dell’Università. Diventò un esperto di politiche scolastiche molto ascoltato al Ministero. Firmò l’editoriale della prima rivista mensile del Mulino del novembre 1951, intitolato La scuola senza riforma, che iniziava in questo modo: “La scuola italiana è un istituto gravemente screditato. Essa è condannata dai pedagogisti e dai teorici dell’educazione per i quali è una realtà invecchiata….La scuola non è viva neppure nel cuore egli insegnanti…..ed è malvista dagli studenti, troppo noiosa se confrontata alle altre forme di attività cui essi accedono quotidianamente e dalle quali finiscono per trarre una più efficace formazione; è screditata presso le famiglie che non trovano più nei diplomi e nei certificati un avvio concreto ad una professione”. E’ difficile descrivere con maggior precisione la situazione della scuola di oggi, usando parole scritte quasi settant’anni fa.
Gigi era diventato giornalista occupandosi della rivista del Mulino e nutriva un grande interesse per i problemi dell’editoria. Pochi ricordano che dal 1970 al 1972 fu chiamato a curare il programma in prima serata del secondo canale Rai Boomerang. Ricerca in due sere occupandosi, tra gli altri, di don Lorenzo Milani e Frank Zappa. E Beniamino Andreatta gli fece avere l’incarico di insegnamento in Tecnica del linguaggio televisivo all’Università della Calabria appena costituita.
Nel 1975 insieme a Ermanno Gorrieri diede vita al quotidiano Il Foglio, anche quella un’iniziativa contro la polarizzazione che irrigidiva il mondo dell’informazione regionale nel duopolio tra Il Resto del Carlino e L’Unità. Ebbe contro la parte più conservatrice della Dc la quale, per rubargli spazio, promosse Il nuovo quotidiano diretto da Enzo Tortora uscito per pochi mesi, e il Pci. In un comizio in Piazza Maggiore Giancarlo Pajetta disse: “…il rosso del Foglio non è quello delle nostre bandiere”.
Il giornale ebbe una vita breve e travagliata, ma contribuì alla formazione di una nuova generazione di giornalisti e anticipò, ancora una volta, quello che sarebbe successo poco dopo con La Repubblica e altre iniziative editoriali.
Infine ci sono le due passioni più forti di Gigi, l’impegno religioso e la politica.
Il cristianesimo di Pedrazzi è un cristianesimo vissuto, che trae ispirazione da don Giuseppe Dossetti “…vero secondo padre” (Il mio vissuto eucaristico, Il Mulino Alfa Tape, 1997, p. 44) ed è alimentato da esperienze comunitarie. Ne sono un esempio le settimane della pace di Sovere che si svolgono dall’inizio degli anni ’90 per iniziativa della parrocchia di Sammartini di Crevalcore e di don Giovanni Nicolini. Sulla facciata di quella Chiesa c’è ancora una effigie della Madonna con la scritta “Dono del Sindaco di Bologna”, glielo facemmo insieme Gigi ed io nel 1996 in occasione di una loro visita a Palazzo d’Accursio con un gruppo di profughi della ex Jugoslavia.
L’impegno di Gigi nella Chiesa si può capire meglio seguendo le parole di Dossetti del 1994 rivolte al clero di Pordenone, che lui ha citato spesso: “Non c’è un’età post-cristiana per chi ha fede. C’è un’età che ha un regime mutato……..non ispirato al cristianesimo. Cioè un’età non più di cristianità. Questo sì. E di questo dobbiamo convincerci. La cristianità è finita. E non dobbiamo pensare con nostalgia ad essa, e neppure dobbiamo ad ogni costo darci da fare per salvare qualche rottame della cristianità. Ci vuole una cultura creativa: il cristianesimo forte, non debole, di sempre. E una cultura cristiana animata e cristianamente adeguata alla realtà del progresso delle scienze umane (Il Vangelo nella storia. Conversazioni 1993-1995, Paoline, 2012)”.
Anche in politica Pedrazzi inizia con il Mulino. E’ stato sempre un osservatore attento e acutissimo, per questo fu editorialista di quotidiani nazionali come Il Messaggero e il Mattino. Ha contribuito a promuovere gli studi politici e sociali dell’Istituto Cattaneo che hanno fatto e continuano a fare scuola. Arturo Parisi, che lo ha affiancato per lungo tempo come direttore dell’Istituto, testimonia che il titolo di una ricerca collettiva pubblicata nel 1966 Il bipartitismo imperfetto: comunisti e democristiani in Italia fu di Pedrazzi, ed ebbe grande fortuna anche giornalistica.
Nel 1956 è in Consiglio comunale con Dossetti. Nel 1961 è relatore al convegno del Mulino La politica internazionale degli Stati Uniti e le responsabilità dell’Europa, con la partecipazione di Arthur Schlesinger che porta la benedizione dell’amministrazione Kennedy al nascente centro sinistra.
Sosteneva che l’unità dei cattolici si fa nella Chiesa e non nei partiti. Fu tra i promotori dei Cattolici del No al referendum sul divorzio del 1974 e successivamente della Lega democratica. Bipolarista da sempre, si impegnò molto nel referendum sulla legge elettorale del 1993 promosso da Mario Segni.
Proprio in quell’anno le nostre strade si incontrano. Ero stato da poco eletto Sindaco in Consiglio comunale, in base alla vecchia legge, quando Gigi fu chiamato dal cardinale Giacomo Biffi a coordinare la redazione di Bologna 7 il settimanale dell’Avvenire, sotto lo sguardo attento ma benevolo di monsignor Ernesto Vecchi che lo aveva segnalato per le sue qualità, pur conoscendone l’irrequietezza, una certa tendenza a trasgredire e la assoluta libertà di giudizio.
Sulle pagine di Bologna 7 iniziammo un confronto pubblico sui temi che da sempre avevano diviso di più i nostri due mondi, la scuola e la famiglia. E cominciammo anche noi a far cadere qualche muro. Alla fine del 1994 il Consiglio comunale approvò la prima delibera sul sistema pubblico della scuola dell’infanzia, che prevedeva anche il finanziamento alle scuole autonome convenzionate. E nello stesso periodo fu approvato il pacchetto di misure per le famiglie, completato da un ordine del giorno consiliare del 1997 che auspicava, su un piano diverso, il riconoscimento delle unioni di fatto.
Il portone di Piazza Santo Stefano, dove aveva il suo ufficio, mi divenne familiare. Gli chiesi più volte di entrare in Giunta, ma diceva che i tempi non erano ancora maturi. Lo fece nel 1995, dopo la mia elezione diretta come Vicesindaco senza deleghe. Seguì costantemente i lavori del Consiglio comunale, le iniziative di solidarietà con l’ex Jugoslavia e con la città bosniaca gemellata di Tuzla, la Scuola di Pace di Montesole e la costituzione del Museo Ebraico.
Furono anni belli ma difficili, e per me Gigi è sempre stata una persona cara su cui sapevo di potere contare, alla quale ho voluto bene come a un padre. Ci vedevamo quasi ogni giorno, i suoi giudizi e i suoi consigli non mi sono mai mancati. E anche il conforto di una spalla su cui posare il capo quando le cose si mettevano male.
“Il vento che spira assai forte contro il sindaco Vitali e i suoi assessori (il vice sindaco in particolare avrebbe deluso in Curia) raccoglie due movimenti depressivi (nel Ppi e nel Pds), diversi quanto a idee e origine, ma di fatto convergenti. Entrambi sono abbastanza vasti: se non verranno……realmente contrastati e corretti, l’identità politica di Bologna potrebbe davvero mutare, e quella ulivista non riuscire ad affermarsi (p. 51)”. Lo scrisse nella dispensa del luglio 1998 che insieme alle altre furono pubblicate nell’Ulivicoltore bolognese alla fine dell’anno, prevedendo la sconfitta del ‘99.
Aveva capito perfettamente quello che stava accadendo scrivendo che: “……il sindaco è rimasto il più esposto al desiderio di rimonta dei partiti che si è fatto sentire (dappertutto e non solo a Bologna) nel corso di questo mandato (p. 67)”. E’ esattamente quello che accadde a Roma con la fine del governo di Romano Prodi. Nel 1995 la mia giunta era composta di otto assessori, di cui solo due avevano la tessera di un partito, e la scelta di Pedrazzi come Vicesindaco fu aspramente contrastata nel Pds da chi, già da allora, preferiva una soluzione più partitica.
Uno dei ricordi più belli del suo lavoro da Vicesindaco, come lui stesso lo ha definito, è la preparazione del 23° Congresso eucaristico del 1997, a cui dedica un ricordo gustoso in un articolo del 2005 sul Domani di Bologna: “Il sindaco Vitali…….già nel ’96 mi aveva chiesto di aiutarlo in una preparazione spirituale che lo trovava, lui fin da ragazzo militante comunista, in un deficit di preparazione remota. Le conversazioni con lui e col suo capogabinetto Mauro Felicori, per prepararci bene all’evento, andarono presto oltre le necessità strettamente amministrative…….Dei tre, il più addottrinato su questa problematica ero io……….Ne venne anche la pubblicazione di un volumetto con testo mio e (sua) introduzione (Il mio vissuto eucaristico, Il Mulino, 1997)…..Due fattori oggettivi furono alla base della forte volontà di fare bene. L’ammirazione e l’affetto per la linea complessiva del pontificato di Wojtyla…..e una certa tensione e una non nascosta differenza tra la linea bolognese del cardinal Biffi, attenta all’identità, e la linea più universalistica e ecumenica del pontefice (Resistenza cattolica, Il Mulino, 1996, p. 97)”. Fummo un po’ birichini, e nel mio discorso di accoglienza al Papa in Piazza Maggiore infilammo tutto quello che poteva sottolineare quelle differenze, persino il riconoscimento dei torti subiti da Galileo Galilei che, per la verità, non c’entravano molto.
“Mai si avrà un gigante da abbattere: sempre un mulino da far vivere, ogni giorno, con la sua brava ruota paziente” era scritto nell’editoriale non firmato del primo numero del Mulino che uscì il 25 aprile del 1951.
La ruota di Luigi Pedrazzi ha girato a lungo, fino all’ultimo istante della sua vita, restando sempre fedele a quella idea e producendo sempre buona farina.
Grazie Gigi. Ci manchi. Non ti dimenticheremo”.

L’intervento per esteso del Sindaco di Bologna Virginio Merola 

Care cittadine e cari cittadini, cari familiari, autorità civili e militari

Abbiamo avuto un’occasione di approfondimento basata su testimonianze di vita insieme, di dialogo con una figura come quella di Luigi Pedrazzi e abbiamo potuto ascoltare il nostro Arcivescovo.
Da parte mia, oltre a condividere molte delle considerazioni che sono state fatte, cosa posso aggiungere? Ho preso appunti perché credo sia importante, se vogliamo ricordare persone come Luigi Pedrazzi, tenere a mente l’importanza di ascoltarci e alcune cose mi hanno colpito. Innanzi tutto ho ricavato tre punti: si può dare battaglia anche se è molto probabile perdere. Abbiamo sentito le sua adesione alla lista Dossetti nelle liste della Democrazia Cristiana e abbiamo sentito le sue considerazioni. A me piace! Piace ricordare attraverso questa testimonianza che ci sono momenti, momenti favorevoli o momenti sfavorevoli, nei quali si può dare battaglia sapendo che si può perdere perché è importante seminare e lasciare un segno nelle cose che verranno. Questo mi dà sollievo in un momento in cui ci stiamo tutti chiedendo, almeno in gran parte nella nostra città, perché davvero non sia possibile approvare lo Ius Soli al più presto. Allora io credo che sia bene ricordarci questo, perché ci sono buone battaglie che non dipendono solo dalle possibilità di vittoria ma da quello che seminano.
Nello stesso tempo mi ha colpito una cosa che avevo già notato con Dossetti di cui Pedrazzi mi pare abbia applicato il metodo nella sua vita: essere minoranza non coincide con l’essere opposizione. Anche questo si è un po’ perso nella nostra discussione collettiva e soprattutto politica. Questo modo di essere delle forze politiche si è un po’ perso in quest’aula di consiglio comunale e a livello nazionale. Ma l’idea che si può contribuire con un’idea di minoranza al bene comune è un’idea fondamentale sulla quale mi ritrovo.
Poi questo accenno, con un certo distacco del quale anch’io ho un estremo bisogno, all’insufficienza dei partiti. Allora erano partiti, la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista, o il Partito Popolare e i Ds. Io non credo che Pedrazzi adesso si chiederebbe ‘se sono partiti quando ritornano’. Pedrazzi tornerebbe sul fatto di lavorare insieme per costruire  nuove forme di partecipazione basate molto sulla cittadinanza attiva e su quell’idea molto cara che, secondo me, ha riassunto bene Walter Vitali: la politica è azione democratica, la politica è iniziative dal basso che possono sembrare anche ambizione ma che si propongono di costruire una cittadinanza attiva con obiettivi attuali senza l’assillo di perdere. Nella storia di Pedrazzi ci sono: i Quartieri, le iniziative che ha elencato Walter, il referendum sul divorzio, la nascita dell’Ulivo, il Raglio, la stessa iniziativa rivolta all’Onu. Una politica come azione democratica che non ha paura ma che ha il coraggio di fare delle proposte. Io ho conosciuto Luigi Pedrazzi quando ero presidente del quartiere Savena. Oggi mi sono ricordato che era stato presidente del quartiere Mazzini e la cosa mi conforta. L’ho conosciuto come una persona garbata, gentile, sobria e nello stesso tempo molto acuta nei suoi giudizi e nelle sue considerazioni. Mi ha lasciato l’idea che era una persona umile nel suo vero significato: non era assolutamente un falso modesto ma era una persona con la forza delle sue idee che sapeva proporre in tentativi e azioni di cittadinanza attiva. Tra le tante cose che ci lascia io vorrei portarmi a casa stasera questo, in fondo ci sono cose che contano e sono stato anch’io, il giorno del funerale, a sentire Don Nicolini nella sua parrocchia della Dozza. E’ stata una bella giornata. Siamo partiti che volevamo celebrare un funerale ma io sono uscito con serenità da quell’incontro. Quella serenità è il sentimento che mi ha lasciato e con il quale voglio ricordare Luigi Pedrazzi. Ci sono tanti dubbi, ma nel dubbio fai sempre la cosa giusta. Grazie Luigi!

Comunicati

http://comunicatistampa.comune.bologna.it/2017/il-comune-di-bologna-ricorda-luigi-pedrazzi-lintervento-di-walter-vitali-nellaula-del-consiglio-comunale

http://comunicatistampa.comune.bologna.it/2017/il-comune-ricorda-luigi-pedrazzi-lintervento-del-sindaco-virginio-merola

Read Full Post »

L’isola di Mothya ci ricorda  come era organizzata una città dell’antichità, molto innovativa, sfruttava l’energia eolica e quella solare per il funzionamento energetico

Read Full Post »

Dopo l’estate si riguardano le cose viste e si sfoglia l’album:

La processione dei Misteri è una processione religiosa che si svolge a Trapani dal Venerdì al Sabato santo, da oltre 400 anni. L’origine è spagnola e, infatti, ha analogie importanti con le celebrazioni andaluse.

La processione composta da 20 Gruppi Sacri, ha inizio alle 14 del Venerdì santo, per concludersi oltre ventiquattro ore dopo. Viene considerata una delle più lunghe manifestazioni religiose italiane (sia per numero dei gruppi che per durata), e soprattutto una tra le più antiche. La processione che – oggigiorno – parte dalla Chiesa delle Anime del Purgatorio [1], percorre le principali vie cittadine.

I Misteri sono la rappresentazione artistica della morte e passione di Cristo, in totale sono 20 gruppi sacri, di cui due simulacri di Gesù Morto e di Maria Addolorata. Tra gli artisti trapanesi che si cimentarono con queste rappresentazioni si ricordano Mario Ciotta, Baldassare Pisciotta, Antonio, Francesco e Domenico Nolfo, Giuseppe Milanti e Giacomo Tartaglia [. Furono concessi in affidamento, tramite atti notarili, dalla Confraternita di San Michele Arcangelo che istituì il rito alle maestranze locali con l’impegno di curarne l’allestimento, la vigilanza e l’uscita in processione.

La tecnica di realizzazione delle statue, iniziata da Giovanni Matera, consiste nello scolpire nel legno i volti, le mani ed i piedi, così come di legno è lo scheletro. Sono internamente sostenuti da ossature in sughero, sui quali si modellavano gli abiti grazie al fatto che la stoffa, precedentemente immersa in una mistura di colla e gesso, permetteva una maggiore naturalezza degli abiti e, maggiore plasticità espressiva, secondo una tecnica tipicamente trapanese, detta carchèt. In tal modo nei drappeggi dei vestiti vennero realizzate quelle pieghe che si plasmavano alla diversità della scena rappresentata e rendevano ogni figura diversa dall’altra.

Per la realizzazione di questi gruppi non ci si ispirò all’iconografia classica, ma ad episodi citati nei sacri testi o nei vangeli apocrifi ed aggiungendo anche delle personali interpretazioni, e gli artisti trapanesi seppero dare a questi gruppi una dinamicità rappresentativa unica nel vasto panorama delle sacre rappresentazioni.

Le statue sono fissate ad una base lignea detta vara, con un procedimento particolare, al fine di consentire una certa oscillazione durante il trasporto, tale da esprimere una scenica rappresentatività al gruppo. (fonte Wikipedia) 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Read Full Post »

#Festunità #Casadeipensieri

Luciano Bianciardi , lo scrittore contro che ha raccontato l’Italia è presente alla programamzione degli eventi letterari della Casadeipensieri con un libro di Carlo Varotti : “Luciano Bianciardi, la protesta dello stile ” ed. Carocci in dialogo con Otello Ciavatti, presentazione di Davide Ferrari. Attualmente carlo varotti ricopre la docenza di letteratura Italiana all’Università degli Studi di Parma.

 

Read Full Post »

Older Posts »