Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Galleria B4 Bologna’

 

INTERLACE 178 SHOW

work frames di

Fabio Belletti – Davide Manti – Pierluigi Vannozzi

Inaugurazione giovedì 19 Settembre 2019 alle ore 19:00

Galleria B4, via Vinazzetti 4/B (zona universitaria) Bologna

Fino al 19 Ottobre 2019. Dal martedì al sabato dalle 17:00 alle 20:00, oppure su appuntamento. Ingresso libero. http://www.galleriab4.it

 

INTERLACE 178 SHOW scaturisce in piena era LCD dall’idea che le immagini che ogni giorno facciamo entrare in casa nostra dalla finestra televisiva tocchino il nostro inconscio solleticando attitudini creative. La mediazione avviene attraverso protesi tecnologiche siano esse cellulari, macchine fotografiche, filtri instagram, fotocopie e xerografie in un mix che non agevola più il riconoscimento certo della fonte – la determinazione tranquillizzante – ma fa dell’immagine-tv icona atemporale slegata dal suo essere lì ed ora o disponibile perchè rivedibile infinitamente (con i nuovi decoder satellitari). La scelta delle immagini usate ha sconfinato indifferentemente nel sociologico/politico, con l’uso ad esempio degli istanti giornalistici subito dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova, dell’incendio in diretta di Notre Dame o di banali conferenze stampa per le recenti elezioni europee, nella psicologia per quanto riguarda le vittime di guerre africane videoriprese in fuga o attraverso racconti sconcertanti, ma anche nell’antropologia (se consideriamo i primi piani di vip riesumati in certi talk divenuti ahimè tele-bagarre). I lavori presentati citano poi, tritandoli anche nei titoli, indifferentemente, Erik Satie, Heather Parisi, soap opera coreane, pubblicità locali autoprodotte e strisce di pixel coloratissime create da CCD consenzienti. Si tratta cioè di un POP-show giocoso e combinatorio dall’interno del quale emergono come risultati, a ben guardare, frammenti trasfigurati ma riconoscibili di altri spettacoli legati al nostro “televentuale”: sceneggiati RAI, vetrine scintillanti o musei con videowall, fumetti e mostre di copy-art, assemblaggi surrealisti, frames di improbabili canali TV, Blob, sanremi e grandi fratelli. “Riesuma! Riprendi! Ricicla!” potrebbe essere lo slogan rimosso ma strisciante di questa mostra. È così che il televisuale assurge a materia prima d’arte che i tre artisti, Fabio Belletti, Davide Manti e Pierluigi Vannozzi, hanno rielaborato, rielaborano tutt’ora (come work in progress da seguire sui social: vedi #interlace178 o #tvframes) e rielaboreranno in futuro in forme di cui questa mostra rappresenta un primo punto di partenza. L’interlacciamento per questo è la metafora attraverso cui i tre artisti hanno espresso in solido i loro pensieri sul “paesaggio TV”: fino almeno agli anni ’80 l’interlacciamento era il sistema di scansione di immagini video che prevedeva la divisione del frame tv in linee orizzontali, dette semiquadri, suddivise in linee pari e dispari. Questa tecnica permetteva all’occhio umano di percepire una qualità di visualizzazione migliore. Come sappiamo, i moderni televisori sfruttano altre tecnologie ma a verifica dell’optimum raggiunto fino allora, alcuni monitor LCD possono emulare l’interlacciamento inserendo delle righe nere nel segnale (!) per avere un’idea del risultato finale che si avrà/aveva sul tubo catodico dove tutto precipita in un gorgo per essere poi nuovamente sparato nei nostri salotti.

 

Davide Manti – luglio 2019

Read Full Post »

 

INTERLACE 178 SHOW

work frames di

Fabio Belletti – Davide Manti – Pierluigi Vannozzi

Inaugurazione giovedì 19 Settembre 2019 alle ore 19:00

Galleria B4, via Vinazzetti 4/B (zona universitaria) Bologna

Fino al 19 Ottobre 2019. Dal martedì al sabato dalle 17:00 alle 20:00, oppure su appuntamento. Ingresso libero. http://www.galleriab4.it

 

INTERLACE 178 SHOW scaturisce in piena era LCD dall’idea che le immagini che ogni giorno facciamo entrare in casa nostra dalla finestra televisiva tocchino il nostro inconscio solleticando attitudini creative. La mediazione avviene attraverso protesi tecnologiche siano esse cellulari, macchine fotografiche, filtri instagram, fotocopie e xerografie in un mix che non agevola più il riconoscimento certo della fonte – la determinazione tranquillizzante – ma fa dell’immagine-tv icona atemporale slegata dal suo essere lì ed ora o disponibile perchè rivedibile infinitamente (con i nuovi decoder satellitari). La scelta delle immagini usate ha sconfinato indifferentemente nel sociologico/politico, con l’uso ad esempio degli istanti giornalistici subito dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova, dell’incendio in diretta di Notre Dame o di banali conferenze stampa per le recenti elezioni europee, nella psicologia per quanto riguarda le vittime di guerre africane videoriprese in fuga o attraverso racconti sconcertanti, ma anche nell’antropologia (se consideriamo i primi piani di vip riesumati in certi talk divenuti ahimè tele-bagarre). I lavori presentati citano poi, tritandoli anche nei titoli, indifferentemente, Erik Satie, Heather Parisi, soap opera coreane, pubblicità locali autoprodotte e strisce di pixel coloratissime create da CCD consenzienti. Si tratta cioè di un POP-show giocoso e combinatorio dall’interno del quale emergono come risultati, a ben guardare, frammenti trasfigurati ma riconoscibili di altri spettacoli legati al nostro “televentuale”: sceneggiati RAI, vetrine scintillanti o musei con videowall, fumetti e mostre di copy-art, assemblaggi surrealisti, frames di improbabili canali TV, Blob, sanremi e grandi fratelli. “Riesuma! Riprendi! Ricicla!” potrebbe essere lo slogan rimosso ma strisciante di questa mostra. È così che il televisuale assurge a materia prima d’arte che i tre artisti, Fabio Belletti, Davide Manti e Pierluigi Vannozzi, hanno rielaborato, rielaborano tutt’ora (come work in progress da seguire sui social: vedi #interlace178 o #tvframes) e rielaboreranno in futuro in forme di cui questa mostra rappresenta un primo punto di partenza. L’interlacciamento per questo è la metafora attraverso cui i tre artisti hanno espresso in solido i loro pensieri sul “paesaggio TV”: fino almeno agli anni ’80 l’interlacciamento era il sistema di scansione di immagini video che prevedeva la divisione del frame tv in linee orizzontali, dette semiquadri, suddivise in linee pari e dispari. Questa tecnica permetteva all’occhio umano di percepire una qualità di visualizzazione migliore. Come sappiamo, i moderni televisori sfruttano altre tecnologie ma a verifica dell’optimum raggiunto fino allora, alcuni monitor LCD possono emulare l’interlacciamento inserendo delle righe nere nel segnale (!) per avere un’idea del risultato finale che si avrà/aveva sul tubo catodico dove tutto precipita in un gorgo per essere poi nuovamente sparato nei nostri salotti.

 

Davide Manti – luglio 2019

 

Read Full Post »

 

Da Pierluigi Vannozzi
Ciao a tutti,
Vi aspettiamo sabato 26 Gennaio 2019, alle ore 18, presso la Galleria B4 ( via Vinazzetti, 4b, Bologna), all’inaugurazione della mostra fotografica
“Lichtgeist – Lo spirito della luce”

– LICHTGEIST –
Lo spirito della luce, Fotografia.

STEFANO ASPIRANTI, DAVIDE CONTI,
LODOVICO PIGNATTI MORANO, ENZO SBARRA,
PIERLUIGI VANNOZZI, LUIGI VIGLIOTTI

Inaugurazione sabato 26 gennaio 2019 alle ore 18.

La mostra sarà ospitata presso la Gallera B4 da sabato 26 gennaio 2019 a giovedì 28 febbraio 2019.

GALLERIA B4, Via Vinazzetti 4/b, (zona universitaria) Bologna.

Orari di apertura:
Martedì: 17.00-20.00
Mercoledì: 17.00-20.00
Giovedì: 17.00-20.00
Venerdì: 17.00-20.00
Sabato: 17.00-20.00

Oppure su appuntamento, ingresso libero.

www.galleriab4.it

Read Full Post »

Read Full Post »

Sabato 13 maggio alle 18, alla Galleria B4  di Vicolo Vinazzetti , 4/8  la mostra di Romana Marzaduri : Matropolis :  Il realismo magico. Fino al 17 giugno.

Read Full Post »

 xabier
Inaugurazione mercoledì 30 novembre 2016 alle ore 18.
Galleria B4, Via Vinazzetti 4/b (zona universitaria) BOLOGNA.
La mostra rimarrà aperta fino al mercoledì 18 gennaio 2017
dalle 17 alle 20, da martedì a sabato, oppure su appuntamento, ingresso libero.
Xabier Gonzàlez propone nella sua opera il trionfo del bianco, un bianco cristallino che richiede alla materia quello che le appartiene, la assedia, la sconfigge, la scompone. Originale è la scelta di materiali primitivi come la ruvida tela di sacco che serve come base per i suoi dipinti o la terra, l’argilla, sabbia di quarzo che, unita all’acrilico e materiale organico, danno forma alle sue opere. Il risultato è un gioco di ritmi in cui la luminosità si trasforma in uno spazio incerto e fluttuante dove liberi campeggiano i rossi, i gialli, i verdi, in un meccanismo oscillante e voluttuoso che si avvolge in macchie e forme geometriche.
Elvira Rilova Nuñez
Xabier Gonzalez è un’artista di Bilbao, nato nel 1967. Figlio d’arte di Emilia Muro, pittrice basca, eredita da lei la passione per i colori. Laureato in Storia Antica e Dottore di Ricerca in Archeologia. Ha esposto le sue opere in numerose città tra cui a Bilbao, Bologna, Roma, Ferrara, Milano, Firenze, Tunisi e Parigi. Vive e lavora a Bologna dal 1992.
Il titolo “Bazkari” significa “cibo” in Basco, e i titoli delle opere sono in latino a secondo del materiale organico usato; Solanum melongena (melanzana).Info: Lodovico Pignatti 333-2223810.
info@galleriab4.it
www.galleriab4.it
Informazioni sul locale

Read Full Post »