Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Maestri della fotografia’

La foto è il Colosseo di Josef Kouldeka

Un grande Maestro della fotografia Josef Kouldeka, è in mostra a Roma, fino al 16 maggio .

Bologna gli rese omaggio con una mostra personale delle sue opere in occasione della Biennale della fotografia industriale del MAST La mostra in corso : Josef Koudelka – Radici. Evidenza della storia, enigma.

Allo Spazio espositivo MUSEO DELL’ARA PACIS

Lungotevere in Augusta – 00186 – Roma – Lazio

Read Full Post »

Mario Giacomelli

dal fotografo Enrico Scuro 
SENIGALLIA FOTOGRAFIA INCONTRI 2015: DUE GIORNI DI FULL IMMERSION NEL MONDO DELLA FOTOGRAFIA
Viaggio negli archivi fotografici, workshop di antiche tecniche fotografiche, convegni sull’autoritratto fotografico e sul ruolo della fotografia nella ricerca storica,
economica e sociale. Via vai di grandi fotografi e curatori di musei ed archivi. Senigallia rilancia il suo ruolo storico di Città della fotografia con un evento fotografico di forte richiamo nazionale, programmato a Palazzo del Duca, il 27 e 28 giugno, in concomitanza con il CaterRaduno RAI e articolato su una due giorni di incontri, promossi  dal Centro Italiano per la Fotografia di Torino, dal Museo d’arte moderna di Senigallia e dalla Fondazione Città di Senigallia. Il progetto nasce dalla sinergia progettuale di Lorenza Bravetta, direttrice di Camera a Torino nonchè di Magnum/Europa a Parigi e di Carlo Emanuele Bugatti, direttore del Musinf di Senigallia.

La full immersion negli incontri di fotografia di Senigallia prende avvio il 27 giugno alle ore 11 al palazzo del Duca con un Viaggio negli Archivi del Musinf, quando Barbara Bergaglio,
responsabile di Camera – Centro Italiano per la Fotografia, Torino, presiederà un incontro dedicato all’illustrazione di archivi e pubblicazioni del Musinf. A parlare dell’Archivio Giacomelli e del Gruppo Misa sarà il prof. Carlo Emanuele Bugatti. Sarà presente il fotografo Riccardo Gambelli che, con Giuseppe Cavalli, Ferruccio Ferroni,
Mario Giacomelli ed altri è stato protagonista della vicenda del Gruppo Misa. Poi il fotografo Paolo Mengucci testimonierà gli storici ed emozionanti momenti di amicizia con Mario Giacomelli che sono illustrati nelle tante fotografie dell’ Archivio “Io e Giacomelli. I ritratti di Mario Giacomelli scattati da Paolo Mengucci sono stati pubblicati sui quotidiani di tutto il mondo in occasione della mostra di Giacomelli alla Biblioteca Nazionale di Parigi, tempio mondiale della fotografia.

Sarà il sindaco Maurizio Mangialardi ad aprire gli Incontri e a salutare i relatori con la notizia della mostra al Museo di Sens delle opere di Mario Giacomelli, programmata nel 2016 su richiesta del Museo di Sens. Seguiranno la testimonianze di Giorgio Pegoli, il fotoreporter senigalliese di fama internazionale, le cui opere sono conservate oltre che al Musinf anche
nell’Archivio di Charles Henri Favrod a Losanna e nel Museo delle culture euopee di Berlino e quella del fotografo Enrico Scuro, che per l’occasione annuncerà la donazione al Museo di Senigallia di un’importante serie di fotografie da lui scattate al Parco Lambro, rappresentative della cultura e della rivolta giovanile del secondo Novecento.

Il fotografo romano Ruggero Passeri illustrerà l’Archivio dedicato ai suoi ritratti di artisti del 900, conservati al Musinf di Senigallia. Il regista e fotografo Antonio D’Agostino parlerà della sua esperienza, documentata nell’Archivio Fluxus, con scatti storici di Yoko Ono e delle altre protagoniste e degli altri protagonisti di Fluxus.
Scatti oggi conservati al Musinf ed esposti in varie mostre europee curate da Achille Bonito Oliva. Del nuovissimo Archivio Musinf degli ambasciatori Pentax sarà relatore Enea Discepoli con un excursus nei siti internet di Musinf e Fowa Pentax. Avendo per relatore il fotografo Gioacchino Castellani verrà presentato il catalogo della mostra, tenuta a Senigallia dall’ “Accademia Sali d’argento”, antologia significativa degli autori marchigiani fedeli alla tradizione della fotografia in camera oscura, che sono: Domenico Taddioli, Raffaella Baldoni, Stefano Coacci,
Fabio Corinaldesi, Walter Ferro, Patrizia Lo Conte, Marco Mandolini, Anna Mencaroni, Alfonso Napolitano, Daniele Papa, Giorgio Pegoli, Alberto Raffaeli, Paolo Roscini, Paolo
Mengucci, e lo stesso Gioacchino Castellani. L’ormai vastissimo Archivio Musinf della Fotografia Stenopeica avrà per relatore il fotografo Massimo Marchini, che terrà anche un laboratorio di fotografia al collodio umido con macchine d’epoca e presenterà il suo nuovo manuale di antiche tecniche fotografiche. Salvato nelle fasi della drammatica
alluvione di Senigallia l’Archivio storico Cingolani sarà raccontato dai fotografi Alfonso Napolitano e Patrizia Lo Conte, che parleranno anche dell’esperienza della catalogazione e restauro delle centinaia di negativi su vetro che compongono la raccolta Cingolani al Musinf, dove è stato allestito anche un laboratorio di restauro. Anna Mencaroni presenterà la slide Sulle Tracce di Mario Giacomelli, documentative del viaggio a Scanno degli allievi e docenti del Musinf con Renzo Tortelli, che aveva  accompagnato a Scanno Mario Giacomelli in occasione degli scatti ormai storici del grande maestro della fotografia senigalliese. Naturalmente è prevista la presenza di Renzo  Tortelli. Il fotografo Adriano Gamberini, infine parlerà della sua raccolta di foto donate al Musinf e di un suo libro fotografico presentato da Dario Fo. L’intero fittissimo
programma delle due giornate di incontri di Senigallia è sui siti del Centro Italiano della Fotografia di Torino e del Musinf di Senigallia. Verrà illustrato alla stampa azionale nei prossimi giorni.

Read Full Post »

Franco Pinna ha fotografato quello spazio temporale anteriore agli anni ’70, l’Italia che stava crescendo nella sua tipicità e nei suoi costumi arcaici, mentre si formava, grazie agli anni del boom, un nuovo concetto di vita sociale con la convivenza fra il vecchio e il nuovo  modo di abitare la Nazione usi,costumi, sviluppo culturale.

Franco Pinna è stato il fotografo di Ernesto De Martino, antropologo, con specialità di etnomusicologia e ha donato le sue immagini ad una ricerca  che ha analizzato in un vasto con un patrimonio fotografico l’antropologia di un paesino del Sud dell’Italia,  Santa Maria Di Nardò, analizzando, in particolare il punto di contatto fra la religione e l’ambientamento nel paesino . Gli esiti di questa ricerca/studio si trovano  nel libro “La terra del rimorso” , esistono tuttavia vari filmati di difficile reperimento negli archivi della Rai. Oltre a Ernesto De Martino collaborò con Federico Fellini, con altri fotografi come Tazio Secchiaroli e formò un’agenzia che doveva essere affine alla Magnum, i fotografi associati .

Accanto all’impegno fotografico l’impegno politico di Franco Pinna si concretizza nella militanza nel partito Comunista Italiano, da dove si staccherà in occasione dei Fatti d’Ungheria.

http://www.archiviosonoro.org/basilicata/archivio-sonoro-della-basilicata/fondo-pinna

Fanco Pinna mamuthones Franco Pinna Franco Pinna_02 Franco Pinna_03 Franco Pinna_04 Franco Pinna_05 Franco Pinna_06 Franco Pinna_07 Franco Pinna_08

 

Read Full Post »

…Henri Cartier Bresson ha riconosciuto il proprio debito a André Kertesz   (Budapest, 2 luglio 1894 – New York, 28 settembre 1985) , la cui opera resta un modello di grande rilevanza. La forza e l’efficacia dello sguardo di Kertesz risiedono nella sua semplicità. Egli non guarda attraverso le sue macchine bensì attraverso ciò che fotografa…(tratto da “l’immagine fotografica di Alfredo De Paz)

Andre-Kertesz--11 Andre-Kertesz--1 Andre-Kertesz--2 Andre-Kertesz--3 Andre-Kertesz--4 Andre-Kertesz--5 Andre-Kertesz--6 Andre-Kertesz--7 Andre-Kertesz--8 Andre-Kertesz--9 Andre-Kertesz--10

 

…Tutto quello che abbiamo fatto, Kertész l’ha fatto prima Henri Cartier Bresson

Read Full Post »