Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Roberto Pinto’

 

 

Giovedì 13 febbraio, ore 18.00
L’ARTE CONTEMPORANEA VISTA DA UNO SCRITTORE
Incontro con Tiziano Scarpa e Roberto Pinto

Romanziere, poeta e drammaturgo, Tiziano Scarpa ha pubblicato il romanzo Il brevetto del geco (Einaudi) che ha per protagonista un artista contemporaneo. È autore anche di saggi e testi creativi su vari artisti di oggi, fra cui: Stefano Arienti, Luca Bertolo, Bertozzi e Casoni, Flavio Favelli, Maurizio Finotto, Anish Kapoor, Magnus, Ryan Mendoza, Mimmo Rotella, Tino Sehgal.

Fondazione Federico Zeri
piazzetta Giorgio Morandi 2
40125 Bologna
tel. +39 051 2097 486
fondazionezeri.info@unibo.it
http://www.fondazionezeri.unibo.it

Read Full Post »


Giovedì 6 febbraio, ore 18.00

LA FELICITÀ DELLE IMMAGINI, IL PESO DELLE PAROLE
Incontro con Alessandra Sarchi, Andrea Bacchi e Roberto Pinto

Scrittrice e storica dell’arte, Alessandra Sarchi ha affrontato nel suo ultimo libro il rapporto con l’arte figurativa di cinque grandi scrittori del Novecento italiano. Ne esce il ritratto di un tempo vivido e interessante, ricco di idee in perenne circolazione.

Bompiani editore

Ingresso libero

Fondazione Federico Zeri
piazzetta Giorgio Morandi 2
40125 Bologna
tel. +39 051 2097 486
fondazionezeri.info@unibo.it
http://www.fondazionezeri.unibo.it

Read Full Post »

gilberto-zorio

 

martedì 14 febbraio ore 17.30
CONVERSAZIONE DI GILBERTO ZORIO
introduce Roberto Pinto

ingresso libero

L’incontro fa parte di una rassegna incontri  in Biblioteca. Piazzetta Morandi , 2 a Bologna.

Fondazione Federico Zeri
piazzetta Giorgio Morandi 2
40125 Bologna

 

Per chi volesse vedere i precedenti  studi della Fondazione Zeri c’è un canale  su you tube

https://www.youtube.com/channel/UCKLQcVbRNWWjWXYDAAc6O3w

Read Full Post »

dal prof.Roberto Pinto

Un incontro per chi non conosce Carla Lonzi, critica d’arte e femminista, e per chi vuole approfondire il suo percorso artistico

Presentazione del volume Un margine che sfugge. Carla Lonzi e l’arte in Italia 1955-1970

MAMbo – Sala Conferenze
sabato 28 gennaio 2017
h 11.00

Sabato 28 gennaio 2017 alle h 11.00 Roberto Pinto e Maria Antonietta Trasforini presentano al MAMbo il libro di Laura Iamurri Un margine che sfugge. Carla Lonzi e l’arte in Italia 1955-1970 (Quodlibet). Introduce Uliana Zanetti, alla presenza dell’autrice. Carla Lonzi, storica dell’arte e femminista, è stata una delle figure centrali della cultura italiana del dopoguerra. Il libro presenta per la prima volta una ricostruzione integrale della sua attività nella storia e nella critica d’arte, dalla formazione con Roberto Longhi alla pubblicazione del fondamentale volume Autoritratto (1969) e ai successivi rari interventi, fino alla fondazione di Rivolta Femminile nel 1970. Basato su documenti inediti e su un vasto corpus di testi a stampa, il libro mostra l’itinerario che ha portato Lonzi a scrivere sui principali snodi dell’arte contemporanea e ad accompagnare la rivoluzione dei linguaggi artistici degli anni Sessanta con una reinvenzione totale della critica d’arte attraverso un uso non convenzionale del registratore: le sue conversazioni con gli artisti (tra gli altri Accardi, Fabro, Paolini, Fontana, Castellani, Consagra, Kounellis, Pascali, Rotella, Scarpitta, Turcato) hanno inaugurato un modo inedito di fare critica, e insieme hanno contribuito all’elaborazione iniziale del femminismo.

Ingresso alla presentazione: libero.
L’incontro fa parte della la quinta edizione di ART CITY Bologna.

vai-pure carla_lonzi1 libri_lonzi_hegel

 

Read Full Post »

Incontro con Giovanna Zapperi sul libro “L’artista è una donna. La modernità di Marcel Duchamp” coordinato da Roberto Pinto, presentazione di Roberto Pinto (tratto dal suo profilo FB)

In questo libro l’autrice sviluppa l’ipotesi che MarcelDuchamp abbia decostruito il genere dell’artista, dunque la sua mascolinità, attraverso una serie di opere in cui assume un’identità femminile. Tale operazione, iniziata dall’artista francese intorno al 1920, spesso in collaborazione con Man Ray, viene letta da Giovanna Zapperi non soltanto come un passaggio cruciale nel percorso dell’artista.
L’adozione di un alter ego femminile rimanda, infatti, alla necessità di ripensare la mascolinità dell’artista e il mito del genio-creatore nel quadro di una modernità che investe tanto il piano della produzione e dei consumi, quanto quello della sessualità e dei comportamenti femminili.

Oltre Giovanna Zapperi intervengono Cristina Demaria, che insegna analisi dei linguaggi televisivi e gender studies presso il Dipartimento di Filosofia e comunicazione (Università di Bologna) e Federica Muzzarelli, che insegna fotografia e cultura visuale presso il Dipartimento di Scienze per la qualità della vita (Università di Bologna)

http://www.youtube.com/watch?v=-wgUAbDXoDY

Read Full Post »

Nell’ aula Magna di Santa Cristina, Università degli Studi di Bologna, Dipartimento di Arti Visive,  nei giorni scorsi, ha avuto luogo la presentazione del libro di Giovanna Zapperi : L’artista è una donna : modernità di Marcel Duchamp , coordinato da Roberto Pinto, con Cristina Demaria, Federica Muzzarelli.

Dal profilo facebook di Roberto Pinto :

Oltre Giovanna Zapperi intervengono CristinaDemaria, che insegna analisi dei linguaggi televisivi e gender studies presso il Dipartimento di Filosofia e comunicazione (Università di Bologna) e FedericaMuzzarelli, che insegna fotografia e cultura visuale presso il Dipartimento di Scienze per la qualità della vita (università di Bologna). Giovanna Zapperi insegna storia e teoria dell’arte all’École nationale supérieure d’art di Bourges. Ha insegnato in varie università europee ed è stata fellow dell’Institut d’études avancées di Nantes e di Villa Medici a Roma. Ha recentemente curato l’edizione francese di Autoritratto di Carla Lonzi (JRP|Ringier, 2012) e, insieme ad Alessandra Gribaldo, ha scritto Lo schermo del potere. Femminismo e regime della visibilità (ombre corte, 2012).

 Si cita parte dell’Articolo tratto da Alfabeta 2 per posizionare lo studio su Marcel Duchamp di Giovanna Zapperi

https://www.alfabeta2.it/2014/10/19/lartista-donna-modernita-marcel-duchamp/

Pubblichiamo qui un’anticipazione del nuovo libro di Giovanna Zapperi, L’artista è una donna. La modernità di Marcel Duchamp, in libreria nei prossimi giorni per le edizioni ombre corte.

Marcel Duchamp è l’artista che ha espresso nel modo più radicale la crisi attraversata dalla creazione artistica negli anni attorno alla prima guerra mondiale. Nell’abbandonare la pittura, che non aveva per lui più alcun senso, Duchamp non si è infatti limitato ad accettare questo stato di crisi, rivolgendo la sua attenzione agli oggetti prodotti in serie e ad una concezone decisamente nuova dell’arte. Attraverso le sue molteplici trasformazioni e travestimenti, Duchamp ha anche cominciato a ridefinire un topos tanto antico quanto l’arte stessa: quello relativo alla figura dell’artista come individuo unico, universale, e maschile. Se nella storia dell’arte la virilità dell’artista è tendenzialmente data per scontata, considerata come un fatto universale, storicamente la donna ha avuto invece il ruolo di codificare l’Altro del processo creativo: l’oggetto dello sguardo, l’opera d’arte e l’immagine. Nella tradizione della rappresentazione occidentale, il compito assegnato al corpo femminile è quello di vettore del desiderio, con tutto ciò che questo comporta rispetto alla sessualità e alle formazioni identitarie, ma anche – come vedermo – agli ambiti del commercio e della circolazione delle merci…

Marcel Duchamp

Read Full Post »

Il 29 aprile,alle 17,  aula Magna, Convento di Santa Cristina, Piazzetta Morandi, 2  avrà luogo la presentazione del libro “L’artista è una donna : la modernità di Marcel Duchamp” di Giovanna Zapperi, coordina Roberto Pinto, dialogano con l’autrice Cristina Demaria e Federica Muzzarelli

Marcel Ducamp testo Marcel Duchamp

Read Full Post »

Older Posts »