Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Sindaco di Bologna Virginio Merola’

Nella foto in alto Bianca Colbi Finzi e Elio Toaff
Gemma Volli (storica)
GEMMA VOLLI E BIANCA COLBI FINZI
IL SINDACO VIRGINIO MEROLA: SCONFIGGERE MALATTIA DEL PRESENTISMO (DIRE) Bologna,
Il Comune di Bologna dedichera’ un giardino del quartiere Savena a due donne che hanno attraversato la storia della comunita’ ebraica cittadina: Gemma Volli (1900-1971) e Bianca Colbi Finzi (1916-2007). Lo ha annunciato il sindaco Virginio Merola durante la seduta solenne e congiunta del Consiglio comunale e del Consiglio metropolitano convocata in occasione del Giorno della memoria.
Volli fu una storica mentre Colbi Finzi, ricorda Merola, ha guidato l’Associazione delle donne ebree d’Italia ed e’ stata presidente della Comunita’ ebraica bolognese per 12 anni: “Ebbe un ruolo decisivo- sottolinea il sindaco- nell’aprire le istituzioni ebraiche a tutta la citta’ e nel renderle parte integrante della nostra cultura”. L’intitolazione del giardino, dunque, ha l’obiettivo di “contribuire a dar luce al ricordo di queste due donne e del loro impegno”, aggiunge Merola. Nel corso del suo intervento, il primo cittadino rimarca la necessita’ di “tenerci alla larga dal rischio principale del tempo che stiamo vivendo, che non mi stanchero’ mai di definire afflitto dalla malattia del presentismo, senza storia e con ansia del futuro”.
Perche’ invece “abbiamo bisogno oggi, proprio oggi- continua Merola- di confrontarci con il fatto che non siamo stati brava gente, che parte della nostra storia e’ fatta da un’ampia zona grigia di tanti italiani e bolognesi che in presenza di una dittatura non sono riusciti a uscire dall’indifferenza”. Un tema “molto attuale anche per l’oggi”, avverte Merola, perche’ e’ ancora attuale la necessita’ di “prendere posizione e non pensare che quello che accade di negativo, di brutto e di opprimente per alcuni possa non riguardarci”.

Read Full Post »

 

Un parcheggio abbandonato verrà trasformato in laboratorio della Cineteca di Bologna formando un distretto che attrarra’ il mondo internazionale del cinema.
La cineteca al momento paga l’affitto a privati e così questa spesa verrà risparmiata.

Dal post su Facebook del Sindaco di Bologna Virginio Merola

Renato Zangheri ci ha lasciato la più bella definizione di Bologna: città dell’incontro e del dialogo. Ed è proprio così: questo siamo e questo è il nostro destino. A lui verrà intitolato il nuovo polo della Cineteca di Bologna -laboratorio di restauro, archivio e aule didattiche – che sorgerà nell’ex parcheggio Giuriolo.
Questo è uno dei progetti del #PianoPeriferie da 18 milioni di euro. I bandi per le gare sono in corso di pubblicazione e questo ci permette di mettere in moto la macchina per aprire i cantieri.

Riqualificazione dell’ex parcheggio Giuriolo: l’ex parcheggio Giuriolo – comandante partigiano ucciso dai nazisti a Lizzano nel 1944 – diventerà un nuovo polo, dedicato al patrimonio cinematografico e alla memoria cittadina, che non ha precedenti nel mondo, grazie alla trasformazione degli spazi nella nuova sede, da un lato, dell’Archivio film della Cineteca di Bologna (con un patrimonio di 80 mila titoli filmici, e fondi di immenso valore storico per il cinema italiano e mondiale e per la fotografia), e, dall’altro lato, del laboratorio di restauro L’Immagine Ritrovata, considerato oggi un punto di riferimento assoluto a livello internazionale. Nuovi spazi che si apriranno anche al pubblico, che potrà così conoscere il patrimonio e il lavoro che la Cineteca di Bologna svolge nella conservazione, nel restauro e nella diffusione dei capolavori della storia del cinema, con la presenza di una sala cinematografica, un’area per proiezioni all’aperto nella stagione estiva, aule studio dedicate alla formazione, ricordando la vicinanza dell’ex parcheggio Giuriolo alle Aldini Valeriani. Un prospettiva di riqualificazione che non riguardi solo l’edificio – il cui abbattimento risulterebbe peraltro molto oneroso – ma venga intesa anche in termini di socialità della zona, nel Quartiere Navile: un luogo che porterà circa cento lavoratori al giorno, oltre ai visitatori, professionali e non, uno spazio aperto al quartiere, dove il lavoro sui film sarà messo in mostra con percorsi guidati; senza dimenticare tutto l’indotto che si creerà di conseguenza nell’area circostante, con una superficie verde progettata attorno al nuovo polo, pensata per aprirsi e connettersi al tessuto urbano circostante.

Nelle foto, tratte da internet com’è l’area oggi e come diventerà

Tutti i dettagli qui: http://www.comune.bologna.it/…/piano-periferie-bandi-cantie…

 


Le 

Read Full Post »

Nei giorni scorsi è stato assegnato il prestigioso Nettuno d’oro al maestro
NINO MIGLIORI
Il comunicato ufficiale  :
Domani, sabato 29 settembre alle ore 11 nella sala del Consiglio comunale di Palazzo d’Accursio, il sindaco Virginio Merola conferirà il Premio Nettuno d’Oro al fotografo Nino Migliori, una delle figure centrali del panorama fotografico italiano del XX secolo e di questo primo scorcio di terzo millennio. La decisione di conferire al fotografo il Nettuno d’Oro è stata annunciata dal Sindaco Virginio Merola lo scorso 7 giugno.

Si legge nella motivazione ufficiale: “È l’autore che meglio rappresenta la straordinaria avventura della fotografia che, da strumento documentario, assume valori e contenuti legati all’arte, alla sperimentazione, al gioco. (…) La ricerca sui materiali e sul linguaggio è il tratto fondamentale che caratterizza tutta la produzione di Nino Migliori: il suo lavoro non è mai definitivo e ripetitivo. (…) Nino Migliori non si è mai fermato davanti ai codici sistemici intoccabili della lingua fotografica, privilegiando la ricerca libera, con un atteggiamento sensibile, vivace e propositivo che gli ha consentito di non invecchiare mai artisticamente”. La motivazione ufficiale del conferimento sarà letta dall’assessore alla Cultura e Promozione della Città Matteo Lepore.
Ad aprire la cerimonia il Sindaco Virginio Merola, seguiranno gli interventi dello scrittore Graziano Campanini e dell’esperto di comunicazione e design Maurizio Marinelli, entrambi membri della Fondazione Nino Migliori.

Il Nettuno d’Oro è un premio conferito dal Comune di Bologna a partire dal 1974 ad aziende, cittadini, istituzioni ed associazioni culturali che hanno onorato con la propria attività professionale e pubblica la città di Bologna.

 

Nelle foto in alto : Il Maestro Nino Migliori con il Nettuno d’oro della città di Bologna consegnatogli dal Sindaco di Bologna Virginio Merola e dall’assessore alla Cultura Matteo Lepore (foto Eikon)

Nella foto sottostante il Maestro Nino Migliori all’inaugurazione della  sua mostra antologica a Palazzo Fava , alle spalle Wolfango Peretti Poggi, Archiginnasio d’oro alla memoria. Foto di Roberta Ricci

Read Full Post »

A Bologna il “Cinema ritrovato” ha avuto come ospite d’onore il regista Martin Scorsese che ha presentato un film del 1948 di Emilio Fernandez : “Enamorada”. Fernandez che aveva avuto una vita tormentata, improvvisamente, in fuga a Los Angeles, scoprì il cinema. Il successo delle collaborazioni , negli anni Quaranta, fra Emilio Fernandez e Gabriel Figueroa mise in risalto il cinema messicano descrivendone l’identità post rivoluzionaria. Fra le persone  che hanno collaborato a fare restaurare il film anche Olivia Harrison, la moglie di George.

Il Direttore della Cineteca di Bologna, Gianluca Farinelli che nei tre giorni di presenza di Scorsese ha organizzato eventi con migliaia di persone , al teatro Comunale i biglietti erano finiti dopo un’ora, in Piazza Maggiore la gente straripava, ha fatto gli onori di casa l’assessore alla Cultura del Comune di  Bologna Matteo Lepore, il Sindaco di Bologna Virginio Merola ha presenziato l’inaugurazione del cinema Modernissimo, ancora in fase di restauro che, per tanti anni era stato considerato uno dei maggiori cinema di Bologna e che cadde in disuso mentre oggi rivive col progetto della Cineteca restituendo un gioiello alla città.

Le foto sono di Gianni Schicchi


 

Read Full Post »

L’Archiginnasio d’oro a Wolfango, alla memoria all’Archiginnasio, Sala dello Stabat Mater, la prolusione è stata affidata al prof. Eugenio Riccomini, la premiazione dal Sindaco di Bologna Virginio Merola, con l’Assessore alla Cultura del Comune di Bologna, Matteo Lepore che ha letto motivazioni e ha coordinato  Marco Piazza , del  Consiglio Comunale di Bologna che ha votato unanimamente l’Archiginnasio  d’oro  per Wolfango , paragonato a Giorgio Morandi.

 

 

Read Full Post »

Older Posts »