Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Stefano Jacovello’

 

Ha avuto luogo, nei giorni scorsi, alla Casadeipensieri Festa dell’Unità di Bologna, un ricordo a Fabrizio De Andrè a vent’anni dalla sua scomparsa il tema : “De Andrè-Pivano : trionfa sulla vita chi è capace di amore ” con Daniela Bonanni di Pavia, che assieme all’Associazione culturale “Leggere Pavia ” ha organizzato eventi musicali su Faber a Pavia, per Lanciano ha partecipato Teresa Caporale, che ha suonato brani di De Andrè citati dall’album “Non al denaro non all’amore nè al cielo” , Stefano Jacoviello ha parlato di un saggio su Fabrizio De Andrè e la esperienza archivistica  di Siena in cui ci sono  le carte di De Andrè , per Bologna Marco Trotta ha rivelato alcuni stimolanti aspetti di De Andrè.

Daniela Bonanni ha scritto la sua esperienza  relativa a PAVIA – settembre 2015 – aprile 2016.

“ … e con la vita avrebbe ancora giocato”

viaggio nell’universo poetico di Fabrizio De Andrè (Non al denaro non all’amore nè al cielo ) ed Edgar Lee Masters ( Antologia di Spoon River )

Introduzione

A 100 anni esatti (era il 1915) dall’uscita dell’Antologia di Spoon River – il libro di poesia più venduto del ‘900 – Pavia ripropone il progetto che 15 anni fa aveva coinvolto ed appassionato studenti (più di 700) ed insegnanti degli Istituti Superiori e 300 bambini delle elementari, catturati dalla visionarietà dell’Ottico “ mercante di luce”.

Indimenticabile il concerto finale al teatro Fraschini – Dori Ghezzi e Fernanda Pivano in prima fila – con i compagni di viaggio di Fabrizio de Andrè: Mauro Pagani, Ellade Bandini, Vittorio de Scalzi, Giorgio Cordini …

Quindici anni dopo il viaggio riparte, a grande richiesta di chi allora c’era e di chi non c’era ma ne ha sentito parlare a lungo e con parole piene di passione.

IL PROGETTO

Il Progetto rappresenta il filone identificativo di Pavia in poesia 2016, manifestazione giunta alla sua 4^ edizione, ideata da Leggere.Pavia per favorire l’incontro tra la città e la poesia.

Vedrà coinvolti, a partire dalle scuole e dall’Università – con tempi e modalità in via di definizione – l’intera città: librerie, biblioteche, teatri ma anche uffici, negozi, bar … strade e piazze …

L’obbiettivo è far conoscere ed amare Fabrizio De Andrè ed Edgar Lee Masters, due autori patrimonio dell’umanità, che hanno segnato la vita e la storia di intere generazioni.

Il “piccolo mondo” di Spoon River e le vite anomale degli “sconfitti” di De Andrè, le canzoni e la poesia, il villaggio e la frontiera, la rassegnazione e l’utopia …

Licei, Istituti tecnici, Istituti professionali: ogni scuola studierà un itinerario specifico, con la massima libertà ideativa. Percorsi letterari, storici, musicali, artistici. In italiano e in inglese e anche in latino e in greco antico…

Le scuole materne ed elementari, a partire dall’Ottico, costruiranno lenti speciali, scriveranno filastrocche, disegneranno mondi … a scuola e anche a casa, con i genitori.

Sono previste, all’interno delle scuole e in altri spazi cittadini: lezioni-concerto, piccoli concerti, reading, performances teatrali, laboratori di musica e di poesia…

Nelle suggestive piazze di Pavia una giornata / serata speciale: “Si canta De Andrè” , come si faceva una volta, armati di chitarra, in spiaggia e nelle osterie ….

Dori Ghezzi e la Fondazione De Andrè, come 15 anni fa, hanno confermato appoggio e piena collaborazione.

Daniela Bonanni, presidente dell’Associazione Leggere.Pavia

alcuni filmati raccolti

http://www.youtube.com/watch?v=3XNqfyDPbc8

 

Read Full Post »