Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Arte e Ambiente’ Category

 

foto aeree di Dario Gambarin

“I HAD A DREAM” è l’ultima opera di Eco-Landart dell’artista veneto DARIO GAMBARIN realizzata su un terreno di 21.000 mq a Castagnaro in Provincia di Verona. Gambarin ha ritratto sulla terra con trattore e aratro, senza aver tracciato segni in precedenza, il volto di MARTIN LUTHER KING a 50 anni dall’assassinio, avvenuto il 4 aprile  del 1968. L’artista, salito più volte alla ribalta internazionale per avere scolpito sulla terra i volti di numerosi protagonisti della scena mondiale (tra cui Obama, Mandela, Papa Francesco e Putin), ha voluto dedicare la sua fatica al leader del movimento per i diritti civili degli afro-americani e Premio Nobel per la Pace. “Ho voluto volgere al passato la famosa affermazione di Martin Luther King I have a dream – spiega Gambarin – per significare che tanto è stato fatto, ma che c’è ancora molta strada da percorrere. Una rivolta è in fondo il linguaggio di chi non viene ascoltato, è uno dei suoi più famosi aforismi che induce una profonda riflessione sulle numerose trasformazioni che tutti oggi stiamo vivendo.”

La salvezza umana giace nelle mani dei creativi insoddisfatti (MLK).

Per informazioni

Video e foto

Dario Gambarin

Cell: 0039-333-8909901

email: dariogambarin@libero.i

Read Full Post »

Pietro Ghizzardi
Tra tormenti. Luci e nebbie.
dal 7 al 29 aprile 2018

Galleria L’Ottagono
piazza Damiano Chiesa, 2 – Bibbiano (RE)

 

Inaugurazione sabato 7 aprile 2018, ore 17:30

Presentazione a cura di Silvio Panini
con un intervento di Lucia Ghizzardi

Seguirà rinfresco.

Ingresso gratuito.

Orari di visita fino al 29 aprile
sabato e domenica > 10:00 – 12:00 | 16:00 – 18:00
Per visite su appuntamento contattare il 3485306266 o galleriaottagono@gmail.com

Read Full Post »

 

Un progetto che unisce arte e solidarietà per sostenere l’acquisto di una lavagna lim per la scuola Adrovandi- Rubbiani

Consegna Venerdì 23 marzo ore 13 – Scuola Aldrovandi Rubbiani

Via Marconi 40 – Bologna

Tutto è iniziato quattro mesi fa, quando Campogrande Concept, stava programmando la presentazione dell’artista-tatuatore Gabriele Pellerone per Art City Bologna 2018 nel nuovo spazio Dueunodue, e voleva dare seguito al percorso che vede ormai da anni Daniela e Stefano Campogrande, abbinare i progetti artistici a quelli di beneficenza, decidendo di sostenere per questa edizione l’Associazione RE-USE WITH LOVE, credendo fortemente che l’arte possa generare un cambiamento, possa ispirare innovazione e, soprattutto quando si lega alla moda, possa essere anche etica e responsabile. Il progetto che in particolare l’associazione ha deciso di presentare e sostenere è quello legato alla ri-generazione e ri-creazione di abiti usati e non più utilizzabili, da parte delle allieve dell’’Istituto Professionale IPSAS Aldrovandi–Rubbiani.

Motivo per cui il Finissage della mostra che si è svolto lo scorso 8 marzo, si è trasformato in un evento unico e speciale perché non solo si ha avuto l’occasione di rincontrare l’artista ma anche di partecipare ad una vera e propria battuta d’asta allo scopo di raccogliere fondi per acquistare una LAVAGNA LIM per ottimizzare il lavoro e la formazione professionale all’interno della scuola.

La storica cappelleria salentina Doria 1905 ha partecipato all’evento con una speciale Limited Edition della sua coppola “TATTOO” (in pelle pregiata 100% Made in Italy), sulle quali è stato impresso il segno indelebile come tatuaggio dall’artista Gabriele Pellerone.

Grazie alla Bottega del Grafico sono state stampate T-shirt, Felpe e Shopping Bag con il volto di donna tratto dalla famosa opera di Pellerone “Liberazione” che durante la battuta d’asta ha personalizzato, dipingendo in diretta ogni capo, rendendolo UNICO.

Così attraverso il contributo dell’artista e la generosità dei partecipanti all’asta siamo riusciti nell’intento quello di acquistare la lavagna Lim per l’istituto professionale Aldrovandi Rubbiani, il tutto in tempi record e infatti venerdì 23 marzo andremo tutti a condividere la bella notizia con gli studenti della scuola.

L’Associazione RE-USE WITH LOVE è formata da un centinaio di donne, che opera nel fundraising come associazione di beneficenza dal 2010 su Bologna, recuperando e riutilizzando abiti usati che vengono donati, per destinarli a scopi benefici attraverso due canali principali: quello dei Mercatini Solidali (con due appuntamenti stagionali l’anno, a maggio e ottobre, grazie al quale abbiamo raccolto e donato in 8 anni 442.536,00 euro) e quello della Boutique Solidale – uno spazio messo a disposizione dal Comune di Bologna tramite bando pubblico e allestito su base volontaria per creare un ambiente accogliente nel quale vengono distribuiti gratuitamente ai soggetti bisognosi, segnalati dai servizi sociali del Comune cittadino, abiti e accessori durante tutto l’anno (oltre 100 quintali di vestiti donati a oltre 800 persone all’anno).

“Il tema della sostenibilità legata al riuso degli abiti ci è particolarmente caro – ci racconta Monica Magli Consigliera dell’Associazione- e ne abbiamo fatto il principale progetto del 2018, che sarà quello di far crescere e sviluppare il LABORATORIO SARTORIALE attraverso la realizzazione di capi di qualità e originalità che partono da materie prime donate nell’ottica dell’economia circolare: giacche, camicie e pantaloni che possono avere ancora una loro utilità attraverso la trasformazione in nuovi oggetti di uso comune. Ci aiutano a realizzare questo progetto le allieve coordinate dalla Prof.ssa Daniela Cerri dell’Istituto Professionale IPSAS Aldrovandi-Rubbiani di Bologna, indirizzo moda e stile”.

L’artista Gabriele Pellerone è stato presentato a Bologna in anteprima nazionale da Campogrande Concept presso lo spazio espositivo DUEUNODUE in via Galliera, 2/B. in concomitanza di Arte Fiera 2018, confermando così il suo impegno a dare spazio non solo ad artisti di chiara fama, ma anche a linguaggi alternativi e nuove forme espressive d’arte.

La mostra ha difatti destato molto interesse da parte del pubblico, che ha potuto “toccare” le opere tatuate dell’artista, realizzate su tele di gomma siliconica, apprezzando la sua capacità ritrattistica, cogliendo la consapevolezza di essere testimoni di una nuova avanguardia.

All’interno della mostra è stata esposta un’opera dell’artista titolata “Liberazione”, classificata come uno dei tatuaggi più grandi al mondo (1,80 x 2,00 metri), che presto entrerà ufficialmente nel guinness dei primati

“Nell’evoluzione dei linguaggi artistici, la Tattoo Art rappresenta una delle ultime frontiere dell’espressività contemporanea. Nel significato più profondo, sia a livello etnico che semiologico, essa affonda le sue radici nelle decorazioni totemiche asiatiche e dei nativi americani fino al mondo marinaro, ma tracce di questa pratica esecutiva sono state trovate in diverse culture sin dall’antichità. Gabriele Pellerone, reggino, giovane talento della Skin Art, trasferisce i suoi lavori su pelle sintetica e li espone a parete, conferendo ad essi piena dignità estetica, al pari delle pittura tradizionale. Le opere esposte sono realizzate con aghi da tatuaggio montati su un apparecchio speciale e trasferiti sopra una superficie composta da pelle sintetica e gomma siliconica. Tatuare è come dipingere, con una differenza sostanziale: non è consentito alcun tipo di errore esecutivo, e pertanto è richiesta una particolare maestria unitamente ad una notevole padronanza tecnica

dell’apparecchio. Gli aghi speciali, in acciaio chirurgico, perforano la pelle sintetica ed iniettano i pigmenti che, in seguito, si fisseranno sulla pelle in maniera indelebile.

L’artista predilige le composizioni monocrome, riservando gli interventi con inchiostri colorati solamente per evidenziare le caratteristiche di alcuni dettagli. Un linguaggio nuovo da indagare ed interpretare attraverso le fascinose simbologie, decorazioni e ritratti ‘sui generis’ che coinvolgono i mondi della musica, della moda e dei motori, al punto da definire uno status, un modo di vivere e di essere oltre le convenzioni. La rassegna si completa con una sezione di gusto Pop che richiama i temi ed i significati antropologici di questa particolarissima forma artistica.”

Giancarlo Bonomo, curatore della mostra

L’arte di donare, l’arte di stupire, l’arte di commuovere, l’arte di sensibilizzare, l’arte nel condividere bellezza…(CC)

Per informazioni:

RE-USE WITH LOVE Reuse.with.love@gmail.com http://www.reusewithlove.org

Campogrande Concept

Daniela.scognamillo@campograndeconcept.it http://www.campograndeconcept.it

 

 

 

Read Full Post »

La Carinzia è uno Stato federato della Repubblica d’Austria ed è quello situato più a sud dei nove stati della Osterreich Bundesland. La sua popolazione è di circa 560.000 abitanti e Klagenfurt ne è la capitale.

Si trova sul Worthersee e dista 60 kilometri dal confine con l’Italia. Altra città importante da un punto di vista dell’economia del Land è Villach. La parte delle Alpi Carniche confina con le province di Belluno in Veneto e di Udine in Friuli Venezia Giulia. Confina inoltre a sud con la Slovenia e a nord con il Salisburghese mentre ad ovest si fonde con il Tirolo Orientale. La Carinzia è molto conosciuta per la dolcezza del suo territorio ed i tanti laghi che la caratterizzano e il fiume principale che la percorre è la Drava. È caratterizzata da un clima essenzialmente continentale e le risorse principali della Carinzia sono il turismo, l’agricoltura, il settore forestale, l’elettronica e l’ingegneria.

Il turismo della Carinzia si è presentato a Bologna e ai Bolognesi al Caffè della Corte in Corte Isolani. E in questa occasione nella splendida galleria di Palazzo Isolani è stato allestito nei giorni successivi un grazioso Mercatino di Natale con i prodotti tipici carinziani. Il turismo è una parte molto importante dell’economia e in questo ambito l’associazione alberghiera Austria per l’italia Hotels, nata nel 1986 per incentivare l’afflusso degli Italiani verso la Carinzia vista la vicinanza territoriale, ha presentato tramite la Signora Barbara Klaus le offerte per la stagione invernale e quelle per tutto l’anno. Molti itinerari si possono ben percorrere con la motocicletta e tantissimi hotels sono pronti per accogliere i visitatori che si spostano con questo mezzo.

L’Agenzia Turistica Karnten Lust am Leben di Klagenfurt ha fornito materiale per incrementare la conoscenza della regione. Nel territorio della Carinzia ci sono molte aziende agricole che sono condotte tuttora in maniera familiare e offrono una vasta gamma di prodotti alimentari di eccellenza. Slow Food ha monitorato da alcuni anni il territorio e tramite Slow Food Alpe Adria ha istituito nelle Valli Galt e Lesach le basi per viaggi alla scoperta dei gusti alimentari attraverso il Convivio per riunire il valore delle cose buone e la loro tutela. Al termine della simpatica presentazione abbiamo degustato un delizioso speck e altri salumi assieme a un ottimo formaggio e un gustoso pane scuro.

Funghi, radicchio selvatico e sottaceti il tutto abbinato a una pregevole birra chiara e scura del Birrificio Loncium di Kotschach Mauthen hanno preceduto un gradevolissimo Vin Brule’ che ha ben suggellato l’incontro con la dolce Carinzia.

Umberto Faedi

 

Kaernten – Winter

Winter am Woertersee

Bad Kleinkirchheim Römerbad, Therme und Piste
Foto Copyright by Johannes Puch http://www.johannespuch.at

 

Read Full Post »

 

 

 

scade il 30 dicembre 2017 / end on 30th December 2017
➜ 2.500 € di sostegno economico ➜ 500 € pocket money ➜ copertura dei costi di viaggio ➜ residenza artistica di 5 settimane ➜ accompagnamento curatoriale ➜ innesto nei processi creativi, culturali/paesaggistici/artistici, in corso ➜ QUADERNI DI IMAGONIRMIA, edizione cartacea bilingue ➜ Inoltre il Premio e l’esito della residenza artistica sono presentati pubblicamente attraverso un progetto complementare denominato IMAGONIRMIA IN TOUR

logo dell’Associazione IMAGONIRMIA di Elena Mantoni

è on line e scade il 30 dicembre 2017, la chiamata pubblica gratuita per la 3° edizione del Premio IMAGONIRMIA aperta a tutti gli artisti indipendentemente dalla propria nazionalità, senza restrizione di disciplina artistica e di età — is online and ends on 30th December 2017, the free application for the 3° edition of IMAGONIRMIA Award, opened to artists whatever their nationality, without restriction of artistic disciplines and no age limit.

Bando e allegati — Call and attachments : italiano english

In breve — In short : con il titolo spostamento variabile il premio IMAGONIRMIA assume l’idea di paesaggio pubblico e di giardino come bene in comune e a partire da qui intende intercettare l’interesse di quegli artisti il cui lavoro si relaziona con i luoghi minori, intesi come terreno di affettività civile in dialogo tanto con il radicamento quanto con lo spostamento. spostamento variabile chiama a idee-progetto capaci di prendere in esame percorsi e ambienti di confine tra mondo urbano e rurale nel territorio di Chiaravalle, la sua abbazia cistercense e la periferia sud di Milano, dove anche è possibile innestare le poetiche, le politiche e le pratiche del giardino nel suo portato reale e simbolico, generativo e rigenerativo — with the title spostamento variabile IMAGONIRMIA Award keeps in consideration idea of public landscape and garden as common good, and from here it intends to intercept the interest of artists whose work relates to the minor places, understood as the ground of civil affection in dialogue both with rootedness as with displacement. variable displacement calls proposals able to examine routes and border areas between urban and rural in the territory of Chiaravalle, its cistercian abbey and the southern suburbs of Milan, where it’s possible to engage the poetics, the policies and the practices of the garden in its real and symbolic, generative and regenerative results.

L’idea-progetto vincitrice si aggiudica — The selected proposal wins : residenza artistica di 5 settimane a Milano; accompagnamento curatoriale; sostegno economico di 2.500 euro per la realizzazione dell’idea; contributo viaggio + pocket money di 500 euro; l’innesto del progetto realizzato con il presente Bando, su processi creativi in atto; pubblicazione cartacea bilingue(Quaderni di Imagonirmia / viaindustriae publishing). Inoltre il Premio e l’esito della residenza artistica sono presentati pubblicamente attraverso un progetto complementare denominato IMAGONIRMIA IN TOUR — art residency of 5 weeks in Milano; curatorial accompaniment; economic contribution of 2.500 euros for the production; 500 euros as contribution for living + travel expenses; the engagement of the project realized with this Call, on the creative processes in progress; in Chiaravalle; printed publication, bilingual (Quaderni di Imagonirmia / viaindustriae publishing). In addition, the award, the result of the artistic residence and Quaderni, are publicly presented through a complementary project called IMAGONIRMIA IN TOUR.

info : ib.artproject@gmail.com

fotografia © Marco Caselli Nirmal

Read Full Post »

Nel settembre 2017 la Casa Museo “Pietro Ghizzardi” ha compiuto i suoi primi 25 anni di attività: per rendere accessibile ad un numero sempre maggiore di persone la collezione di opere dell’artista irregolare Pietro Ghizzardi (1906-1986) sabato 14 ottobre sarà aperta e visitabile gratuitamente  in occasione della 13° edizione della Giornata del Contemporaneo promossa da A.M.A.C.I. (Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani).

Le visite guidate permetteranno ai visitatori di scoprire l’universo creativo di Ghizzardi, attraverso la fruizione delle opere esposte (centinaia tra dipinti, disegni e incisioni, opere plastiche, manoscritti), ma anche mediante il contatto diretto con i suoi oggetti di uso quotidiano come gli attrezzi del mestiere accuratamente conservati, le vecchie scarpe rotte, la bicicletta usata negli anni ’50 per “pubblicizzare” i propri quadri appendendoli al manubrio, l’antica camera da letto dei primi del ‘900 della madre.

Un itinerario artistico ed intimo attraverso le testimonianze ancora vive e “parlanti” di un’esistenza semplice, radicata in un tempo che ormai pare lontanissimo, interamente rivolta all’arte e alla pittura.

Orari di partenza visite guidate di sabato 14 ottobre:

Mattino
ore 11.00

Pomeriggio
ore 16.00
ore 17.30

La durata della visita è di circa 1 ora e 15 minuti.

La prenotazione non è obbligatoria ma consigliata al 3405072384 o via mail all’indirizzoinfo@pietroghizzardi.com.

Casa Museo “Pietro Ghizzardi”
via De Rossi, 27/B
Boretto (RE)

 

Per celebrare il 50° anniversario della prima edizione del Premio dei Naïfs di Luzzara, lanciato da Cesare Zavattini il 31 dicembre 1967, la Collezione dei Naïfs di Luzzara sarà in mostra a Palazzo Bentivoglio, a Gualtieri (RE), dal 7 ottobre al 12 novembre.
Tra le opere in mostra ci sarà anche lo splendido “David” di Pietro Ghizzardi, che appartiene alla collezione luzzarese.
Pietro Ghizzardi sarà presente, per la terza edizione consecutiva, all’Outsider Art Fair 2017Parigi, grazie alla sinergia tra Rizomi Art Brut e la Casa Museo “Pietro Ghizzardi”.
La più grande fiera europea dedicata all’arte irregolare sarà ospitata come sempre all’Hotel Du Duc dal 19 al 22 ottobre.

Read Full Post »

COMUNICATO STAMPA

 

Dario Gambarin


PERFORMANCE DI LANDART

19.9.2017

 

“ONU”

 

 

Un gigantesco emblema dell’Onu, l’Organizzazione mondiale delle Nazioni Unite, con all’ interno il simbolo della pace. Si intitola “ONU” l’ultima opera di Land art realizzata dall’artista Dario Gambarin, noto nel mondo per i suoi grandi ritratti eseguiti sulla terra.  “Ho inserito al posto del simbolo delle Nazioni-spiega- il celeberrimo disegno che simboleggia la pace. L’obiettivo è  richiamare l’attenzione  su quello che è  – e deve essere – il ruolo di questa organizzazione: risolvere diplomaticamente le problematiche che stanno tenendo il mondo con il fiato sospeso, risistemando gli equilibri internazionali, in primis la questione della Nord Corea e del regime di Pyongyang,  per evitare che scoppino conflitti ai quali difficilmente si potrebbe porre rimedio.

Gambarin, da sempre attento alle problematiche politico-sociali, focalizza quindi stavolta la sua attenzione sul  confronto e dialogo con lo scopo di favorire la soluzione pacifica delle controversie internazionali, mantenere la pace e promuovere il rispetto per i diritti umani.

“Anche se il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel suo primo discorso al Palazzo di vetro si è scagliato contro la presunta cattiva gestione dell’Onu – conclude l’artista  – è solo a questa grande organizzazione che dobbiamo tutti guardare per una vera garanzia di pace”.

L’opera, che anticipa il 72esimo anniversario della fondazione dell’Onu, il prossimo 24 ottobre, è stata eseguita, a mano libera, con trattore ed aratro, su un terreno di 27.000 metri quadrati situato a Castagnaro, in provincia di Verona.

Per ulteriori informazioni

Foto e Video

Dario Gambarin

0039-333-8909901

dariogambarin@libero.it

Read Full Post »

Older Posts »