Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘cittadinanza attiva’ Category

VOCI DAI FONDI
LA BIBLIOTECA RACCONTATA

Biblioteca Gambalunga – Sala della Cineteca, ore 18
(ingresso libero e gratuito)

20 aprile – 8 giugno2018

Sarà lo scrittore Piero Meldini, già direttore della Biblioteca Gambalunga dal 1972 al 1998, a inaugurare venerdì 20 aprile, alle ore 18, “Voci dai fondi. La Biblioteca raccontata”, la rassegna ideata per ricordare i 400 anni della Biblioteca Gambalunga (1617-1619), che si festeggeranno nel 2019.
Il compito di raccontare la Biblioteca, con l’obiettivo di rafforzare il suo legame con la comunità, è stato affidato ad alcuni degli studiosi e frequentatori che giornalmente si avventurano nello studio, nella lettura, nella decifrazione delle sue collezioni, traendone idee, ispirazioni, fonti, divenute ricerche, articoli, libri.
Un progetto che nasce dall’idea che le biblioteche sono luoghi speciali, dove il tempo tende all’infinito, moltiplicato da tutte le voci, le memorie, gli incontri che vi convengono, attraversando i secoli. Qui gli uomini si nutrono delle domande che i libri e le carte insinuano nelle loro menti curiose.
Il grande italianista Ezio Raimondi ha ben descritto questo miracolo alchemico: la ricerca è in prima battuta una lettura di testi. In “questa avventura del senso, l’unico ancoraggio possibile è la biblioteca, cui sempre si ritorna[…]. La biblioteca è la terra del ricercatore: essa ridà forza, ridà idee, è l’umanità convenuta per servirti, per darti una mano”. I libri, dunque le biblioteche, vivono della nuova vita che i lettori e gli studiosi donano loro interrogandoli, compulsandoli, per soddisfare il loro
desiderio di dare un senso al mondo.

Ne darà testimonianza  Piero Meldini  con  Il testo cifrato, il trattato, la cronaca, le memorie: da dove nasce un romanzo. “Non sono pochi i romanzi nati da vecchi libri, codici venerandi, carte d’archivio. In alcuni casi hanno ispirato le figure dei protagonisti o suggerito elementi significativi della trama”, afferma Meldini, “in altri sono serviti per la documentazione
storica; in altri ancora hanno offerto semplici spunti e suggestioni. Lo scrittore, in effetti, è un fior di cleptomane che rubacchia ovunque può: da una notizia di cronaca, da una conversazione udita per strada o in treno,
dalle confidenze di un amico, dai propri ricordi. E dunque, perché no?, anche dai libri”. Piero Meldini, che da direttore della Biblioteca Gambalunga ha ordinato, catalogato e studiato vari fondi della stessa, perlopiù manoscritti, parlerà dei rapporti fra questa sua attività e quella successiva di scrittore.
Autore di cinque romanzi – quattro dei quali ambientati in una città in cui, anche quando non ne è fatto il nome, si riconosce facilmente Rimini – Meldini ha attinto al ricco patrimonio della Biblioteca soprattutto per ricreare le atmosfere della Rimini di età diverse: dalla fine del Seicento alla Restaurazione, alla stagione dei Bagni e del Kursaal. Ma la narrativa, anche quando si serve delle stesse fonti, niente ha a che vedere con la saggistica: in questa si maneggiano fatti e concetti, nella prima fantasmi.

Gli incontri proseguiranno venerdì 4 maggio

con Stefano De Carolis, medico e storico della medicina, che parlerà di “Iano Planco segreto: storia di una ricerca fra le carte della Gambalunga”. Alla ricca raccolta fotografica
gambalunghiana sul turismo riminese, farà riferimento,

venerdì 18 maggio,
Alessandro Sistri, studioso di antropologia culturale con: “Un mare di fotografie. Identità balneare della città nell’Archivio fotografico della Gambalunga”.

Venerdì 25 maggio,

lo storico Angelo Turchini proporrà un viaggio nel tempo, dalle cattedrali ai palazzi comunali di Rimini, dal liber instrumentorum del capitolo della cattedrale a quello del comune e dei Malatesta e alle cronache malatestiane, da Isotta a Sigismondo, da castel Sismondo al Tempio malatestiano (da Piero della Francesca a Filippo Brunelleschi e Leon Battista Alberti), da Sigismondo a Roberto il Magnifico,

mentre venerdì 1 giugno,

Marinella De Luca, docente di latino e greco,
traduttrice dal latino dell’ Astronomicon, parlerà del suo autore, Basinio Basini, intellettuale di punta alla corte di Sigismondo Malatesta. L’incontro proseguirà con la presentazione del restauro dei manoscritti dell’Hesperis di Basinio (1453-1457) e dell’Apparatus instrumentorum… (fine sec. XVI) di Claudio Paci, a cura di Roberta Stanzani,  finanziato dal Soroptimist
International Club Rimini.

Si chiuderà venerdì 8 giugno,

con la storica Elisa Tosi Brandi, che interverrà sul tema “Alla ricerca dei fondi perduti. Le fonti scritte del Medioevo riminese”, l’edizione primaverile della rassegna, realizzata grazie al contributo del Gruppo Maggioli,  che attraverso Art Bonus ha concorso (per il secondo anno consecutivo) alla valorizzazione bibliografica e culturale del patrimonio della Biblioteca Gambalunga.

Read Full Post »

Alle Cucine Popolari di Roberto Morgantini a Bologna  Francesco Piantoni  ha presentato  il suo libro: “Per un’etica dell’ospitalità”  (ed. Qiqajon) hanno dialogato  con l’autore: don Giovanni Nicolini , prof. Ivano Dionigi ,moderatrice: Caterina Giusberti, ha presentato Sandra Soster, già assessore alla cultura del Comune di Bologna .

Il prof. Ivano Dionigi : Ospes era lo straniero e l’ospitante , l’occidente è il luogo destinato a tramontare la nostra storia va declinando . Non ridurre ad una stessa lingua, ogni popolo ha un suo logos oggi siamo chiamati come dicono gli atti degli apostoli , alla pentecoste laica tutti si capivano parlando ognuno la propria lingua : il miracolo a cui siamo chiamati è quella di parlare ognuno la stessa lingua.

Don Giovanni Nicolini racconta di quando suo padre ritornò dalla guerra , un uomo,un militare che lui e suo fratello non avevano mai visto,  dopo gli abbracci e baci fra lui e la mamma , riferisce Don Nicolini, che non hanno potuto dormire nel letto  questo è stato il suo impatto con l’ospite .

Read Full Post »

Il 19 aprile alle 21 alla Biblioteca Corticella di Via Gorki, 4

Presentazione del libro “Un gesuita a Scampia: come può rinascere una periferia degradata”edizione Dehoniane 2017. E’ presente l’autore Fabrizio Valletti, dialoga con lui Leonardo Benvenuti Presidente Associazione SAT.

Modera l’incontro Massimo Peron Consigliere del Quartiere Navile e coordinatore della Commissione Sport e Welfare di comunità.

Col patrocinio del Quartiere Navile

Mercoledì 18 aprile
Un film sul cardinale Giacomo Lercaro Italia, 2018, documentario, 72 min.Regia Lorenzo K. Stanzani Produzione Mauro Bartoli, Lab Film. Il film verrà presentato il 18 aprile alle ore 21.00 al cinema Perla di Bologna alla presenza del vescovo Zuppi. Il film si avvale del ritrovamento di una ventina di film 8mm inediti riguardanti Bologna e la vita del Cardinale Giacomo Lercaro nonché centinaia di registrazione audio del Cardinale. Per chi lo desiderasse fino al 29 marzo è possibile sostenere il film tramite crowdfunding sulla pagina www.ideaginger.it dove vi sono diverse fasce di contributi  a seconda della cifra che si sceglie di dare, da 15€ in su.

 

Read Full Post »

martedì
17 aprile 2018
ore 21

Cina e Occidente
per un dialogo sapienziale

Amina Crisma
docente di Filosofie dell’Asia Orientale – Università di Bologna
Antonio Olmi o.p.
Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna

Cina e Occidente : per un dialogo sapienziale
Come osserva Paolo Prodi in uno dei suoi ultimi libri, “la Cina non soltanto è una potenza che ci sovrasta, ma sta entrando dentro di noi” : il suo crescente protagonismo negli scenari della globalizzazione non è solo di natura economica e geopolitica, ma si configura anche come una vera e propria trasformazione antropologica, come un vasto e profondo mutamento degli orizzonti spirituali del mondo in cui viviamo. Come interpretare questo complesso fenomeno, non privo di tensioni, di contrasti e di implicazioni conflittuali, che rischiano di svilupparsi nel modo più indesiderato, anche se certamente non imprevedibile? Da un lato, prendendo sul serio le implicazioni della <trappola di Tucidide>, secondo cui il mondo è troppo piccolo per due potenze imperiali che si contendano il primo posto; solo un dialogo sapienziale (non puramente diplomatico o economico) come quello insegnato da P. Matteo Ricci quattro secoli fa e capace di mostrarsi efficace nell’alleviare i problemi sociali della Cina contemporanea, potrebbe avvicinare i due interlocutori.  Dall’ altro lato, svolgendo in modo approfondito una rinnovata riflessione sulle esperienze di dialogo interculturale fra Occidente e Cina, a partire da una rilettura di antiche fonti sapienziali che ne costituiscono gli oggetti privilegiati e nelle quali, come asserisce un maestro quale Pier Cesare Bori, è possibile rintracciare “risorse per un consenso etico fra culture”.
Salone Bolognini
Convento San Domenico
Piazza San Domenico 13 Bologna

GHISILARDI INCONTRI
giovedì
19 aprile 2018
ore 17

Cappella Ghisilardi

In collaborazione con ERT – Teatro Nazionale

Maryam

Adriana Valerio
storica e teologa – docente di Storia del Cristianesimo all’Università Federico II – Napoli

con la partecipazione di
Ermanna Montanari
Marco Martinelli
della compagnia del Teatro delle Albe

coordina
Marzio Badalì

Cappella Ghisilardi
Piazza San Domenico 12  Bologna
Lo spettacolo, che andrà in scena all’Arena del Sole il 18 e 19 aprile 2018 ore 21, è in quattro movimenti, (Preghiera di Zeinab, Preghiera di Intisar, Preghiera di Douha, Maryam); Maryam è Maria, che nel Corano è la Madre di Gesù. Maryam ci dice quanto questa figura sia centrale nella cultura islamica. In tempi di terrorismi e di ferocia come quelli che stiamo vivendo, che le cronache di tutti i giorni ci testimoniano, Maryam è la “donna dell’incontro”, colei che rappresenta un ponte tra il cristianesimo, l’islam e la cultura contemporanea.
Ermanna Montanari, sola in scena, dona voce e corpo a tre donne palestinesi che condividono con Maria il dolore per la morte dei figli e dei fratelli dovute all’ingiustizia e agli orrori del mondo. Donne che si rivolgono a lei per chiedere consolazione o per gridare la propria rabbia, per reclamare vendetta, o semplicemente per invocare una risposta al perché della guerra e della violenza. Madri che la invocano come accade in tanti santuari musulmani del Medio Oriente e del Maghreb.
< L’idea di Maryam viene da lontano – ha dichiarato Doninelli, autore del testo teatrale – precisamente dalla Basilica dell’Annunciazione di Nazareth dove mi recai tra il 2005 e il 2006. Lì assistetti allo spettacolo di una fila quasi ininterrotta di donne musulmane che entravano nella basilica per rendere omaggio alla Madonna. Conoscevo già  la  devozione dei musulmani per Maria, ma quella visione mi colpì ugualmente per la sua solennità, per la certezza fiduciosa che quelle donne mi trasmettevano …>

Info: Centro San Domenico – piazza San Domenico 12 – 40124 Bologna
tel 051 581718 – fax 051 3395252 – 3404817977- www.centrosandomenico.it

LE ATTIVITÀ DEL CENTRO SAN DOMENICO SONO REALIZZATE GRAZIE AL CONTRIBUTO DI :
FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA, MARCHESINI GROUP, UNICREDIT BANCA, BCC FELSINEA CREDITO COOPERATIVO, cASSA RISPARMIO DI BOLOGNA,  COOPalleanza 3.0, FONDAZIONE UNIPOLIS, GVM (Gruppo Villa Maria)

Read Full Post »

L’Antoniano di Bologna non forma solo i giovani talenti  che spesso diventano famosi dopo l’insegnamento ricevuto , ma cura progetti inclusivi relativamente alla mensa e agli incontri per famiglie nell’affanno economico, oltre a contribuire con personale preparato a persone diversamente abili.
C’è da dire che l’Antoniano non riceve i contributi dalla Chiesa cattolica e va avanti con le sue forze che racimola con le opere di carità. Ora organizza un mercatino vintage e chi vuole, sapendo che i soldi non rimpinguano i superattici , può visitare il mercatino e anche donare il 5 per mille .
Oltretutto spesso ci sono gli open day per vedere gli spazi e cosa si fa con la carità ricevuta

 

 

 

Di più :

http://www.antoniano.it/

una visita  con le scolaresche

Cod. Fiscale
01098680372

Read Full Post »

 

Ha avuto luogo a Bologna, nei giorni scorsi nei locali di Genus Bononiae , con i saluti del prof. Fabio Alberto Roversi Monaco, il convegno sui Musei privati e pubblici un articolo del prof. Roberto Grandi dal suo blog

https://www.grandiroberto.it/cultura/convegno-a-bologna-in-cina-si-moltiplicano-i-musei-privati-e-pubblici/

“China’s private art museums: Icons or empty vanity projects?”. Questo titolo apparso sul sito della CNN poco più di un anno fa è echeggiato nel convegno Contemporary Art Museums Between Economy and Society. East/West Perspectives tenuto a Bologna il 23 marzo.

 

Nella mattinata sono intervenuti il Direttore del Beelden aan Zee Museums, Zan Teeuwisse; il Curatore della Fotografia del Carnegie Museum of Art, Dan Leers e il Direttore del Museo di Arte Moderna di Bologna (MAMbo) Lorenzo Balbi. Il punto di vista “occidentale” ha affrontato principalmente le tematiche sulle differenze tra musei privati e musei pubblici, la curatela, il rapporto con il mercato e con i diversi pubblici.

Gli interventi del pomeriggio si sono mossi all’interno del contesto delineato nell’articolo della CNN. Il numero di musei d’arte in Cina è passato dai 2600 del 2009 ai circa 5000 del 2016, con 600 milioni di visitatori annui. Il numero crescente di miliardari che investono in arte, le politiche del governo e delle municipalità favoriscono la costruzione di centinaia di musei ogni anno…”

Un’intervista al prof. Roberto Grandi risalente alla sua partecipazione all’Expò di Shangai

Read Full Post »

Martedì 27 marzo 2018

ore 21

Da Tolosa alla Mascarella.

La prima fraternita domenicana in città, con Massimo Medica responsabile dei Musei Civici d’Arte Antica di Bologna, Loris Rabiti parrocchia della Mascarella, Marco Rainini Università Cattolica Milano.

Salone Bolognini Convento San Domenico Piazza San Domenico 13 Bologna. Sede del primo convento domenicano di Bologna, dopo l’arrivo dei primi frati inviati da Domenico all’inizio del 1218, la Parrocchia della Mascarella conserva un eccezionale manufatto: la tavola della prima mensa domenicana, originariamente lunga circa sei metri, per quarantacinque centimetri di altezza, dipinta nel XIII secolo su un fronte e successivamente, nel secolo XIV, sul suo verso. Nel 1882 un restauro portò alla luce il dipinto duecentesco, coperto da uno strato di vernice. La  raffigurazione mostrava una mensa domenicana in cui San Domenico, cinto d’aureola, sedeva al centro con oltre quaranta frati ritratti intorno a lui.

Disuguaglianza: perché ci interessa? (registrazione dell’incontro di Lepida tv)

http://www.lepida.tv/video/i-marted%C3%AC-di-san-domenico-44

 

Fundrising

Mercoledì 18 aprile
Un film sul cardinale Giacomo Lercaro Italia, 2018, documentario, 72 min.

Regia Lorenzo K. Stanzani Produzione Mauro Bartoli, Lab Film.

Il film verrà presentato il 18 aprile alle ore 21.00 al cinema Perla di Bologna alla presenza del vescovo  Mons. Matteo  Maria Zuppi. Il film si avvale del ritrovamento di una ventina di film 8mm inediti riguardanti Bologna e la vita del Cardinale Giacomo Lercaro nonché centinaia di registrazione audio del Cardinale.

Per chi lo desiderasse fino al 29 marzo è possibile sostenere il film tramite crowdfunding sulla pagina www.ideaginger.it dove vi sono diverse offerte a seconda della cifra che si sceglie di dare, da 15€ in su.

 

Read Full Post »

Older Posts »