Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘L'Arte declinata in’ Category

Ha avuto luogo nei giorni scorsi l’inaugurazione della rassegna “Arte chiama Arte” , uno show room di tessuti e parati da Ridò, in Via Caldarese 1/2 che consente ad alcuni artist* selezionati di condividere un allestimento delle loro opere in sintonia con lo spazio a disposizione, Laura Fantini, artista bolognese (San Lazzaro di Savena) che vive anche a Manhattan e Nadia Fantini, architetto che fotografa alla ricerca di fiori in tutto il mondo per elaborarne una interpretazione negli arredi o nel design. E’ intervenuto il dott. Marco Macciantelli (già Sindaco di San Lazzaro di Savena il Comune dove risiede Laura Fantini).

 

Read Full Post »

Due anniversari nel 2017  per il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna e per l’edificio che lo ospita, il Forno del pane: il 5 maggio di 10 anni fa apriva i battenti la nuova sede dedicata agli sviluppi più recenti dei linguaggi artistici, che raccoglieva l’eredità della Galleria d’Arte Moderna di Bologna.

Un secolo fa, nel 1917, entrava in funzione il forno cittadino voluto dal sindaco Francesco Zanardi per far fronte alle difficoltà di approvvigionamento dei cittadini bolognesi nel corso della prima guerra mondiale.Per celebrare questi eventi, venerdì 5 maggio e sabato 6 maggio 2017 il museo si apre alla cittadinanza con due giornate di festa sul tema che guidò l’attività politica di Zanardi: “Pane e Alfabeto”.

Il prof. Eugenio Riccomini ha tenuto una conferenza sul pane raffigurato nell’arte : il Pane dipinto , iniziando dalla raffigurazione del pane degli antichi egizi.

Le foto in alto  ritraggono il prof. Eugenio Riccomini in occasione della presentazione  del  volume : Scritti per Eugenio. 27 testi per Eugenio Riccòmini che il figlio Marco ha curato e gli ha dedicato. Nel volume (pubblicato con il patrocinio del Comune di Bologna ed il sostegno della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna) 27 saggi sull’arte antica e moderna, molti dedicati a Bologna e all’Emilia, scritti da storici dell’arte, appartenenti a diverse generazioni, alcuni dei quali amici personali di Riccòmini.

Al centro della foto il prof. Eugenio Riccomini, a sinistra la sua assistente Lorenza , il figlio Marco dietro lui e Alighiera Peretti Poggi, curatrice e figlia di Wolfango .(foto di Roberta Ricci)

 

Read Full Post »

 

INCONTRI IN BIBLIOTECA 2017
La rassegna promuove presentazioni di mostre, libri e cataloghi di recente pubblicazione, conversazioni con artisti e critici. Gli incontri sono ospitati nella Biblioteca Zeri e sono pensati come occasioni di confronto tra autori, curatori, studiosi su temi legati alla storia dell’arte, ai musei, alla conservazione, alla fotografia.
giovedì 4 maggio, ore 17.30

presentazione del libro
Architectura Picta
a cura di Sabine Frommel e Gerhard Wolf
Interventi di Matteo Ceriana e Serena Romano

La rassegna promuove presentazioni di mostre, libri e cataloghi di recente pubblicazione, conversazioni con artisti e critici. Gli incontri sono ospitati nella Biblioteca Zeri e sono pensati come occasioni di confronto tra autori, curatori, studiosi su temi legati alla storia dell’arte, ai musei, alla conservazione, alla fotografia.

giovedì 4 maggio, ore 17.30

presentazione del libro
Architectura Picta
a cura di Sabine Frommel e Gerhard Wolf
Interventi di Matteo Ceriana e Serena Romano

http://www.fondazionezeri.unibo.it/it

 

Read Full Post »

Jana Molza da tempo segue alcuni progetti , che le sono familiari, infatti,  ha ricevuto in eredità nelle carte d’archivio da lei recuperate novelle e storie di un antenato , favole che ha trascritto e messo in pagine ornate da lei stessa, facendo un lavoro certosino di grafica e scrittura. La vita di Jana Molza è una enciclopedia di racconti, di creatività, di bambole che cuce a mano con piccoli punti. La sua cucina è creativa tutto ciò che fa è impastato da mani piccole e sapienti. La sua pittura è stata premiata ripetutamente e lei novantenne, continua a raccontare quel tempo che scorre accanto a noi e di cui lei continua a racocntare il flusso.

Abbiamo visto come il percorso della Via Emilia sia ricco di contributi, di naivetè, di poesia , Pietro Ghizzardi vinse il premio Campiello nel 1977 “Mi richordo anchora ” un nuovo Folengo , in questo percorso a suo modo Jana Molza dà la sua impronta con i suoi quadri, l’operosità instancabile che mette in forma il tempo.

 

nella terzultima foto  la contessa Molza spiega che suo padre , ingegnere, aveva inventato un contenitore per i dischi, prima del 1930.

Read Full Post »

Per il suo quarto compleanno Campogrande Concept ha invitato gli amici e chi voleva venire per una festa di compleanno, per modulare l’esperienza in modo ancor più coinvolgente per la città.Alcuni numeri sulla sua attività  1460 giorni di attività, 290 eventi ,  5700 grazie . Infiniti  imotivi per ritrovarci ancora d’ora in poi in forma itinerante . Ecco Over Spaces in versione Campogrande Concept  2.0.

https://www.facebook.com/eventiartedesignmoda/

Ne parliamo con l’art director Daniela Scognamillo Campogrande ( foto di Campogrande Concept)

 

 

 

L’intervista a Daniela Scognamillo che aprì Campogrande Concept

Read Full Post »

Venerdì 27 gennaio domenica 29 gennaio 2017

al Museo Ebraico di Bologna 

Collettiva, espressione delle tre fedi monoteiste. Nell’anno giubilare della Misericordia la mostra d’arte sacra Le lacrime di Dio – Ebrei, cristiani e islamici in dialogo. Nasce dall’incontro degli artisti Ariela Böhm ebrea, Elvis Spadoni cristiano e il gruppo musicale Sukun Ensemble islamica che hanno dato vita a un’opera collettiva che esprime, nel segno dell’arte e secondo la propria fede, quanto condividono dell’immagine misericordiosa di Dio.  A cura di Maria Acquabona.

Inaugurazione il 28 gennaio alle 21 nell’ambito di Art City Bologna in occasione di Arte Fiera , l’installazione è visitabile fino al 26 febbraio 2017.

http://www.museoebraicobo.it/it/eventi/le-lacrime-di-dio-art-city-bologna-2017

lacrime-di-dio

 

Desideriamo segnalare inoltre  dal comunicato stampa del Museo Ebraico di Bologna

● la Comunità Ebraica di Bologna annuncia il completamento del nuovo Bet Hakneset. Venerdì 27 gennaio 2017 alle 11, taglio del nastro alla presenza delle autorità cittadine. Ingresso da via Mario Finzi.

● la proiezione del film Austerlitz di Sergei Loznitsa (Germania/2016 – 94′) in programmazione mercoledì 25 gennaio 2017 alle 20 presso il Cinema Lumière – Piazzetta Pier Paolo Pasolini, 2/b – Bologna. Al termine incontro con il regista.

● la proiezione del film Oscar di Dennis Dellai in programmazione giovedì 26 gennaio 2017 alle 18 presso il Cinema Galliera di Bologna – via Matteotti, 27-  trailer: http://www.oscarilfilm.com/anteprima/

Per prenotare on line entro il 19/1/2017 http://www.movieday.it/event/event_details?event_id=698 

● il Teatro Testoni Ragazzi propone Quando ridiventerò bambino, spettacolo per ragazzi e famiglie, dedicato alla memoria di Janusz Korczak Via Matteotti 16, Bologna – venerdì 27 gennaio 2017 alle 21.

● Il film Sono morto che ero bambino. Francesco Guccini va ad Auschwitz di Francesco Conversano e Nene Grignaffini (Italia, 2017, 67′), realizzato in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, che sarà trasmesso da Rai Storia il 27 gennaio 2017 alle 21.

Read Full Post »

 

 

Litografie, schizzi, disegni, bozzetti, dipinti, riviste di moda, pagine e affiches pubblicitarie, oggetti in tessuto, cartoline, opuscoli, cartelli vetrina, piatti in ceramica e libri documentano la vasta produzione artistica di Renato Zavagli detto Renè Gruau (Rimini 1909-Roma 2004), svolta nel campo dell`illustrazione di moda.

Spazio  espositivo permanente Musei della città di Rimini.

Lunedì non festivi chiuso.

gruau_11 gruau_12 gruau_13 gruau_14 gruau_15 gruau_16

Read Full Post »

Older Posts »