Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Arte e Cultura’ Category


L’esposizione, curata da Chiara Dall’Olio, presenta sei installazioni video e fotografiche, che si interrogano sul significato di concetti come “identità”, “nazione”, “rito” e sulle valenze anche politiche che, oggi più che mai, queste parole hanno nel mondo contemporaneo. In un’Italia e in un’Europa che stanno affrontando tensioni nazionaliste e spinte separatiste, l’artista offre spunti di riflessione di grande interesse e sprona a sua volta il pubblico a interrogarsi sul senso di questi temi.

Il percorso espositivo che si diffonde su due piani di Palazzo Santa Margherita, si apre con il video in bianco e nero The Recorder Player from Sheikh Jarrah, l’opera più documentaria fra quelle presentate, in cui una ragazza suona un flauto dolce davanti ai militari israeliani schierati in occasione delle manifestazioni contro l’espulsione dei residenti musulmani dai dintorni di Gerusalemme a opera dei coloni israeliani.

La mostra prosegue con il video Tashlikh (Cast Off)l’unico in cui non sono riprese né persone, né azioni, ma solo oggetti simbolo appartenuti a uomini e donne che hanno subito persecuzioni e genocidi nell’ultimo secolo, non solo quello perpetrato al popolo ebraico, ma anche a quello armeno, della ex Jugoslavia, dei paesi africani.Il titolo Tashlik – che tradotto in italiano significa gettar via– fa riferimento a una pratica antica dell’Ebraismo, usualmente eseguita nei giorni che portano dalla fine dell’anno vecchio all’inizio di quello nuovo, in cui i peccati dell’anno precedente sono simbolicamente rappresentati da un oggetto, che viene gettato nell’acqua corrente. In questa opera, Yael Bartana lascia fluire oggetti personali come abiti, fotografie, sciarpe che riportano immediatamente alle etnie di appartenenza, che cadono dall’alto su uno sfondo nero e sembrano affondare come se si trovassero nell’acqua.

Nelle sale superiori di Palazzo Santa Margherita, si trova la doppia proiezione di Summer Camp / Avodah. In questo caso, l’artista riprende l’estetica del film Avodah, diretto nel 1935 da Helmar Lerski che sollecitava gli Israeliani a tornare in Patria per edificare uno stato ideale sionista, per ribaltarne la prospettiva e presentare un filmato nel quale racconta la ricostruzione di una casa palestinese – distrutta dalle autorità Israeliane – da parte degli attivisti del Comitato Israeliano Contro la Demolizione delle Case. Il visitatore sarà poi invitato a entrare nella stanza, dove è proiettato True Finn. L’ambiente riprende quello del salotto della casa nella campagna finlandese, dove si è svolta la performance, chiamata appunto True Finn,che ha visto otto residenti finlandesi di etnie, religioni e provenienze differenti, interrogarsi sul significato dell’essere finlandesi. In quest’opera Bartana si confronta con i meccanismi coinvolti nella costruzione di un’identità nazionale in un contesto completamente differente da quello delle sue origini e sceglie di farlo utilizzando una parodia da reality show.

La rassegna prosegue con il video A Declaration– presente nella collezione della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena – un’opera importante nella carriera di Yael Bartana, in quanto è la prima in cui l’azione ripresa non appartiene alla realtà, ma a una finzione cinematografica creata dall’artista e che documenta un gesto fortemente simbolico, ovvero quello di sostituire la bandiera israeliana, presente su uno scoglio della baia di Jaffa, con un albero di olivo. Diversi sono i livelli di significato: l’ulivo, oltre a essere il simbolo universale della pace, è anche quello della nazione palestinese, e il gesto di piantarlo è una citazione dell’ideologia sionista dell’invito al ritorno del popolo ebraico alla terra natale.

La citazione del medesimo stile si riafferma anche nell’ultima stanza in cui è allestita l’installazione fotografica The Missing Negatives of the Sonnenfeld Collection (After Herbert and Leni Sonnenfeld)per la quale Yael Bartana ha scelto alcune immagini dall’immenso archivio dei due fotogiornalisti Leni e Herbert Sonnenfeld che hanno documentato la Palestina / la Terra di Israele fra il 1933 e il 1948. Adottando lo stesso stile eroico, l’artista ricrea le scene delle fotografie originali, usando giovani arabi ed ebrei arabi come modelli, che interpretano figure di contadini, lavoratori e soldati, belli, gioiosi e pieni di speranza, per dare immagine a un momento utopico che sfida l’etica del movimento sionista.

Inaugurazione: venerdì 15 novembre 2019, ore 18

Periodo mostra: 15 novembre 2019 – 13 aprile 2020

Palazzo Santa Margherita
Corso Canalgrande 103, Modena

Orari

Mercoledì-giovedì-venerdì: 11-13 / 16-19

Sabato, domenica e festivi: 11-19

Ingresso

Intero €6,00| Ridotto €4,00

Ingresso libero: mercoledì | prima domenica del mese | 12 ottobre Giornata del Contemporaneo

Informazioni

Tel. +39 059 2032919 | http://www.fmav.org

 

Ufficio stampa FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE
Irene Guzman | T. +39 349 1250956 | Email i.guzman@fmav.org

Ufficio stampa
CLP Relazioni Pubbliche | Stefania Rusconi | tel. 02.36755700 | stefania.rusconi@clponline.it | http://www.clp1968.it

Read Full Post »

Alla Fondazione Zeri, in Piazzetta Morandi , 2 a Bologna avranno luogo alcune presentazioni

Giovedì 24 ottobre, ore 17.30

Cinzia Maria Sicca
presenta il volume
PER DILETTO E PER PROFITTO. I RONDININI, LE ARTI, L’EUROPA
di Cristiano Giometti e Loredana Lorizzo

Saranno presenti gli autori

Ingresso libero

YOUTUBE

Sono online nel canale YouTube della Fondazione Federico Zeri le videoregistrazioni integrali degli Incontri in Biblioteca 2019.

Fondazione Federico Zeri
piazzetta Giorgio Morandi 2
40125 Bologna
tel. +39 051 2097 486
fondazionezeri.info@unibo.it
http://www.fondazionezeri.unibo.it

Read Full Post »

Si rinnova a palazzo Malvezzi l’appuntamento con il ciclo di conferenze curato dalle professoresse Vera Fortunati e Irene Graziani dal titolo “Il Genio della Donna” dedicato alle donne nel mondo dell’arte. Titolo degli eventi che si terranno fino a dicembre è “Donne e arte in Europa: varietà di sguardi tra età moderna e contemporanea”.

Ad aprire gli incontri sarà la professoressa Alessandra Borgogelli che martedì 22 ottobre interverrà sul tema “Le donne di Giovanni Boldini (1842-1931)”. Sono proprio le immagini femminili a rendere famoso Giovanni Boldini, che risiede a Parigi, città che allora funge da calamita per il bel mondo internazionale. L’universo di Boldini però attinge, oltreché dall’“alto”, anche dal “basso”. Così il senso della femminilità viene colto in modo orizzontale e sempre secondo una rappresentazione dinamica, la stessa che l’artista ritrova nei cavalli in corsa o negli oggetti, tutti dotati dello stesso agitato “animismo” delle belle signore.

Gli altri appuntamenti in programma (gli incontri si terranno tutti alle ore 17.30 a palazzo Malvezzi, via Zamboni 13, sede della Città metropolitana)

giovedì 14 novembre
Liana Cheney
Le immagini mitiche di Evelyn de Morgan: Misteri e Rivelazioni Pre-Raffaellitiche

giovedì 28 novembre
Giovanna Perini Folesani
Carla Caterina Patina e l’invenzione del libro d’arte illustrato

giovedì 5 dicembre
Beatrice Buscaroli
Camille Claudel: talento e destino

Ciclo di conferenze è promosso dalla Città metropolitana di Bologna in collaborazione con il Dipartimento delle Arti, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna.
Il ciclo si tiene nell’ambito delle attività del “Centro di documentazione per la storia delle donne artiste in Europa”, che ha sede in via della Rondine 3 a Bologna.

Nella foto la sala di Palazzo Malvezzi dove saranno tenute le conferenze in Via Zamboni, 13 a Bologna

Read Full Post »

sabato 12 ottobre 2019
visite guidate gratuite della Casa Museo “Pietro Ghizzardi”
per la 15° Giornata del Contemporaneo – A.M.A.C.I.
mattina: 10:30 – 13:00
pomeriggio: 15:30 – 18:30

In occasione della 15° Giornata del Contemporaneo promossa da A.M.A.C.I., sabato 12 ottobre 2019,  la Casa Museo “Pietro Ghizzardi” si apre al pubblico per le visite guidate gratuite della collezione delle opere dell’artista, custodite in via De Rossi 27B a Boretto (RE).
Le visite del 12 ottobre si svolgono al mattino dalle ore 10:30 alle ore 13:00 e al pomeriggio dalle ore 15:30 alle ore 18:30.

sabato 19 ottobre, ore 17:00
Biblioteca Comunale di Boretto
Presentazione del catalogo
Pietro Ghizzardi. Le opere e i giorni
a cura di Valter Rosa
realizzato dalla Casa Museo “Pietro Ghizzardi”
con il sostegno del Comune di Boretto e della Regione Emilia-Romagna
interverranno: Valter Rosa, Massimo Gazza, Giulia Morelli e Lucia Ghizzardi

Read Full Post »

 Con il film “Arrivederci” con Bud Spencer e Terence Hill si è chiuso il ciclo “Sotto le stelle del cinema” 2019 con momenti irripetibili  la proiezione di Via col vento fra questi momenti sul maxi schermo, la rassegna aveva il manifesto di Via col vento.
La notizia che è stata intitolata una piazza a Mimmo Rotella a Savuci (Catanzaro 1918- Milano 2006) che dedica anche al cinema la sua arte di manifesti stratificati sui muri .
https://calabria7.it/savuci-festival-inaugurata-piazza-a-mimmo-rotella/?fbclid=IwAR2_YjGKPhncUdNW7SqRR8zscMVj1VpORCEsbqcQHfqj-mFWN1bVBbZBS9k

 

Un’opera di Mimmo Rotella

Read Full Post »

 

VINARTE 2019

Direzione Artistica Giuseppe Leone

Direzione Sezione Fotografia e Contributo critico Azzurra Immediato

Logistica Ada Mancinelli

Manifestazione a cura del Comitato Vinalia; responsabile Titina Pigna

Guardia Sanframondi, Borgo Antico

Dal 4 al 10 agosto 2019

VinArte, la kermesse artistica del festival Vinalia, torna, per il nono anno consecutivo, legandosi al tema “Canto della Durata”. Attraverso i concetti portati avanti da tale scelta, lungo le strade e negli antichi palazzi del borgo antico, si susseguirà un corale dialogo tra artisti di diversa poetica, legati, però, da una visione che di proporsi come viaggio nel tempo, ovvero come proposizione di un’arte in grado di resistere e sfidare la caducità della vita e sostenendo la bellezza effimera di ciò che passa o di ciò che resta, affidando ai posteri una traccia di memoria.

Pittura, Scultura e Fotografia saranno i linguaggi che, tra l’Antico Monte dei Pegni, quella che fu la Sagrestia dell’Ave Gratia Plena, il Municipio Vecchio, l’Ave Gratia Plena e Palazzo Marotta Romano si incontreranno le opere di Vishka e Amir Sabet Azar in residenza artistica con un laboratorio di pittura, Constantin Migliorini con le sue misteriche ed oniriche figure e Jorit, con un’opera su tela che sarà una pala d’altare laica. La scultura di Mariano Goglia e la fotografia di Anna Rosati, Francesco Cardone, Francesco Ciotola, Natalino Russo. A questi nomi, si uniscono quelli della dimensione legata al Genius Loci, con i fotografi guardiensi Mariagrazia Pigna, Pasquale Di Cosmo e Francesco Garofano. A latere il dialogo continua con Salvatore Di Vilio, fotografo legato alla tradizione di Vinalia e che, in anteprima presenterà la sua ultima pubblicazione. Infine, l’atelier Pietre Vive di Carmine Maffei genererà un legame tra territorio e nuova sperimentazione.

Il progetto VinArte, affidato, da nove anni, alla direzione artistica dell’ideatore Giuseppe Leone e alla direzione della sezione fotografia di Azzurra Immediato, intende svilupparsi come un cammino all’interno di Vinalia alla sua 26ima edizione e, dalle colline guardiensi, l’arte attraverserà tempi e luoghi lontani, fondendosi come in un classico convivio, un simposio d’artisti che spazierà verso l’infinito ed oltre perché, come accade con le gocce di vino, così agisce la memoria, per frammenti, ed essa funziona solo in questo modo, al fine, poi, di creare un unico, immenso, ‘quadro’, quello che sopravvive: al passare degli anni, delle anime e degli sguardi, facendosi bellezza che dura, dal valore universale, poetico ed oracolare, nell’illuminata intesa tra Arte & Impresa.

nella foto da sinistra

Anna Rosati presente a Palazzo Marotta Romano

Azzurra Immediato

Luigi Salierno

Pasquale Palmieri

la rassegna è diretta da Giuseppe Leone

VinArte, rassegna artistica del festival enoculturale Vinalia.
VinArte, IX edizione, direzione artistica Giuseppe Leone, direzione della Sezione Fotografia e catalogo critico Azzurra Immediato.

Dal 4 al 10 agosto 2019, Guardia Sanframondi (Bn)

 

 

Read Full Post »

IMAGO MURGANTIA

EMERGENZE ARTISTICHE

A cura di Azzurra Immediato e Massimo Mattioli

Auditorium di San Bernardino Morcone (BN)

Dal 9 al 19 agosto 2019

Opening venerdì 9 agosto ore 19

Tutti i giorni 18.00 – 23.00

Mattina su appuntamento, info e visite guidate 347 9472408

Ingresso libero

IMAGO MURGANTIA rinnova il connubio tra antichità e contemporaneità. I curatori, Massimo Mattioli ed Azzurra Immediato ripropongono la sfida di rimettere la cultura al centro della rinascita dell’antico borgo di Morcone, già Murgantia, dopo l’esperienza ed il successo del 2018 con protagonista Lucio Perone, proponendo una mostra dal respiro internazionale, con un focus sul concetto di Emergenze Artistiche, molteplici letture di un simposio di artisti che dialogano, seguendo le linee di questo nostro tempo, sia da un punto di vista concettuale che da un punto di vista tangibile. Attraverso la bellezza pura dell’Arte e della sua capacità di mettere l’uomo dinanzi alla riflessione, IMAGO MURGANTIA tesse una trama che guarda all’infinito di una discussione vasta, profonda, infinita, come il mare, come l’animo umano, come ciò che ‘emerge’ e che, al contempo, è allarmante e spinge a riflettere. La storia, la nostra, diviene traccia percettibile attraverso fotografia, video, installazioni e performance che, nella loro intrinseca valenza, animano un dialogo con un luogo antico, la cui identità è stata travolta dalla modernità, in maniera unica, la Chiesa di San Bernardino, oggi Auditorium. 5 artisti per 5 visioni: Ilaria Abbiento, Anuar Arebi, Gino D’Ugo, Giovanni Gaggia e Anna Rosati.

La mostra, patrocinata dal Comune di Morcone, insieme con la Pro Loco Murgantia, è sponsorizzata da Dimensione Srl di Roberto Padulo.

Le foto dall’alto  :

Anuar Arebi

Anna Rosati

Gino D’Ugo

Giovanni Gaggia

Ilaria Abbiento

 

 

Read Full Post »

Older Posts »