Feeds:
Articoli
Commenti

#Festunità #Casadeipensieri

Luciano Bianciardi , lo scrittore contro che ha raccontato l’Italia è presente alla programamzione degli eventi letterari della Casadeipensieri con un libro di Carlo Varotti : “Luciano Bianciardi, la protesta dello stile ” ed. Carocci in dialogo con Otello Ciavatti, presentazione di Davide Ferrari. Attualmente carlo varotti ricopre la docenza di letteratura Italiana all’Università degli Studi di Parma.

 

Annunci

#Festunità #Casadeipensieri alla Libreria della festa

Nell’ambito della Festunità che quest’anno si è chiamata Romanzo Popolare , la Casadeipensieri ha organizzato incontri e dibattiti  anche su temi letterari , il prof. Gian Mario Anselmi  ha parlato del suo libro : “L’immaginario e la ragione” ed. Carocci ne ha parlato con Emanuele Felice, con una videointervista a  Nadia Urbinati .

Lettura Gramsci di Daniela Airoldi.

Ha avuto luogo, nei giorni scorsi, alla libreria Ubik di Bologna, in Via Irnerio,27  nell’ambito di #Festunità e nell’ambito delle programmazioni di #Casadeipensieri  la presentazione di  un’opera di Don Milani, i giorni le opere. Parallelamente, a Venezia, nello stesso giorno veniva presentato il documentario di Rai scuola su Don Milani, che hanno citato i partecipanti al dibattito.

Ne hanno parlato : Alberto Melloni, Federico Ruozzi,  conduttore  Giorgio Tonelli

 

 

 

 

 

 

 

si ricorda che tutte le manifestazioni di quest’anno della #casadeipensieri #festunità di Bologna sono dedicate alla memoria del prof. Luigi Pedrazzi (le foto sono di Roberta Ricci )

 

FESTA DELLA STORIA

23 e 24 settembre 2017

Chiesa di Lagune

Agriturismo Rio Verde

COLLINA di Mongardino – Sasso Marconi (BO)

Nel 125mo della morte di S.E. Battaglini, Arcivescovo di Bologna, tomista, uomo del dialogo scienza / fede e Stato / Chiesa, precursore della concezione della Città Metropolitana di Bologna, collaboratore di Leone XIII pontefice della Rerum Novarum, sostenitore, con il gruppo di fondatori laici capitanati dal conte Acquaderni, dell’Azione Cattolica Italiana, ideatore della prima torre meteo italiana

PROGRAMMA

SABATO 23 SETTEMBRE

mattinata turistica libera

Pranzo

ORE 15,30 CHIESA LAGUNE

“da Rerum Novarum a Laudato Sii – la Chiesa che cambia nel Mondo che cambia”

p. Giovanni Bertuzzi O.P. (Dir. I Martedi di S. Domenico)

Maurizio Landini (Segr. Naz. CGIL)

Labas & Camilla (Gruppi Sociali & Gruppi Solidali)

Modera: prof. Adriano Orlandini

(autore del libro “Il Cardinale Francesco Battaglini”)

Interviene e saluta il Sindaco di Sasso Marconi Stefano Mazzetti

Aperitivo A Km Zero offerto da Az. Agr. Floriano Cinti – agriturismo L’isola del Sasso via Gamberi 48 Sasso Marconi e Az. Agr. biologica Terranova dei Noccioli Via Collina 14. Sasso Marconi

ore 20,30 presso Agriturismo Rio Verde

Il conte Acquaderni e la sua concezione del mondo.

Dialogo a tre voci – i nobili, gli intellettuali, il popolo – con il Prof Giampaolo Venturi in affabulazione con la poetessa Leila Fala’ e l’umorista Luciano Calzolari

***

Sulla base del presupposto del dialogo scienza/fede, e ritenuta la coincidenza tra la creazione della prima Torre Metereologica italiana voluta da S.E. Battaglini, e l’insediamento, nello spazio di Manifattura Tabacchi, del centro Metereologico Europeo (a fronte del quale la nostra piccola Torre sta come Unibo, l’università più antica d’Europa, siede nel consesso delle Università Europee), scaturisce la seconda riflessione.

DOMENICA 24 SETTEMBRE

mattinata turistica

pranzo* se richiesto e prenotato presso Agriturismo Rio Verde: biciclettata in paese; passeggiata in collina sui percorsi CAI, visita al Museo Gugliemo Marconi, pranzo al sacco o al ristorante

Chiesa di Lagune ore 15.30

“Meteo & Marconi: nel territorio che pratica il dialogo tra scienza e fede nascono esaltanti sperimentazioni ed invenzioni”

Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti

Capitano Paolo Sottocorona (Meteo Omnibus La7)

Prof. Carlo Maria Medaglia (Capo Segreteria Tecnica Ministero Ambiente)

Prof Davide Monda (Università di Bologna)

Modera: Prof. Gabriele Falciasecca (Presid. Fondaz. Guglielmo Marconi)

Interviene e saluta il Sindaco di Sasso Marconi Stefano Mazzetti

Aperitivo e Visita alla Torre Meteo della Chiesa di Lagune.

20,30 presso agriturismo Rio Verde

Rinfresco

Esibizione di Trio Schubert (viola, violino, violoncello)

 

PRENOTAZIONI

– Agriturismo Rio Verde, Via Mongardino 8, Mongardino, Sasso Marconi – Bo chiamare il numero telefonico 0516751269

– Museo Guglielmo Marconi presso Villa Griffone, Via Celestini 1, Pontecchio Marconi (Sasso Marconi), tel 051.846121 (domenica ore 10, feriali su prenotazione)

(E’ prevista una scontistica sui prezzi, a discrezione degli operatori, concessa esclusivamente per questo evento, presentando il presente programma).

MAPPA

– Mongardino si raggiunge sia dall’autostrada (uscita Sasso Marconi) sia dalla via Porrettana

(deviazione Mongardino).

– Chiesa di Lagune si raggiunge sia da via di Castello (incrocio, a sin Via Lagune), sia da via di Mongardino (incrocio, a sin via Lagune)

– agriturismo Rio Verde

si raggiunge da via Porrettana (deviazione via Mongardino, 100 m a dx) o scendendo da via Lagune, poi al primo incrocio a sin ed al secondo incrocio, altezza ristorante La grotta, a dx verso la Porrettana).

– Museo Guglielmo Marconi

si raggiunge percorrendo la Via Porrettana, dalla quale è ben visibile e sulla quale è presente ampia, visibile, piazzola di sosta pertinenziale)

RINGRAZIAMENTI

AL Dott. Ugo Guidoreni per aver conservato, salvandoli, i documenti sulla Torre

Ad A.V.I.S. Sasso Marconi per il sostegno alla logistica

A Floriano cinti e laura sandri per la formazione degli aperitivi

Ad Assessorato alla Cultura e ad Ufficio Cultura e Ufficio Stampa del Comune di Sasso Marconi

 

 

Un ringraziamento speciale a MUSIC FACTORY via Moglio 10/12 Sasso Marconi

senza il cui generoso allestimento audiovisivo l’evento non si sarebbe potuto realizzare

#festunità #Casadeipensieri

L’ 1 settembre si conclude  letterariamente parlando “Harry Potter  e i doni della morte” che in questo libro ne descrive epilogo , ne hanno parlato Michele Caputo, Nicoletta Gramantieri, Fabiana Maraffa

 

Alla Biblioteca di Imola (BIM) il 16 settembre alle 10,30

Le donne fotografe

Dalla nascita della fotografia ad oggi: uno sguardo di genere
Presentazione del libro di Patrizia Pulga Con la presenza dell’autrice e di Elisabetta Marchetti, assessora alla cultura
della città di Imola La rilettura al femminile della storia della fotografia porta alla riscoperta di antiche fotografe, spesso taciute dalla storiografia ufficiale, e mette in luce profili professionali di fotografe del passato recente e del presente attive in tutto il mondo. Frutto di più di vent’anni di studio e di lavoro, il libro presenta il profilo di più di duemila professioniste, oltre a informazioni sulle associazioni delle donne fotografe a livello mondiale e sulle mostre, biennali e festival e iniziative per valorizzarle.
Patrizia Pulga, bolognese, è fotografa e docente di fotografia e Charter Member di Women In Photography International. Si occupa di reportage sociale, in particolare sulla condizione delle donne nel mondo e delle modifiche urbanistiche e architettoniche in Europa e in U.S.A.

BIM Biblioteca Comunale di Imola
Via Emilia 80
40026 Imola (BO)
tel. 0542.602636
bim@comune.imola.bo.it
http://www.bim.comune.imola.bo.it
http://www.facebook.com/
bimbibliotecaimol

Maurizio Osti. Artista di caratteri, anche

Biblioteca civica d’arte Luigi Poletti

15 settembre 2017- 5 gennaio 2018

A cura di Carla Barbieri e Pasquale Fameli

Inaugurazione della mostra venerdì 15 alle ore 18, alla presenza dell’artista

Questa mostra nasce nell’ambito del Festivalfilosofia dedicato alle arti.

 

 

 

 

Arti e non arte, e non a caso. Al plurale perché questa indagine filosofica viene dedicata non solo al problema principe dell’estetica, vale a dire cosa sia il bello e cosa si intenda oggi per bello, ma anche a come l’arte sia andata modificandosi in questi secoli di industrializzazione e di applicazione al mondo della tecnologia.

Arte, quindi, come radice di artificio e di artigiano, parole e pratiche che richiedono entrambe la conoscenza di una serie di operazioni e regole necessarie per svolgere un’attività in cui la creatività resta parte fondante e indispensabile. Arte inscindibile dalla tèchne, per la realizzazione di oggetti che comunque con la bellezza hanno a che fare.

Maurizio Osti che ama definirsi “artista per vocazione, grafico per necessità” ci è parso essere la personificazione di questo particolare nodo. Un autore che svolge sia l’attività di artista “puro”, seguendo il suo estro in maniera disinteressata, nella realizzazione di opere che non hanno alcun altro fine se non la creazione estetica, sia, accanto e parallela, l’attività di grafico, il mestiere che ha svolto anche come insegnante della disciplina. E se la parola disciplina sottintende già l’essere stato discepolo, allievo che ha dovuto imparare una serie di norme impartite da un maestro o da una pratica che si è evoluta nel tempo, questo non significa che il “mestiere” così imparato richieda minore impegno creativo del fare artistico in sé e per sé.

La mostra, quindi, vuol far conoscere questo aspetto del lavoro di Osti; non tanto quello già noto di artista visivo che si è espresso anche nell’ambito del libro d’artista e del libro oggetto – campo nel quale la Biblioteca Poletti ha lavorato per circa vent’anni e continua a lavorare – ma quello legato alla sua meno conosciuta identità di grafico.

Con un certo orgoglio presentiamo per la prima volta questa non secondaria attività di Maurizio Osti, l’unico artista vivente autore di ben due font digitali: il carattere FF Folk, basato sui lettering eseguiti a mano da Ben Shahn, e il carattere Pomona di cui è possibile vedere la nascita fin dai primi disegni a matita realizzati dall’autore.

Due opere/installazioni ripropongono poi l’autore all’interno della sua più ampia ricerca intorno al libro.

Per queste opere, che si fronteggiano all’interno della sala di lettura, le pagine dei libri diventano la materia con la quale Osti – da sempre attratto dal fare artistico come atto sciamanico – realizza due oggetti totemici dal titolo evocativo di Lybris.

Catalogo a cura di Carla Barbieri e Pasquale Fameli, pubblicato da Pazzini Editore, 2017

Maurizio Osti è nato a Sasso Marconi (Bologna) nel 1944. Da sempre opera come artista visivo di matrice concettuale, esprimendosi anche nell’ambito del libro d’artista e del libro oggetto e partecipando a numerose mostre nazionali ed internazionali. Seppure a lungo docente di Tecniche grafiche speciali presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, meno conosciuta è la sua importante attività nel campo della grafica editoriale. Nel 1995 ricostruisce e ridisegna digitalmente il carattere FF Folk, edito nel 2003 da Font Font, massimo repertorio internazionale di settore. Ancora nel 1995 elabora anche il carattere Pomona, tuttora inedito. Gli è stato conferito il Premio Internazionale Guglielmo Marconi 2009 per l’Arte Multimediale e nel 2016 ha ricevuto la nomina a Socio Onorario AIAP (Associazione italiana design della comunicazione visiva).

Orari di apertura durante il festival:

Venerdì 15 settembre ore 09.00 – 23.00

Sabato 16 settembre ore 09.00 – 24.00

Domenica 17 settembre ore 09.00 – 20.00

Orari di apertura dal 18 settembre 2017 al 5 gennaio 2018:

Lunedì ore 14.30 – 19.00

da martedì a venerdì ore 8.30 – 13.00 ; 14.30 – 19.00

sabato ore 8.30 – 13.00

 

 

Sede della mostra: Biblioteca civica d’arte Luigi Poletti
Palazzo dei Musei
Piazza Sant’Agostino, 337
41121 Modena
Tel. 059 2033372
http://www.comune.modena.it/biblioteche
biblioteca.poletti@comune.modena.it

facebook: biblioteche.modena

twitter: bibliotecheMO